Home / Intelligenza artificiale pericolo / DoubleVerify: la frode video delle app mobili è esplosa del 50% nell’ultimo anno

DoubleVerify: la frode video delle app mobili è esplosa del 50% nell’ultimo anno

Le frodi pubblicitarie sulle applicazioni mobili sono esplose del 50% nell’ultimo anno, secondo un nuovo rapporto della società di misurazione e dati dei media DoubleVerify. Le cifre sono una delle numerose statistiche illuminanti sullo stato attuale della qualità e delle prestazioni dei media sul Web.

 

La pubblicità mobile è un settore caldo, con Emarketer che  prevede che la spesa pubblicitaria mobile supererà i 156 miliardi di dollari a livello globale entro il 2023. Il consumo di dispositivi mobili in tutto il mondo è aumentato vertiginosamente, in parte a causa delle persone che restano a casa durante la pandemia di coronavirus. Anche con una popolazione vaccinata in crescita e l’allentamento delle regole di blocco, le persone stanno ancora in casa e trasmettono video, giocano e fanno acquisti online utilizzando le app mobili. Di conseguenza, gli inserzionisti stanno investendo denaro nella pubblicità mobile e i truffatori si stanno muovendo con i loro clic e traffico falsi per sottrarre parte di quei dollari pubblicitari.

 
Sebbene il volume globale delle frodi sia rimasto complessivamente stabile (i tassi di frode post-offerta/traffico non valido sofisticato [SIVT] sono diminuiti dal 2% all’1,4% e il volume complessivo non è cambiato di anno in anno), le sacche di frode continuano ad affliggere il settore , DoubleVerify ha trovato nel suo Global Insights Report annuale. Un esempio sono le truffe che prendono di mira i video sulle app mobili. Le frodi pubblicitarie in streaming sono diventate un grosso problema, con DoubleVerify che rileva oltre 500.000 dispositivi TV collegati (CTV) falsi, dispositivi di gioco e console di streaming, al giorno.

Anche i truffatori stanno cambiando tattica. L’anno scorso, le frodi bot hanno rappresentato il 78% delle violazioni di frode/SIVT su CTV. Mentre le violazioni delle frodi dei bot su CTV rimangono il tipo più comune di frode CTV, il traffico dei data center è un problema crescente. Il traffico del datacenter è un tipo di SIVT che ha come target l’inventario di inserimento di annunci lato server (SSAI), che è particolarmente comune su CTV e audio, ha affermato DoubleVerify. Con il traffico del data center, i truffatori falsificano l’inventario SSAI, ad esempio un’impressione mobile creata per assomigliare a un’impressione CTV, o hanno un inventario SSAI con informazioni incomplete.

Il rapporto globale di DoubleVerify ha analizzato oltre un trilione di impressioni pubblicitarie in 80 mercati in più di 2.100 marchi. Le impressioni video e display sono state misurate anno su anno da maggio 2020 ad aprile 2021 su desktop e Web mobile, app mobile e TV connesse a Internet.

 

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi