Immagina di visitare un sito Web, fare clic su un collegamento dopo l’altro e non arrivare da nessuna parte: i collegamenti sono morti o continuano a rimandarti in una lingua che non leggi o non parli. La frustrazione sarebbe aumentata immediatamente. 

Ora considera che questa è un’esperienza quotidiana per milioni di non anglofoni nel mondo. 

 
“Il mercato nativo dovrebbe fornire la stessa fantastica esperienza del cliente di tutti gli altri mercati. E questo non è vero per la maggior parte delle aziende in questo momento”, ha affermato Spence Green, CEO della società di servizi e software di traduzione aziendale Lilt. 

Sebbene la maggior parte delle aziende sia orgogliosa di essere globale e di incontrare i clienti “dove si trovano”, i loro siti Web, l’assistenza clienti e i canali dei social media spesso indicano il contrario. 
Delle migliaia di lingue parlate nel mondo, solo circa 100 sono su Internet. Le aziende più grandi supportano circa 70 lingue, ma l’azienda media ne soddisfa meno di 10, secondo la ricerca di Lilt. 

A questo si aggiunge il fatto che entro il 2030 ci saranno più di 4,7 miliardi di consumatori della classe media e benestanti nelle regioni non anglofone, come stimato dal Brookings Institute. 

Il potere della diversità
Il linguaggio è fondamentale per l’esperienza del cliente ed è una componente fondamentale del commercio globale. Non rendendosi linguisticamente diversificate, le aziende perdono clienti esistenti e potenziali, ricavi e fedeltà al marchio, ha affermato Green. 

“La domanda da porsi è: ‘Perché non tutte le aziende lo stanno facendo in questo momento?’ e il motivo è lo stesso degli individui: non vediamo l’intero altro mondo là fuori”, ha detto Green. 

Ma, ha aggiunto, “Dovrebbe essere intuitivo che la lingua faccia parte di un’esperienza cliente personalizzata”. 

Lilt sta rivendicando la sua pretesa nel settore dei servizi linguistici e della tecnologia globale da 23,8 miliardi di dollari. La società, che oggi ha annunciato un round di finanziamento di serie C da 55 milioni di dollari, offre tecnologia e servizi di traduzione attraverso un approccio di intelligenza artificiale umana. Questo ramo dell’IA crea modelli di machine learning (ML) dall’intelligenza umana e macchina. 
L’azienda fornisce traduzioni aziendali scalabili con un sistema che Green ha descritto come adattivo, di autoformazione, interattivo e predittivo. Questo è fondamentale, ha affermato, poiché il settore passa da un’elevata intensità di manodopera a un’elevata automazione. 

Ha sottolineato che il consumatore medio utilizza 10 canali per comunicare con le aziende e che l’80% dei clienti ora considera la propria esperienza con un’azienda importante quanto i propri prodotti, non il contrario. Tuttavia, uno studio del portale di pagamento online Stripe ha rilevato che il 74% dei siti di e-commerce europei non aveva tradotto le proprie pagine di pagamento nelle lingue locali. Quindi, i visitatori non potevano nemmeno capire le informazioni di fronte a loro. Tali errori nella pagina di pagamento rappresentano 9 vendite perse su 10 in Europa. 

Prova tu stesso
Provalo tu stesso andando su qualsiasi sito Web aziendale, cambiando la lingua e facendo clic sui collegamenti. Come ha notato Green, verrai invariabilmente rimandato all’inglese. 

“È l’equivalente di avere collegamenti interrotti e immagini interrotte sul tuo sito Web, che nessuna azienda tollererebbe mai”, ha affermato. 

E non c’è motivo per cui dovrebbe accadere, ha detto. “È solo riparabile, può essere riparato.” 

Le aziende devono semplicemente farne una priorità strategica. Se lo fanno, vedranno rendimenti misurabili. “Incorporare questo nella tua esperienza del cliente e nella tua presenza digitale è solo una cosa assolutamente ovvia da fare”, ha affermato Green. “Porta alla crescita. Ogni azienda può farlo in questo momento”. 
La visione di Green è la capacità di traduzione automatica: basta un clic di un pulsante, ovunque o comunque una persona stia scrivendo. Quel pulsante verrebbe integrato direttamente nei sistemi aziendali. Questo non dovrebbe essere lontano, poiché ha sottolineato il fatto che in cinque anni di ricerca e sviluppo, Lilt ha accelerato il numero di parole generate dalla macchina dal 50% all’80%. 

“Sta diventando misurabilmente più efficiente”, ha detto Green. 

L’azienda ha collaborato con Intel, ASICS, Emerson, UIPath e Canva, con governi locali come Lewiston, Maine e con il governo degli Stati Uniti. Ad esempio, Lilt è impegnata in Ucraina in applicazioni di difesa e intelligence. Come ha notato Green, i federali non hanno investito nelle capacità della lingua slava dalla fine della Guerra Fredda e la situazione è troppo urgente per addestrare il talento umano, cosa che può richiedere mesi. 

Il nuovo round di finanziamento è stato guidato da Four Rivers, insieme ai nuovi investitori Sorenson Capital, CLEAR Ventures e Wipro Ventures e con la partecipazione degli investitori esistenti Sequoia Capital, Intel Capital, Redpoint Ventures e XSeed Capital. Porta il totale raccolto dalla società a $ 92,5 milioni. 

L’azienda utilizzerà i nuovi finanziamenti per espandere il proprio team e la propria presenza internazionale, rafforzando inoltre ulteriormente i propri sforzi di ricerca e sviluppo. 

“Stiamo compiendo un altro passo significativo verso il raggiungimento della nostra missione di rendere le informazioni del mondo accessibili a tutti”, ha affermato Green, “indipendentemente da dove sono nati o dalla lingua che parlano”. 

In che modo AI e ML rendono la traduzione linguistica più efficiente per chi non parla inglese

Immagina di visitare un sito Web, fare clic su un collegamento dopo l’altro e non arrivare da nessuna parte: i collegamenti sono morti o continuano a rimandarti in una lingua che non leggi o non parli. La frustrazione sarebbe aumentata immediatamente. 

Ora considera che questa è un’esperienza quotidiana per milioni di non anglofoni nel mondo. 

 
“Il mercato nativo dovrebbe fornire la stessa fantastica esperienza del cliente di tutti gli altri mercati. E questo non è vero per la maggior parte delle aziende in questo momento”, ha affermato Spence Green, CEO della società di servizi e software di traduzione aziendale Lilt. 

Sebbene la maggior parte delle aziende sia orgogliosa di essere globale e di incontrare i clienti “dove si trovano”, i loro siti Web, l’assistenza clienti e i canali dei social media spesso indicano il contrario. 
Delle migliaia di lingue parlate nel mondo, solo circa 100 sono su Internet. Le aziende più grandi supportano circa 70 lingue, ma l’azienda media ne soddisfa meno di 10, secondo la ricerca di Lilt. 

A questo si aggiunge il fatto che entro il 2030 ci saranno più di 4,7 miliardi di consumatori della classe media e benestanti nelle regioni non anglofone, come stimato dal Brookings Institute. 

Il potere della diversità
Il linguaggio è fondamentale per l’esperienza del cliente ed è una componente fondamentale del commercio globale. Non rendendosi linguisticamente diversificate, le aziende perdono clienti esistenti e potenziali, ricavi e fedeltà al marchio, ha affermato Green. 

“La domanda da porsi è: ‘Perché non tutte le aziende lo stanno facendo in questo momento?’ e il motivo è lo stesso degli individui: non vediamo l’intero altro mondo là fuori”, ha detto Green. 

Ma, ha aggiunto, “Dovrebbe essere intuitivo che la lingua faccia parte di un’esperienza cliente personalizzata”. 

Lilt sta rivendicando la sua pretesa nel settore dei servizi linguistici e della tecnologia globale da 23,8 miliardi di dollari. La società, che oggi ha annunciato un round di finanziamento di serie C da 55 milioni di dollari, offre tecnologia e servizi di traduzione attraverso un approccio di intelligenza artificiale umana. Questo ramo dell’IA crea modelli di machine learning (ML) dall’intelligenza umana e macchina. 
L’azienda fornisce traduzioni aziendali scalabili con un sistema che Green ha descritto come adattivo, di autoformazione, interattivo e predittivo. Questo è fondamentale, ha affermato, poiché il settore passa da un’elevata intensità di manodopera a un’elevata automazione. 

Ha sottolineato che il consumatore medio utilizza 10 canali per comunicare con le aziende e che l’80% dei clienti ora considera la propria esperienza con un’azienda importante quanto i propri prodotti, non il contrario. Tuttavia, uno studio del portale di pagamento online Stripe ha rilevato che il 74% dei siti di e-commerce europei non aveva tradotto le proprie pagine di pagamento nelle lingue locali. Quindi, i visitatori non potevano nemmeno capire le informazioni di fronte a loro. Tali errori nella pagina di pagamento rappresentano 9 vendite perse su 10 in Europa. 

Prova tu stesso
Provalo tu stesso andando su qualsiasi sito Web aziendale, cambiando la lingua e facendo clic sui collegamenti. Come ha notato Green, verrai invariabilmente rimandato all’inglese. 

“È l’equivalente di avere collegamenti interrotti e immagini interrotte sul tuo sito Web, che nessuna azienda tollererebbe mai”, ha affermato. 

E non c’è motivo per cui dovrebbe accadere, ha detto. “È solo riparabile, può essere riparato.” 

Le aziende devono semplicemente farne una priorità strategica. Se lo fanno, vedranno rendimenti misurabili. “Incorporare questo nella tua esperienza del cliente e nella tua presenza digitale è solo una cosa assolutamente ovvia da fare”, ha affermato Green. “Porta alla crescita. Ogni azienda può farlo in questo momento”. 
La visione di Green è la capacità di traduzione automatica: basta un clic di un pulsante, ovunque o comunque una persona stia scrivendo. Quel pulsante verrebbe integrato direttamente nei sistemi aziendali. Questo non dovrebbe essere lontano, poiché ha sottolineato il fatto che in cinque anni di ricerca e sviluppo, Lilt ha accelerato il numero di parole generate dalla macchina dal 50% all’80%. 

“Sta diventando misurabilmente più efficiente”, ha detto Green. 

L’azienda ha collaborato con Intel, ASICS, Emerson, UIPath e Canva, con governi locali come Lewiston, Maine e con il governo degli Stati Uniti. Ad esempio, Lilt è impegnata in Ucraina in applicazioni di difesa e intelligence. Come ha notato Green, i federali non hanno investito nelle capacità della lingua slava dalla fine della Guerra Fredda e la situazione è troppo urgente per addestrare il talento umano, cosa che può richiedere mesi. 

Il nuovo round di finanziamento è stato guidato da Four Rivers, insieme ai nuovi investitori Sorenson Capital, CLEAR Ventures e Wipro Ventures e con la partecipazione degli investitori esistenti Sequoia Capital, Intel Capital, Redpoint Ventures e XSeed Capital. Porta il totale raccolto dalla società a $ 92,5 milioni. 

L’azienda utilizzerà i nuovi finanziamenti per espandere il proprio team e la propria presenza internazionale, rafforzando inoltre ulteriormente i propri sforzi di ricerca e sviluppo. 

“Stiamo compiendo un altro passo significativo verso il raggiungimento della nostra missione di rendere le informazioni del mondo accessibili a tutti”, ha affermato Green, “indipendentemente da dove sono nati o dalla lingua che parlano”. 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi