Home / Archive by category "Hardware AI"

Hardware AI

Nvidia il sistema su chip Drive Atlan per veicoli autonomi

Al GTC 2021 , Nividia ha presentato questa mattina Drive Atlan, un sistema su chip abilitato all'intelligenza artificiale per veicoli autonomi che prenderà di mira i modelli 2025 delle case automobilistiche. In grado di fornire poco più di 1.000 trilioni di operazioni al secondo (TOP), Atlan include l'architettura GPU di nuova generazione di Nvidia, core CPU ARM e acceleratori di deep learning e visione artificiale. Un rapporto del MIT stima che i veicoli veramente autonomi potrebbero non scendere in strada per un decennio. Tuttavia, alcuni esperti prevedono che la pandemia accelererà l'adozione di tecnologie di trasporto autonomo. Nonostante necessitino di disinfezione, le auto senza conducente possono potenzialmente ridurre al minimo il rischio di diffusione di malattie. Allied Market Research prevede che il mercato globale dei veicoli autonomi sarà valutato a $ 556,67 miliardi entro il 2026. Atlan, che integra un'unità di elaborazione dati Nvidia BlueField per funzioni di rete, archiviazione e sicurezza, è da 4 a 33 volte più potente in termini di elaborazione degli altri chip Nvidia focalizzati sulla guida autonoma, Drive Xavier e Drive Orin . Xavier può raggiungere fino a 30 TOP, mentre Orin arriva a 254. Il CEO di Nvidia Jensen Huang afferma che Atlan è progettato per gestire il gran numero di applicazioni AI che vengono eseguite contemporaneamente su veicoli senza conducente. "Il nostro nuovo Atlan è davvero una meraviglia tecnica, fondendo tutti i punti di forza di Nvidia nei data center AI, auto, robotica, sicurezza e sicurezza BlueField per fornire flotte sicure a guida autonoma", ha detto Huang in un comunicato stampa. “L'industria dei trasporti ha bisogno di una piattaforma informatica su cui poter fare affidamento per decenni. L'investimento nel software è troppo immenso per essere ripetuto per ogni auto ". Nvidia ha anche annunciato che amplierà la sua partnership con Volvo per utilizzare Orin nei prossimi modelli Volvo. La prima ve...
Continua a Leggere

Nvidia Morpheus

Nvidia annuncia Morpheus, un framework per app basato sull'intelligenza artificiale per la sicurezza informatica Durante il suo keynote virtuale GTC 2021 questa mattina, Nvidia ha annunciato Morpheus, un framework di app "cloud-native" volto a fornire ai partner di sicurezza informatica competenze di intelligenza artificiale che possono essere utilizzate per rilevare e mitigare gli attacchi di sicurezza informatica. Utilizzando l'apprendimento automatico, Morpheus identifica, acquisisce e agisce su minacce e anomalie, comprese fughe di dati sensibili, tentativi di phishing e malware. Morpheus è disponibile in anteprima da oggi e gli sviluppatori possono richiedere l'accesso anticipato sulla pagina di destinazione di Nvidia . Riflettendo il ritmo di adozione, l'IA nel mercato della sicurezza informatica raggiungerà un valore di 38,2 miliardi di dollari entro il 2026, progetti Markets and Markets . È aumentato da $ 8,8 miliardi nel 2019, che rappresenta un tasso di crescita annuale composto di circa il 23,3%. Proprio la scorsa settimana, uno studio del MIT Technology Review Insights e Darktrace ha rilevato che il 96% dei dirigenti di grandi aziende sta valutando l' adozione di una "IA difensiva" contro gli attacchi informatici. Morpheus consente essenzialmente ai nodi di calcolo nelle reti di fungere da sensori di difesa informatica: Nvidia afferma che le sue unità di elaborazione dati BlueField-3 recentemente annunciate possono essere configurate specificamente per questo scopo. Con Morpheus, le organizzazioni possono analizzare i pacchetti senza replica delle informazioni, sfruttando la telemetria in tempo reale e l'applicazione delle policy, nonché l'elaborazione dei dati a livello periferico. Grazie all'intelligenza artificiale, Morpheus può apparentemente analizzare più dati di sicurezza rispetto ai framework di app di sicurezza informatica convenzionali senza sacrificare costi o prestazioni. Gli sviluppatori possono creare le proprie competenze M...
Continua a Leggere

Nvidia DPU BlueField-3

Nvidia annuncia le DPU BlueField-3 per carichi di lavoro di intelligenza artificiale e analisi Al GTC 2021, questa mattina Nvidia ha eliminato l'unità di elaborazione dati (DPU) BlueField-3, l'ultima nella sua gamma di macchine per data center costruite per carichi di lavoro di intelligenza artificiale e analisi. BlueField-3 racchiude funzionalità di accelerazione di rete, archiviazione e sicurezza informatica definite dal software, offrendo ciò che Nvidia afferma è l'equivalente di un massimo di 300 core CPU di potenza o 1,5 TOP . A partire dal 2019, il tasso di adozione dell'analisi dei big data era del 52,5% tra le organizzazioni, con un ulteriore 38% che intendeva utilizzare la tecnologia in futuro, secondo Statista. I vantaggi sono evidenti. Un sondaggio del 2019 di Enterprenuer.com ha rilevato che le aziende che implementano l'analisi dei big data hanno registrato un aumento dei profitti dall'8% al 10%. Le DPU BlueField-3 di Nvidia sono dotate di interconnessioni 300GbE / NDR e possono fornire fino a 10 volte il calcolo delle DPU BlueField-2 della generazione precedente, con 22 miliardi di transistor, isolando le app dal piano di controllo e gestione. I 16 core ARM A78 all'interno possono gestire 4 volte le prestazioni di crittografia e BlueField-3 è la prima DPU a supportare PCIe di quinta generazione e l'accelerazione del data center sincronizzato nel tempo. BlueField-3 può inoltre fungere da agente di monitoraggio per Morpheus, la piattaforma di sicurezza informatica cloud di Nvidia abilitata all'intelligenza artificiale, anch'essa annunciata oggi. Inoltre, sfrutta DOCA, l'architettura del data center su chip dell'azienda per la creazione di app di rete, archiviazione, sicurezza e gestione definite dal software e accelerate dall'hardware in esecuzione su DPU BlueField. "I moderni cloud hyperscale stanno guidando una nuova architettura fondamentale per i data center", ha dichiarato il fondatore e CEO di Nvidia Jensen Huang in un comunicato st...
Continua a Leggere

Pexip e NVIDIA

Pexip Collaborando con NVIDIA per creare esperienze di videoconferenza coinvolgentiPoiché le riunioni video continuano a diventare cruciali in molte aziende, le aziende stanno lavorando per renderle migliori e più coinvolgenti. Pexip, fornitore leader di soluzioni di collaborazione e videoconferenza aziendale, è una di queste società. È stato annunciato oggi che Pexip collaborerà con NVIDIA per trovare modi per utilizzare tecnologie avanzate come l'AI conversazionale e l'apprendimento profondo per creare un'esperienza video più coinvolgente e coinvolgente. L'azienda si sta concentrando su ogni membro della riunione, indipendentemente dal dispositivo utilizzato. SDK NVIDIA MaxineL' SDK NVIDIA Maxine con accelerazione GPU è il fulcro di questa nuova collaborazione. Abilita funzionalità come super risoluzione, riduzione degli artefatti, tracciamento del viso, stima della posa del corpo e rimozione del rumore. Con l'infrastruttura digitale sicura e flessibile di Pexip, queste funzionalità possono avere luogo a livello di server, il che significa che ogni partecipante ha la stessa esperienza. Grazie alla combinazione, le tecnologie Pexip e NVIDIA possono aiutare a far avanzare la forza lavoro dei modem. https://youtu.be/eFK7Iy8enqM Giles Chamberlin è CTO e co-fondatore di Pexip. "La combinazione delle funzionalità di elaborazione AI avanzate di NVIDIA con l'architettura unica di Pexip ci consentirà di reinventare le riunioni virtuali per interazioni più ricche e umane", ha affermato Chamberlin. “Pexip transcodifica i media live in tempo reale durante le riunioni per offrire a ogni partecipante la migliore esperienza audio e video possibile su qualsiasi dispositivo stia utilizzando. Non vediamo l'ora di esplorare l'ulteriore estensione e applicazione della nostra tecnologia di transcodifica lato server con NVIDIA Maxine ". Le caratteristiche principali di NVIDIA Maxine includono: SDK facile da usare che include librerie e pipeline di esempio che...
Continua a Leggere

Domino’s e Nuro e il loro robot autonomo R2 per la consegna della pizza

Domino's e Nuro stanno dando il via a un pilota robotico di consegna della pizza a Houston questa settimana, offrendo ai clienti la possibilità di ricevere ordini dai piccoli veicoli dello sviluppatore di tecnologia di guida autonoma della Silicon Valley che assomigliano un po 'a tostapane su ruote. Il programma coinvolge un solo negozio Domino, situato nel quartiere Woodland Heights di Houston, ed è aperto a un numero limitato di clienti che effettuano ordini prepagati online, hanno detto le società. Le persone che scelgono di ricevere una consegna tramite un veicolo robotico Nuro R2 riceveranno aggiornamenti di testo sull'ordine e un numero di codice univoco per sbloccare e recuperare la loro pizza da un vano portaoggetti quando arriva. "C'è ancora così tanto da imparare per il nostro marchio sullo spazio di consegna autonomo", ha affermato Dennis Maloney, vicepresidente senior e chief innovation officer di Domino. "Questo programma ci consentirà di comprendere meglio come i clienti rispondono alle consegne, come interagiscono con il robot e come influisce sulle operazioni del negozio". La partnership di consegna della pizza di Nuro con Domino's segue i precedenti progetti pilota di Mountain View, con sede in California, con Walmart, Kroger e CVS. Fondata da due ex membri del progetto di auto a guida autonoma di Google, Nuro è anche tra gli sviluppatori di tecnologia autonoma meglio finanziati, assicurandosi $ 500 milioni in un round di finanziamento annunciato il mese scorso in aggiunta a un round $ 940 milioni guidato da Softbank e Greylock Management. A differenza dei programmi tecnologici a guida autonoma in competizione presso Waymo di Alphabet e Cruise sponsorizzato da GM, Nuro si concentra esclusivamente sulle consegne e sulla logistica, piuttosto che sui robotaxi. Il suo veicolo elettrico R2, progettato per trasportare pacchi, generi alimentari e ordini di cibo, è circa la metà delle dimensioni di un'auto convenzionale e viaggia a velocità rel...
Continua a Leggere

NVIDIA presenta la CPU Grace AI Supercomputing e la piattaforma per veicoli autonomi sicura Atlan

Alla sua GPU Technology Conference (GTC) del 2021 di oggi, il CEO di NVIDIA Jensen Huang ha rivelato una serie di nuovi prodotti sulla roadmap dell'azienda che hanno lo scopo di accelerare i carichi di lavoro di machine learning, AI e High Performance Compute (HPC) nelle applicazioni dal supercalcolo all'analisi dei big data e veicoli autonomi. Durante il discorso programmatico di oggi del signor Huang sono state annunciate numerose nuove tecnologie, alcune delle quali incentrate sul supporto ecosistemico di queste tecnologie, insieme agli impegni dei partner del settore. Detto questo, concentriamoci su due importanti annunci di prodotti a livello di chip qui, anche se ti incoraggio a controllare tutte le rivelazioni di NVIDIA sul sito virtuale GTC '21 dell'azienda dove la registrazione è gratuita. In effetti, "NVIDIA ora è un'azienda con tre chip", ha osservato Huang all'introduzione della sua nuova CPU "Grace", segnando l'annuncio del primo processore host principale dell'azienda per applicazioni specializzate a supporto delle GPU (unità di elaborazione grafica) e in combinazione con DPU (unità di elaborazione dati). Entra in NVIDIA Grace, un processore di fascia altissima con un orgoglioso omonimoLa nuova CPU Grace di NVIDIA è destinata a massicci training di intelligenza artificiale e carichi di lavoro HPC e il suo nome è in onore di Grace Hopper, scienziata informatica, programmatrice e ammiraglio della Marina degli Stati Uniti, accreditata per lo sviluppo di un concetto di linguaggio di programmazione basato sul linguaggio naturale inglese. Il nome Grace si adatta alla nuova CPU di NVIDIA perché è specificamente mirato ad applicazioni come la formazione AI su modelli massivi di NLP (Natural Language Processing) "con più di 1 trilione di parametri", come lo classifica NVIDIA. Basato sulla tecnologia Arm di nuova generazione con licenza, Grace è progettato per supportare interconnessioni NVIDIA NVLink ad alta velocità fino a 900 GB / s per GPU con sup...
Continua a Leggere

WineCab il robot sommellier

L'intelligenza artificiale e la robotica sono finalmente pronte per la tua casa (e non intendo il Roomba) Per decenni un certo ordine ha strutturato il mondo dell'automazione. I robot, più recentemente quelli alimentati da AI e Big Data, hanno lavorato nelle fabbriche, mentre gli esseri umani hanno goduto dei benefici del loro lavoro dove viviamo e lavoriamo. Questo tradizionale divario tra robotica umana e intelligenza artificiale rimarrà sicuramente per alcuni settori. Nessuno sta installando un robot industriale nel loro garage per costruire un car- ancora . Ma il divario uomo / robot potrebbe presto ridursi, se non crollare, tutto a causa di un esperto di robotica che ama il vino ed è stato costretto a casa a causa di una malattia. Quell'ultima frase potrebbe averti sbalordito. Cosa potrebbe avere a che fare essere un appassionato di vino, un enofilo, per usare il termine tecnico, con l'accelerazione della tecnologia? La risposta breve è bene, tutto , ed è così da almeno 8.000 anni . Incredibili salti di innovazione si sono verificati regolarmente solo perché le persone hanno cercato di produrre vino migliore e mantenerlo bevibile più a lungo. Non mi credi? I Greci svilupparono l'Anfora, l'onnipresente giara che alimenta l'antica economia commerciale marittima, in gran parte per il trasporto del vino. Nel frattempo, la bottiglia di vino come la conosciamo oggi ha le sue radici nel primo secolo d.C. Le innovazioni del vetro romano erano progettate per (indovinate) proteggere il vino mentre lo mostrava al mondo. Ciò significa che gli schermi degli smartphone e i monitor dei computer su cui tutti facciamo affidamento devono la loro esistenza in parte al vino. Ma il rapporto dell'industria del vino con la tecnologia non è solo qualcosa di relegato all'antico passato. I produttori di vino di tutto il mondo stanno abbracciando la robotica e la tecnologia AI in modi simili alle loro controparti industriali, sostituendo l'acciaio grezzo con terra e sole e...
Continua a Leggere

Gli acceleratori di inferenza e addestramento di intelligenza artificiale di Habana Labs per fornire un calcolo AI ad alte prestazioni e alta efficienza nel suo supercomputer Voyager

GLI Acceleratori IA di Habana Labs da utilizzare nel supercomputer Voyager Il San Diego Supercomputer Center (SDSC) dell'UC San Diego ha selezionato gli acceleratori di inferenza e addestramento di intelligenza artificiale (AI) di Habana Labs per fornire un calcolo AI ad alte prestazioni e alta efficienza nel suo supercomputer Voyager . Habana Labs è uno sviluppatore leader di acceleratori di apprendimento profondo appositamente progettati . Supercomputer VoyagerIl supercomputer Voyager scalerà la capacità di addestramento dell'IA con l'esclusiva tecnologia di interconnessione di Habana, in particolare 336 processori Gaudi. Questi processori sono particolarmente adatti per il ridimensionamento di grandi applicazioni di addestramento per supercomputer e Gaudi è l'unico processore AI nel settore in grado di integrare nativamente dieci porte Ethernet da 100 Gigabit di RoCE v2 su chip. Ciò consente flessibilità di scalabilità e aiuta a evitare colli di bottiglia del throughput, che possono limitare la capacità di scalabilità. Oltre a questo, il sistema Voyager contiene anche 16 processori Habana Goya, che vengono utilizzati per alimentare i modelli di inferenza AI. Amitava Majumdar è a capo della divisione Data Enables Scientific Computing di SDSC e investigatrice principale per il progetto Voyager. "Con soluzioni innovative ottimizzate per operazioni di deep learning e carichi di lavoro di intelligenza artificiale, gli acceleratori Habana sono la scelta ideale per alimentare l'imminente ricerca sull'intelligenza artificiale di Voyager", ha affermato Majumdar. "Non vediamo l'ora di collaborare con Habana, Intel e Supermicro per portare questa classe di capacità di elaborazione straordinariamente efficiente al programma Voyager, dando ai ricercatori accademici l'accesso a uno dei sistemi focalizzati sull'intelligenza artificiale più capaci oggi disponibili". Le prestazioni e l'efficienza nelle operazioni di intelligenza artificiale sono aumentate con la f...
Continua a Leggere

Il computer fotonico Lightmatter è 10 volte più veloce della GPU con intelligenza artificiale NVIDIA più veloce e utilizza molta meno energia

Supercomputer fotonico per intelligenza artificiale: 10 volte più veloce, 90% in meno di energia, più pista per un aumento della velocità di 100 volte Il computer fotonico Lightmatter è 10 volte più veloce della GPU con intelligenza artificiale NVIDIA più veloce e utilizza molta meno energia. E ha una pista per aumentare questo enorme vantaggio di un fattore 100, secondo il CEO Nicholas Harris. Nel processo, potrebbe semplicemente riavviare una moribonda legge di Moore. O farla saltare completamente in aria. "Con i carichi di lavoro tipici siamo fino a 10 volte più veloci delle tecnologie esistenti come il chip A100 di NVIDIA", mi ha detto Harris in un recente episodio del podcast TechFirst . “Se guardi ResNet-50, che è una rete neurale utilizzata da molte persone; o BERT, che è una rete neurale di elaborazione del linguaggio naturale; o DLRM, che è una rete che le persone usano per consigliarti i prodotti … in genere siamo più di 10 volte più veloci ". 10 volte più veloce di una NVIDIA A100 è un grosso problema. NVIDIA commercializza l'A100 come componente della "più potente piattaforma server accelerata per AI e calcolo ad alte prestazioni", affermando che è il "primo sistema AI 5 petaFLOPS al mondo". Un petaflop è mille trilioni, o un quadrilione, di operazioni in virgola mobile al secondo. In confronto, e con il serio rischio di confrontare le mele con le arance, il nuovo chip M1 di Apple secondo quanto riferito offre 2,6 teraflop al secondo. Un petaflop equivale a 1000 (o 1024) teraflop, quindi l'A100 sta urlando velocemente. Ma Harris afferma che il computer fotonico Lightmatter è 10 volte più veloce. È impressionante, per non dire altro, perché suggerisce una capacità di elaborazione di 50 petaflop o più per chip. In confronto, i supercomputer funzionano a livelli di prestazioni di centinaia di petaflop , spesso utilizzando centinaia o migliaia di chip per farlo. Ancora una volta, usa un pizzico di sale: confrontare le velocità ...
Continua a Leggere

Il nuovo Nest Hub di Google il miglior rilevatore del sonno mai inventato

Il nuovo Nest Hub di Google è il monitoraggio del sonno che desidero Il nuovo Nest Hub di Google potrebbe essere il miglior rilevatore del sonno mai inventato. Pur essendo anche al sicuro nella privacy. Il sonno è una di quelle cose divertenti, come la salute, a cui non pensi mai finché non fa schifo. Di recente, non è stato eccezionale per me - come circa il 33% degli adulti - ma non sono mai stato interessato a un rilevatore del sonno che è un oggetto duro indossato continuamente al polso. Non è comodo, non si sente al sicuro e … devi caricare il tuo smartwatch ad un certo punto. Né ho voluto un sensore complesso e costoso sotto il mio materasso. E, ovviamente, qualsiasi dispositivo sempre acceso con una fotocamera è completamente verboten in camera da letto. Entra nel nuovo Google Nest Hub, fase a sinistra. Il nuovo dispositivo di Google utilizza la tecnologia radar a bassa energia Soli che è stata originariamente sviluppata per un linguaggio dei segni basato sui gesti per consentire agli esseri umani di controllare i computer e la utilizza per monitorare la frequenza con cui ti giri e ti giri, agiti gli arti o ti alzi stancamente e visiti il WC nella speranza di un successivo sollievo. "Soli è costituito da un ricetrasmettitore radar a onda continua modulata in frequenza (FMCW) a onde millimetriche che emette un'onda radio a bassissima potenza e misura il segnale riflesso dalla scena di interesse". Poiché è un'onda millimetrica, può "vedere" i tuoi movimenti ampi e percepire l'alzarsi e l'abbassarsi del tuo petto mentre respiri. Google lo ha testato su "più di un milione di ore" di persone che dormono accanto a migliaia di cavie volenterose (esseri umani volontari!) E ha costruito un sistema di intelligenza artificiale che ignora il tuo partner che dorme accanto a te, il movimento di un ventilatore da soffitto o lo sventolio di un sipario al vento. Tiene traccia di quanto bene e profondamente dormi e quindi aggiunge una parte cruciale: Nest Hu...
Continua a Leggere
Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi