Immagina l’intero pianeta in VR. Questo è ciò che questa piccola azienda sta cercando di realizzare.

Una società della Nuova Zelanda vuole ricreare il pianeta nella realtà virtuale. Hanno in programma di arruolare te e me per aiutarli a farlo. E, hanno appena ricevuto una grande sovvenzione da Epic Games, i produttori del popolare gioco Fortnite, per aiutarli a farlo.

Almeno non stanno sognando in piccolo.

È un compito importante e giganti globali ben finanziati come Google ci stanno già lavorando. Quindi stanno usando l’IA per fare il lavoro pesante, o almeno la maggior parte, e un approccio crowdsourcing per ottenere le immagini e i dati richiesti.

“Fondamentalmente stiamo osservando l’adozione di massa di fotografie provenienti da parti sul campo”, ha dichiarato Simon Che de Boer, Chief Visionary Officer di Reality Virtual, in un recente podcast TechFirst . “Ed essenzialmente automatizzando il processo principalmente per l’IA, in modo da poter effettivamente creare rapidamente questi ambienti in successione, senza il tipo di costi generali enormi e l’enorme quantità di lavoro coinvolto.”

de Boer lo ha già fatto per punti di riferimento globali come la dimora egiziana della regina Nefertari.

Ha scattato circa 4.000 fotografie per il progetto Nefertari e ci sono volute sei settimane per una squadra di tre persone per trasformarle in un’esperienza VR. (“Era semplicemente folle … cinque ragazzi dell’AK-47 sopra a guardia del luogo e io proprio in questa fantastica tomba per otto ore a scattare le foto.”) Seguì Tutankhamon – il famoso re Tut – seguito da The Homestead, un galleria d’arte in Nuova Zelanda, la camera dei dibattiti della Parliament House del Paese e il Large Hadron Collider

Soprattutto dal momento che la maggior parte dei video volumetrici – video con dati dimensionali che consentono di spostarsi all’interno dello stream – possono essere eseguiti a gigabyte di dati al minuto.

Senza intelligenza artificiale e compressione intelligente dei dati, non sarebbe affatto possibile.

Quindi Reality Virtual sta lavorando all’intelligenza artificiale per automatizzare la “retopologia”, il processo di conversione delle foto ad alta risoluzione in una rete di poligoni con cui l’azienda può creare un’esperienza 3D. Al termine, ciò ridurrà il lavoro umano richiesto di un fattore sei. Esistono quindi diversi requisiti di post-elaborazione per ottenere l’illuminazione corretta. Tutto è dettagliato, ad alta intensità di processore e al limite di ciò che è possibile.

“La maggior parte di questi processi … abbiamo a che fare con 24 miliardi di punti di dettaglio”, afferma de Boer.


Mentre l’intelligenza artificiale sta rendendo tutto più semplice, non è ancora così veloce come deve essere. de Boer afferma che il team di sviluppo sta ancora lavorando sulla fotogrammetria, il processo di acquisizione di una nuvola di punti dalle fotografie e l’utilizzo di GANS ( reti generative dell’avversario) per ottenere sempre più velocemente.

Un paio di ordini di grandezza di meno lavoro probabilmente si stanno avvicinando a ciò di cui l’azienda ha bisogno.

E mentre la società continua a lavorare su quel lato, un altro pezzo fondamentale è la materia prima per l’IA: foto originali praticamente di ogni luogo del pianeta.

Ma non solo foto dell’esterno di città e monumenti, come Google ha fatto per Google Earth VR . Realtà Esigenze virtuali all’interno dei principali monumenti ed edifici. E ha bisogno di foto di qualità superiore con un maggiore livello di dettaglio.

E, naturalmente, un sistema di gestione dei diritti per tutte quelle foto.

“Stiamo parlando come un sistema di gestione dei diritti di un artista”, afferma de Boer. “Un po ‘come immagino dove vieni pagato i canoni, come se fai un album ti viene pagato un assegno di tanto in tanto per quanta airplay ottieni. Quindi vogliamo davvero coinvolgere le persone a terra, scattare foto e avere la loro posizione e il loro geotag, tutti i loro dati EXIF ​​incorporati in essa. Quindi, se uno studio, un’università, un politecnico o uno studio per la produzione di uno studio virtuale o qualsiasi tipo di struttura didattica desidera utilizzare questi ambienti, in sostanza gli artisti originali che hanno scattato le foto originali ne ricavano effettivamente un taglio dalle licenze “.

Raggiungerlo potrebbe sembrare impossibile e, onestamente, probabilmente lo è.

Ma i progetti open source hanno portato a sistemi operativi che eseguono la maggior parte dei server del mondo, la maggior parte dei telefoni del mondo e l’enciclopedia più grande ed estesa della storia del mondo. Quindi Reality Virtual potrebbe provarci, se riesce a stimolare abbastanza attenzione.

Nel frattempo, un altro risultato della tecnologia di sviluppo di Reality Virtual è la realtà virtuale in tempo reale per conferenze Web, un progetto che la società chiama DeepMirror.

Immagina Zoom, ma ti senti come se fossi nello stesso spazio della persona con cui stai parlando. E mentre guardi una telecamera, non gli occhi dei tuoi colleghi (e lei sta facendo lo stesso) il software regola automaticamente la posizione della telecamera e degli occhi. In altre parole, è possibile ottenere un contatto diretto con le conferenze 3D in tempo reale, in tempo reale.

Questo è interessante, anche se richiede VR per le conferenze Web

Tutti questi progetti, ovviamente, richiederanno finanziamenti. Ecco perché la concessione di Epic Games è così importante.

de Boer non può rivelare l’entità della concessione di Epic Games, ma ha detto “ora possiamo permetterci una casa in Aukland”. Ad un prezzo medio della casa di circa $ 830.000 in dollari neozelandesi, vale a dire circa $ 500.000 USD. È un grande impulso per un piccolo studio che ha finanziato il suo sviluppo tecnologico facendo progetti per i clienti, ma non sarà affatto vicino a ciò di cui Reality Virtual ha bisogno per digitalizzare una città come Aukland, non importa un paese o persino l’intero pianeta.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi