Un passo più vicino all’IA con una mente simile a quella umana
 

Un team di ricercatori della Graduate School of Informatics dell’Università di Nagoya, ci ha avvicinato di un passo allo sviluppo di una rete neurale con metamemoria attraverso un esperimento di evoluzione basato su computer. Questo tipo di rete neurale potrebbe aiutare gli esperti a comprendere l’evoluzione della metamemoria, che potrebbe aiutare a sviluppare l’intelligenza artificiale (AI) con una mente simile a quella umana. 

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Scientific Reports .

Cos’è la Metamemoria?
La metamemoria è il processo mediante il quale ci chiediamo se ricordiamo qualcosa e che la memoria viene utilizzata per decidere le azioni in corso. Questo è in realtà un processo molto complesso. Ciò che rende importante la metamemoria è che coinvolge una persona che ha conoscenza delle proprie capacità di memoria, che viene utilizzata per regolare il proprio comportamento. 

Il professor Takaya Arita è l’autore principale della ricerca. 

“Per chiarire le basi evolutive della mente e della coscienza umana, è importante comprendere la metamemoria”, afferma la professoressa Arita. “Un’intelligenza artificiale veramente simile a quella umana, con cui si può interagire e godere come un membro della famiglia a casa di una persona, è un’intelligenza artificiale che ha una certa quantità di metamemoria, poiché ha la capacità di ricordare cose che una volta ha sentito o imparato.”

I ricercatori di solito impiegano un “compito ritardato di corrispondenza con il campione” quando studiano la metamemoria. Negli esseri umani, questo compito prevede che il partecipante veda un oggetto, lo ricordi e quindi partecipi a un test per selezionare la cosa che aveva visto in precedenza da più oggetti simili. Funziona su un sistema di ricompensa, con le risposte corrette premiate e le risposte sbagliate punite. Tuttavia, il soggetto può decidere di non fare il test e guadagnare comunque una ricompensa minore. 

Quando gli esseri umani svolgono questo compito, usano naturalmente la loro metamemoria per considerare se ricordano di aver visto l’oggetto. Se questo è il caso, farebbero il test e riceverebbero una ricompensa maggiore. Ma se non fossero sicuri, eviterebbero di rischiare la penalità e prenderebbero la ricompensa più piccola. 

Raggiungere la metamemoria nel modello di rete neurale
Il team di ricercatori, che comprendeva il professor Takaya Arita, Yusuke Yamato e Reiji Suzuki della Graduate School of Informatics, ha sviluppato un modello di rete neurale artificiale che ha eseguito l’attività di abbinamento ritardato al campione e ne ha analizzato il comportamento. 

Il modello ha dimostrato una capacità di evolversi al punto in cui si è comportato in modo simile alle scimmie in studi precedenti. Ricerche precedenti hanno indicato che anche le scimmie possono svolgere questo compito. 

La rete neurale è stata in grado di esaminare i suoi ricordi, conservarli e separare gli output, il tutto senza richiedere assistenza o intervento umano. Ciò ha suggerito la plausibilità del fatto che abbia meccanismi di metamemoria. 

“La necessità di metamemoria dipende dall’ambiente dell’utente. Pertanto, è importante che l’intelligenza artificiale disponga di una metamemoria che si adatti al suo ambiente apprendendo ed evolvendo”, afferma la professoressa Arita. “Il punto chiave è che l’intelligenza artificiale impara e si evolve per creare una metamemoria che si adatta al suo ambiente”.

Il nuovo sviluppo è un passo importante verso la realizzazione di macchine con ricordi simili a quelli umani. 

“Ci si aspetta che questo risultato fornisca indizi sulla realizzazione dell’intelligenza artificiale con una ‘mente simile a quella umana’ e persino una coscienza”, afferma il team.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi