Home / AI Intelligenza Artificiale / L’intelligenza artificiale nella mostra “Machine Memories: Space” dell’artista Refik Anadol

L’intelligenza artificiale nella mostra “Machine Memories: Space” dell’artista Refik Anadol

Gli esseri umani, che vivono alla giornata e prendono decisioni istantaneamente, sono diventati sempre più dipendenti dagli algoritmi durante la pandemia, poiché le macchine trasformano tutte le loro inclinazioni in previsioni.

L’artista Refik Anadol ha portato una diversa interpretazione artistica a questa dipendenza con la sua mostra d’arte “Machine Memories: Space”, che ha recentemente aperto nella metropoli turca di Istanbul. La mostra personale di Anadol ha anche attirato la grande attenzione delle grandi aziende tecnologiche di tutto il mondo. Il responsabile del Media Lab del Massachusetts Institute of Technology (MIT), Türk Telekom, ha descritto i criteri di successo come “un impatto”.

Al quarto piano, la mostra accompagna gli appassionati d’arte in un viaggio con dati di diverse forme. Al piano più basso, immagini e colori scorrono come se si muovessero all’interno di un tunnel di dati. Poi, all’ultimo piano, si incontrano le origini del racconto del viaggio.

In oltre 3 milioni di foto, vieni introdotto alle forme in cui Refik Anadolu dipinge i ricordi delle macchine che hanno appreso la superficie di Marte con pennellate di intelligenza artificiale (AI) sotto forma di fluidodinamica.

Durante la realizzazione delle sue opere d’arte, Anadol lavora con scienziati che esplorano lo spazio utilizzando i telescopi della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), Hubble e Magdalena Ridge Observatory (MRO) e ingegneri che sviluppano algoritmi GAN (Generative Adversarial Networks).

Tratta le immagini ottenute dai telescopi utilizzati dagli scienziati per esplorare lo spazio con i dati come “memorie di macchine”. Ci sono alcuni dettagli che Anadol sottolinea in ciascuna delle sue mostre. In primo luogo, utilizza solo dati pubblici, non dati personali. Pur dichiarando le fonti degli algoritmi utilizzati con il suo pubblico, condivide anche le sue scoperte tramite algoritmi GAN attraverso il viaggio AI con forme artistiche sotto forma di fluidodinamica.

Al piano superiore si incontra la forma in quanto copre tutte le superfici del locale. Infine, al quarto piano, si incontra la forma in cui i dati sono stati trasformati in una statua. Le sculture che utilizzano gli schermi Frame di Samsung stanno ora assumendo una nuova forma.

È emozionante che un artista turco ispiri le persone con sculture basate sui dati nel cuore della tecnologia. È ancora più emozionante immaginare più delle sue opere esposte nella sfera pubblica in Turchia. Immagino la scultura di dati di Anadol di fronte al rinnovato Centro Culturale Atatürk.

La storia di Anadol, che immagina che le macchine abbiano dei ricordi, inizia con il suo amico architetto Alper Derinboğaz dopo che hanno convertito le registrazioni audio di 72 ore di Beyoğlu in una scultura di dati 3-D.

Anadol dice che questa è la prima esperienza di meccanizzazione e scultura dei dati, immaginando che anche le macchine, come le persone che hanno chiuso le loro case con la pandemia e fatto nuove onde nei mari dei dati, abbiano dei ricordi. E lo fa con l’immaginazione delle macchine che esplorano lo spazio.

All’inaugurazione della mostra “Machine Memoirs: Space” alla Pilevneli Art Gallery, Anadol ha sottolineato che i dati in sé non sono numeri noiosi, ma un ricordo. “Ho iniziato a lavorare con i dati su una scala molto diversa. Successivamente, un collezionista di Boston che ha raccolto le mie opere ha richiesto un film in movimento. Questo si è trasformato in una bellissima ispirazione. Era formato da dati costituiti da dati del vento, cioè la pressione dell’aria, la direzione e la velocità del vento”.

I percorsi di scultura dei dati sono cambiati molto, continua Anadol, mentre spiega il suo lavoro. “All’ingresso dell’edificio Sales Force a San Francisco, c’è una scultura di dati 3-D creata utilizzando i dati pubblici del comune di San Francisco per quasi 20 anni. Questi progetti hanno iniziato ad evolversi in seguito. Questi si sono evoluti lentamente. Abbiamo realizzato diversi progetti in luoghi come grandi hotel, edifici, istituzioni pubbliche, aeroporti”.

Poi, nel 2016, ha detto che l’attività è cambiata un po’. “Il business è cambiato istantaneamente con l’invito di Google’s Artists and Machine Intelligence Group (AMI)”, ha osservato. “Non è un’idea inverosimile per gli amanti della fantascienza che le macchine possano sognare, ricordare, imparare, ma cinque anni fa era praticamente impossibile da fare. Così è arrivata l’esperienza di usare praticamente l’intelligenza artificiale. I dati hanno cominciato a trasformarsi non solo in numeri e ricordi, ma anche oggetti che potrebbero viaggiare verso la coscienza nella mente della macchina”, ha spiegato Anadol.

Negli ultimi cinque anni, Anadol ha affermato di aver sperimentato per imparare il futuro in un senso molto più eticamente positivo, “se possiamo rendere la macchina un essere umano, piuttosto che rendere umano una macchina combinando intelligenza artificiale, architettura e neuroscienze”.

Fornendo informazioni sulla mostra, Anadol ha continuato dicendo che quando l’ego e i dati di tre preziosi telescopi in questa mostra vengono separati, il lavoro diventa significativo. “Non abbiamo problemi con la privacy. Allo stesso tempo, stiamo iniziando a parlare di ricordi collettivi dell’umanità, sogni collettivi e, a un certo punto, spero, di coscienza collettiva “, ha detto Anadol. Facciamo domande del tipo: “Marte è il secondo pianeta su cui andremo? Esistono pianeti alternativi che il telescopio Hubble può vedere? ” Anadol ha detto nel suo sogno che è “chiedere ciò che non viene chiesto, vedere l’invisibile, cercare di creare un nuovo metodo di ispirazione”. “Mentre si fa questo, per rivelare un nuovo metodo di immaginazione con gli elementi cognitivi che formano gli esseri umani come ricordare, sognare. Forse questo ci darà una visione più approfondita del prossimo futuro che non possiamo vedere. Penso che rivelerà la possibilità di trasformare i dati in oggetti che possono essere davvero utili per le persone, piuttosto che essere un prodotto noioso”.

Quando diciamo intelligenza artificiale, stiamo parlando di una certa memoria e dati. Esiste nell’ambito dei dati. Quindi, si trasforma in un esperimento di apprendimento nella realtà. Ma, ad esempio, c’è un divario tra un bambino che cresce e dà un senso alle sue esperienze e l’apprendimento dell’IA e il rimanere entro i suoi limiti.

L’immaginazione può insegnarci molto se la pensiamo come un esperimento controllato. Gli algoritmi in questa mostra mostrano anche l’invisibile agli ingegneri JPL della Nasa con cui abbiamo lavorato per tre anni. Pensaci, hai più di 3 milioni di fotografie della superficie di Marte in mano. Ci vogliono anni per impararlo. Potrebbero volerci anni anche solo per guardarli e non è sicuro quanto puoi imparare da loro, mentre abbiamo una macchina per farlo e non lo dimenticheremo.

Nel descrivere se stesso, Anadol ha detto sui dati pubblici etici, le informazioni sulle risorse e gli algoritmi GAN: “Per me, l’arte dovrebbe raggiungere ogni persona, ogni cultura, ogni età. Questo per me è iniziato con l’arte nella sfera pubblica. Sto parlando di memorie collettive, natura, spazio e dati in cui ognuno può trovare significato e significato. Pertanto, penso che l’arte nella sfera pubblica diventi più onesta e più significativa quando viene eseguita con dati pubblici. Questa è la mia preoccupazione etica. “

Pertanto, ha affermato di non fare affari con i dati personali. “Neanche io voglio fare. Chiunque può scaricare qualsiasi dato Nasa JPL in questa mostra. Scaricare 12 terabyte di dati non è facile, ma è disponibile per tutti. Negli ultimi cinque anni ho condiviso onestamente il nome dell’algoritmo e come viene utilizzato in ogni mostra in ogni progetto. Penso che questo atteggiamento crei risorse affinché le persone si interroghino, ricercino e ispirino. A proposito degli algoritmi GAN, ho incontrato Ian Goodfellow, un ricercatore di Google che ha inventato gli algoritmi GAN nel 2016. È stata una conversazione molto utile. Da allora, penso che se dovessi avere un pennello che pensa agli artisti, un giorno avrebbe avuto senso avere un algoritmo GAN. Come artista, se volevo tingere quel pennello nella mente della macchina e dipingere con la coscienza della macchina, in effetti, quell’algoritmo suggeriva una descrizione molto accurata. In questo studio, vediamo l’algoritmo modificato sviluppato dalla società NVIDIA con l’algoritmo GAN. Negli ultimi quattro anni ci hanno supportato molto in termini di software e hardware come squadra. Usiamo questi algoritmi reintegrandoli, sviluppandoli e rieseguendoli. Sebbene l’algoritmo cambi fino a quando non arriva alla mostra come fase finale, lo spettatore può vedere ogni fase dai link sopra. Dai link condivisi, tutti possono vedere il nostro punto di partenza e la nostra fase finale”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi