Non ci sono strutture o regolamenti chiari in atto che definiscano come le autorità dovrebbero utilizzare tecnologie controverse come un sistema di riconoscimento facciale.
 
 
Di recente, un RTI presentato dalla Internet Freedom Foundation (IFF) ha rivelato che la polizia di Delhi sta utilizzando la tecnologia di riconoscimento facciale (FRT) per catturare i rivoltosi nella capitale.

Ciò ha causato scalpore poiché molti membri della società civile hanno espresso preoccupazione e definito “non etico” l’uso della FRT da parte della polizia di Delhi in assenza di una legge sulla protezione dei dati nel paese. L’argomento avanzato da loro è che la sicurezza nazionale non dovrebbe andare a scapito della privacy.

 

Perché la polizia di Delhi usa FRT?
L’RTI depositato dall’IFF ha rivelato che l’approvvigionamento dell’FRT da parte della polizia di Delhi era stato autorizzato secondo una direzione del 2018 dell’Alta Corte di Delhi in Sadhan Haldar v NCT di Delhi. La polizia di Delhi voleva usare la tecnologia per trovare i bambini scomparsi nella capitale.

Nello stesso anno, è stato rivelato che la tecnologia non era affidabile poiché la sua precisione era solo del 2%. 

Tuttavia, nel 2020, in una risposta RTI, la polizia di Delhi ha rivelato di utilizzare la tecnologia FRT acquistata nel 2018 nelle indagini di polizia.

Rispondendo alla RTI presentata dall’IFF, la polizia di Delhi ha rivelato di utilizzare una soglia dell’80%, il che significa che qualcuno con una somiglianza dell’80% viene trattato come un risultato positivo.

Inoltre, se il punteggio è inferiore all’80%, vengono trattati come falsi positivi, il che significa che saranno ancora nel radar della polizia e saranno ulteriormente indagati.

“L’accuratezza dei risultati nel riconoscimento facciale dipende da tre parametri in ogni discutibile condizione di luce della fotografia, distanza e angolo del viso”, ha affermato la polizia di Delhi nella risposta RTI. 

“Il database in base al quale la polizia di Delhi ha addestrato l’FRT è stato preso dal dossier e dalle fotografie dei detenuti che la polizia conservava nelle sezioni tre e quattro dell’attuale abrogato Identification of Prisoners Act, 1920”, ha affermato Gyan P Tripathi, apprendista politico presso Internet Freedom Foundation.

L’FRT viene utilizzato in oltre 750 casi relativi specificamente alle rivolte del nord di Delhi, avvenute nel febbraio 2020. La tecnologia viene utilizzata anche dalla polizia di Delhi per identificare i rivoltosi nella rivolta del Forte Rosso del 2021, avvenuta tra gli agricoltori protesta e le recenti violenze di Jahangirpuri, ha rivelato l’RTI.

Perché è una preoccupazione?
Innanzitutto, non è chiaro il motivo per cui la soglia è stata fissata all’80%. In secondo luogo, non esiste una giurisdizione definitiva a sostegno dell’affermazione della polizia di Delhi secondo cui una corrispondenza superiore all’80% è sufficiente per presumere che i risultati siano corretti. 


Tripathi solleva anche la preoccupazione che, anche nei casi in cui le somiglianze sono inferiori all’80%, la polizia di Delhi non escluderà del tutto il sospetto. In tali casi, qualcuno con caratteristiche facciali simili, ad esempio un fratello o un familiare, potrebbe essere arrestato ingiustamente.

In assenza di una legge sulla protezione dei dati nel paese, non vi sono motivi per impedire alle autorità di abusare di tali tecnologie e ritenerle responsabili. Inoltre, non esistono strutture o regolamenti chiari che definiscano come le autorità dovrebbero utilizzare queste tecnologie. 

“Occorrono pratiche chiare su come i dati vengono archiviati, raccolti e condivisi anche tra diversi dipartimenti del governo. L’accesso granulare deve essere concesso ai cittadini dell’India”, ha affermato Tripathi.
Inoltre, i dati devono essere utilizzati specificamente per il motivo per cui sono stati raccolti e devono essere cancellati di volta in volta. Tuttavia, non sembra essere così. Inoltre, affermare che tale tecnologia non verrebbe utilizzata in modo improprio è quasi utopico.

Infatti, l’anno scorso, la polizia di Delhi ha rivelato che oltre 400 membri del suo personale sono stati sospesi e altri 1.325 sono stati puniti per cattiva condotta nel 2020.

L’affidabilità di FRT è rischiosa; tuttavia, lo è anche l’affidabilità delle autorità. Ora una tecnologia controversa come FRT a disposizione delle autorità dovrebbe interessare ogni cittadino del Paese.


Un’altra preoccupazione associata all’uso della FRT è che potrebbe essere utilizzata per la sorveglianza. Delhi vanta già il maggior numero di telecamere a circuito chiuso per miglio quadrato tra le principali città del mondo.

“L’uso crescente di FRT da parte della polizia in India è destinato ad espandersi ulteriormente nei prossimi anni. Tuttavia, FRT non è una tecnologia priva di errori. Se il database di formazione di FRT ha una rappresentazione eccessiva di alcuni tipi di volti, la tecnologia tende a essere migliore nell’identificare tali volti. 

“Anche se non ha una distorsione dell’allenamento, la tecnologia raramente è completamente accurata e può facilmente identificare erroneamente i volti. Ciò significa che ci sono possibilità che persone innocenti vengano erroneamente identificate come criminali o sospetti”, ha affermato il Vidhi Center for Legal Policy in un post sul blog.

Jai Vipra, autore del post sul blog, ha affermato che l’uso di FRT da parte delle autorità potrebbe aggravare il pregiudizio sistemico storico della polizia contro le minoranze in India.

Stato di sorveglianza
Tecnologie come FRT nelle mani delle autorità potrebbero rappresentare una minaccia intrinseca alla privacy e alla sicurezza delle informazioni dei cittadini. L’anno scorso, il Parlamento europeo ha votato a favore del divieto di FRT da parte delle forze dell’ordine. 

In tutto il mondo vengono sollevate preoccupazioni sull’uso di queste tecnologie. Infatti, in molte giurisdizioni, si stanno adottando misure progressive per respingere o ridurre al minimo l’uso di FRT.

L’IFF ha fortemente sostenuto l’uso di FRT. L’organizzazione no-profit ritiene che la sorveglianza tecnologica del riconoscimento facciale porterà a violazioni dei diritti umani. 
“Quando si tratta di FRT, non ci sono casi migliori perché è un tipo di tecnologia a duplice uso. Anche se le autorità affermano che viene utilizzato per scopi di sicurezza e viene propagandato per essere utilizzato in un modo migliore, in definitiva, le autorità hanno un incentivo a riutilizzarlo e utilizzarlo nelle loro indagini. Diventa complicato perché il riconoscimento facciale dipende anche da parametri come illuminazione, angolo, viso e altre caratteristiche facciali”, ha affermato Tripathi.

L’uso di FRT da parte delle autorità aumenta anche la preoccupazione della sorveglianza da parte dello stato. Spesso il governo è stato accusato di spiare i suoi cittadini.

“Ci sono dichiarazioni pubbliche rilasciate dal ministro dell’Interno secondo cui hanno utilizzato la patente di guida e altre carte d’identità rilasciate dal governo per arricchire il database di riconoscimento facciale. Tutto questo dovrebbe essere fermato”, ha detto Tripathi.

Oltre a una legge sulla protezione dei dati, vi è anche una pertinente necessità di riforme della sorveglianza. “Il modo in cui la sorveglianza viene svolta dalle forze dell’ordine e dai dipartimenti di polizia è molto opaco e c’è anche una minore responsabilità”, ha affermato Tripathi.

L’anno scorso, un’iniziativa collaborativa di giornalismo investigativo intrapresa da 17 organizzazioni dei media in tutto il mondo ha affermato che il governo indiano stava usando lo spyware Pegasus per spiare strateghi politici, giornalisti, attivisti, membri della società civile e gruppi per i diritti umani e anche importanti membri del partito di opposizione .

C’è un bisogno crescente di diversi attori della società civile, membri dell’opposizione ai difensori dei diritti umani, che si uniscano e richiedano il divieto di tecnologie controverse come la RFT. Tuttavia, quanto fatto finora non è sufficiente.

All’inizio di questo mese, il 17 agosto 2022, il ministro dell’Interno Amit Shah ha inaugurato il National Automated Fingerprint Identification System (NAFIS) alla National Securities Strategies Conference tenutasi a Nuova Delhi.

Ciò si basa sull’analisi delle impronte digitali e sul sistema tecnologico 5.0, che è stato interrotto nel 2017. I rapporti indicano che NAFIS memorizzerà le impronte digitali di tutti coloro che vengono arrestati dalle autorità e verrà assegnato loro un numero di 10 cifre e i dati verranno conservati per la loro vita. 

Ora, anche questo è problematico, secondo Tripathi. “In primo luogo, non abbiamo una legge sulla protezione dei dati. In secondo luogo, se dicono che lo terranno per tutta la vita di un individuo, come si fa a determinare se una persona è viva o morta? Quindi ci sono pratiche di archiviazione ed elaborazione della conservazione dei dati sfocate che non sono molto chiare. Questo di solito dà loro leva e discrezione nel modo in cui conservano questi dati”, ha concluso Tripathi.

DI PRITAM BORDOLOI da analyticsindiamag.com

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi