Un nuovo test di “buon senso” per l’IA potrebbe portare a macchine più intelligenti
Dopo essere stato sottoposto a numerosi test e validazioni, il modello è stato in grado di valutare la capacità di ragionamento psicologico di base di un modello di intelligenza artificiale
 
I sistemi di intelligenza artificiale si stanno evolvendo rapidamente per diventare il nuovo migliore amico degli esseri umani. Con l’aiuto di questa innovazione tecnologica, le IA possono ora scrivere poesie e aiutare i medici a eseguire operazioni chirurgiche. Ma una cosa che non possono fare, molto più semplice di tutte le altre cose, è usare il buon senso.

Per superare questa complessità, i ricercatori di IBM , MIT e Harvard hanno creato un modello chiamato AGENT (Action-Goal-Efficiency-coNstraint-uTility) che afferma che un nuovo test di “buon senso” potrebbe produrre macchine più intelligenti.

 
Dopo essere stato sottoposto a diversi processi di test e convalida, il benchmark è stato in grado di valutare la capacità di ragionamento psicologico di base di un modello di intelligenza artificiale. Ciò significa che potrebbe effettivamente dare un senso di consapevolezza sociale, interagendo con gli umani in contesti del mondo reale. Il modello si basa su un set di dati su larga scala di animazioni 3D ispirate a esperimenti che studiano lo sviluppo cognitivo nei bambini. 

Secondo IBM , le animazioni raffigurano qualcuno che interagisce con oggetti diversi sotto diversi vincoli fisici. “I video comprendono prove distinte, ognuna delle quali include uno o più video di ‘familiarizzazione’ del comportamento tipico dell’agente in un determinato ambiente fisico, abbinati a video di ‘test’ del comportamento dello stesso agente in un nuovo ambiente, che sono etichettati come ‘ previsto” o “sorprendente”, dato il comportamento dell’agente nei corrispondenti video di familiarizzazione”.

 
Il processo cerca di dimostrare il buon senso. Un modello di intelligenza artificiale deve avere “rappresentazioni integrate di come pianificano gli esseri umani”. Ciò verrebbe implementato combinando le basi della fisica e il ” compromesso costo-ricompensa “. Sebbene non sia ancora perfetto, i risultati mostrano che AGENT è uno strumento diagnostico promettente per lo sviluppo e la valutazione del buon senso nell’IA. 

L’azienda afferma che in futuro AGENT potrebbe aiutare a ridurre significativamente la necessità di formazione, consentendo alle aziende di risparmiare tempo, energia di calcolo e denaro. Poiché i robot non comprendono ancora la coscienza umana, lo sviluppo di tali strumenti di benchmarking può misurare quanto siamo vicini ai livelli di avanzamento nell’IA .

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi