Il Pentagono sta usando la Cina per spaventare le aziende tecnologiche a lavorare con i militari
“Siamo impegnati in una corsa epica per la supremazia dell’IA”


Aziende come Google e Amazon si trovano ad affrontare nuove pressioni da parte di funzionari degli Stati Uniti per costruire il software per l’esercito americano. Senza l’aiuto di queste compagnie, avvertono i funzionari, le forze armate statunitensi potrebbero trovarsi superate nei conflitti contro paesi come la Cina, che sta investendo miliardi nell’intelligenza artificiale.
Il segretario alla Difesa Mark Esper, che ha recentemente parlato alla conferenza della Commissione di sicurezza nazionale sull’intelligenza artificiale a Washington, DC, ha affermato che la Silicon Valley che sceglie o meno di lavorare su progetti di difesa statunitensi potrebbe decidere il futuro ordine mondiale. Esper ha inquadrato la scelta in termini drammatici: un futuro di autoritarismo globale o democrazia globale.
“La vera domanda è se lasciamo che i governi autoritari dominino l’IA e, per estensione, il campo di battaglia”, ha detto Esper . “O se l’industria, le forze armate degli Stati Uniti e i nostri partner possono lavorare insieme per guidare il mondo nella ricerca e applicazione responsabili dell’IA”.
Ciò che allarma funzionari come la rappresentante di New York Elise Stefanik e l’ex vice segretario alla Difesa Robert O. Work, che hanno entrambi parlato alla conferenza, sono dichiarazioni come quella fatta dal russo Vladimir Putin, che indica che chi guida l’IA diventerà “il sovrano del mondo. ”La Cina ha recentemente annunciato il suo obiettivo di diventare un leader mondiale nella tecnologia AI entro il 2030.
“Mentre parlo, Cina e Russia si stanno sforzando di superarci. Nessuna di queste nazioni condivide i nostri valori o le nostre libertà. “
Le aziende tecnologiche e le università americane come Stanford e Carnegie Mellon hanno finora guidato il mondo nel portare sul mercato il software di intelligenza artificiale, lasciando indietro il governo federale e i militari. Ad esempio, secondo quanto riferito , Google ha utilizzato algoritmi di apprendimento automatico per risparmiare fino al 40% nei costi di raffreddamento dei propri data center; nel frattempo, l’esercito americano sta ancora cercando di capire come impedire ai fitness tracker di divulgare le posizioni delle sue basi. Ora il governo degli Stati Uniti sta adottando un approccio diverso per mettere le mani sulla tecnologia – e definendo i contratti del governo come una scelta ideologica per sostenere gli Stati Uniti in una lotta contro Cina, Russia e altri stati concorrenti.
“Siamo impegnati in una corsa epica per la supremazia dell’IA”, ha dichiarato Rick Perry, segretario del Dipartimento dell’Energia, nella stessa conferenza di Esper. “Mentre parlo, Cina e Russia si stanno sforzando di superarci. Nessuna di queste nazioni condivide i nostri valori o le nostre libertà. “
Il senatore americano Chuck Schumer ha fatto eco al sentimento, affermando che gli investimenti nell’intelligenza artificiale non dovrebbero essere una questione di parte. Ha proposto una IA $ 100 miliardi di luna colpo di progetto, paragonando la corsa allo sviluppo di intelligenza artificiale per la corsa allo spazio degli anni 1960. I dettagli sulla proposta erano scarsi, ma il progetto Moon Shot avrebbe aggiunto una filiale alla National Science Foundation focalizzata specificamente sulla tecnologia e avrebbe creato una partnership con la Defense Advanced Research Projects Agency.
Negli ultimi anni, alcune delle più grandi aziende della Silicon Valley hanno subito pressioni da parte di attivisti e dipendenti per aver assunto contratti federali per sviluppare tecnologie militari e di contrasto. I lavoratori di Google si ribellarono , dopo che fu rivelato che la compagnia stava usando l’IA per automatizzare l’analisi dei filmati militari sui droni per il governo. La società alla fine ha deciso di non perseguire il rinnovo del contratto. All’inizio di quest’anno, i dipendenti di Chef, una startup che aiuta le organizzazioni a gestire la propria infrastruttura digitale, hanno protestato contro il contratto dell’azienda con Immigration and Customs Enforcement. Lo Chef ha anche deciso di non rinnovare il contratto.
La Cina opera secondo un paradigma radicalmente diverso. Le più grandi e avanzate società tecnologiche e di difesa sono partner statali o stretti partner del governo. E nei prossimi anni, il governo cinese prevede di investire decine di miliardi nella tecnologia a livello nazionale e regionale. Grandi aziende AI del paese, come Baidu, Tencent, SenseTime, e iFLYTEK, collaborano con il governo cinese per sviluppare intelligenza artificiale per la difesa nazionale, secondo un Centro per New American Security rapporto da all’inizio di quest’anno.
Il governo degli Stati Uniti vuole vedere simili partenariati a casa. Tre anni fa, il Dipartimento della Difesa ha lanciato il Defense Innovation Board , che formula proposte su come i militari possano tenere il passo con la Silicon Valley. Nel 2016, l’ex presidente di Google Eric Schmidt è stato assunto per guidare il consiglio di amministrazione, che comprende anche il fondatore di LinkedIn Reid Hoffman, i dirigenti di Google, Microsoft e Facebook e Neil deGrasse Tyson. Il consiglio di amministrazione è responsabile della creazione di rapporti per modellare la politica del DoD, ma anche i membri ottengono vantaggi, inclusi i briefing di intelligence classificati .
Kent Walker, vice presidente senior della politica globale di Google, ha anche dichiarato alla settimana scorsa alla conferenza della conferenza che la debacle di Maven non significava che Google non voleva lavorare con il governo, nonostante le proteste di massa dei suoi dipendenti.
“Abbiamo deciso di premere il pulsante di ripristino fino a quando non abbiamo avuto l’opportunità di sviluppare la nostra serie di principi di intelligenza artificiale, standard interni e processi di revisione”, ha affermato Walker. “Ma quella era una decisione incentrata su un contratto discreto, non una dichiarazione più ampia sulla nostra volontà o sulla nostra storia di collaborazione con il Dipartimento della Difesa”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi