Home / Computer Vision / Come la profilazione 3D conferisce alla visione artificiale una dimensione aggiuntiva 

Come la profilazione 3D conferisce alla visione artificiale una dimensione aggiuntiva 

In che modo la creazione di profili 3D conferisce alla visione artificiale una dimensione aggiuntiva 

L’uso della visione artificiale nelle città intelligenti consente loro di funzionare senza problemi. Allo stesso tempo, considerando come la visione artificiale sia destinata a fungere da catalizzatore per la digitalizzazione in diversi settori in futuro, è naturale aspettarsi che la tecnologia si evolva nel tempo. Di conseguenza, negli ultimi anni la computer vision ha subito diverse evoluzioni per coprire più aree di applicazione.

 
La profilazione 3D, una strategia di visione 3D che consente l’acquisizione di immagini tridimensionali per vari scopi, può portare ai suddetti miglioramenti nella visione artificiale. Ecco come l’inclusione della profilazione 3D migliora la visione artificiale:

Maggiore precisione dimensionale
Nonostante i progressi, gli strumenti di visione artificiale potrebbero sempre avere una dose aggiuntiva di chiarezza e accuratezza quando acquisiscono immagini o video che verranno successivamente utilizzati nei sistemi di riconoscimento facciale o in altri sistemi basati sull’intelligenza artificiale. La profilazione 3D utilizza la profilatura laser per il compito di creare immagini 3D. Ciò consente di acquisire immagini o video con il massimo grado di precisione, con la risoluzione della profondità spesso misurabile in micrometri (μm). Di conseguenza, i dati di input nei sistemi di visione artificiale 3D non contengono quasi alcuna variazione. Tali dati possono essere messi a frutto dall’apprendimento automatico e dagli strumenti di intelligenza artificiale.

La maggiore precisione consente inoltre ai ricercatori di avere un’idea migliore della misurazione della profondità o dell’altezza. Ad esempio, è possibile rispondere a determinate domande relative all’altezza di determinati oggetti in un’immagine, nonché alle informazioni relative agli oggetti vicini.


In che modo la creazione di profili 3D conferisce alla visione artificiale una dimensione aggiuntiva

 
Per lo più, l’intelligenza artificiale, la visione artificiale e altre tecnologie vengono utilizzate principalmente per la verifica dei dati e delle immagini in vari sistemi e dispositivi. Come molti di noi sanno, gli esseri umani possono commettere errori durante il processo di verifica. La profilazione 3D rende il processo di verifica più affidabile grazie a una maggiore precisione nei dati di input, come indicato sopra. Di conseguenza, il processo di verifica dei dati viene svolto, anche con risultati di output migliori, se si utilizza la profilazione 3D per approfondire le applicazioni di visione artificiale.

 
I sistemi di intelligenza artificiale sono generalmente meno soggetti a errori rispetto ad altre macchine non AI e agli esseri umani. Se gli algoritmi vengono addestrati con un gran numero di set di dati diversi e culturalmente inclusivi, le operazioni basate sulla visione artificiale possono essere eseguite senza problemi. La profondità fornita dalla profilazione 3D consente alle applicazioni basate sulla visione artificiale di avere informazioni esatte sulla distanza di un oggetto dall’obiettivo e da altri oggetti nell’ambiente circostante.

L’introduzione della profilazione 3D migliora campi come la robotica e l’AR, che utilizzano anche la visione artificiale. Tecnologie come la profilazione 3D sono qui per restare e migliorare tecnologie come la visione artificiale in futuro.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi