I ricercatori hanno posizionato reti di neuroni in piatti, li hanno inseriti in quella che equivale a una semplice versione di The Matrix e hanno scoperto che possono imparare Pong più velocemente di un’intelligenza artificiale.

Come riportato da New Scientist , i ricercatori di Cortical Labs hanno spiegato di aver trasformato gruppi di neuroni umani in mini-cervelli organoidi (un processo utilizzato anche per collegare le cellule cerebrali di Neanderthal ai robot granchio ) e collocati su interfacce di microelettrodi. Quelle interfacce pulsano di elettricità, utilizzate per convincere efficacemente i mini-cervelli che sono i paddle all’interno di un gioco di Pong per giocatore singolo.

“Spesso ci riferiamo a loro come a chi vive in Matrix”, ha spiegato il direttore scientifico Brett Kagan. All’interno di quel mondo di gioco virtuale, i neuroni possono iniziare a muovere quelle pale, usandole per impedire all’implacabile palla che rimbalza di Pong di passarci accanto.

Ciò che è impressionante è la velocità con cui possono imparare a farlo. Cortical Labs afferma che un’intelligenza artificiale richiede generalmente circa 90 minuti per imparare cosa fare in questa situazione, in cui i mini-cervelli sembrano imparare in soli 5. Tuttavia, un’intelligenza artificiale diventerebbe molto, molto migliore nel compito dopo averlo appreso. Puoi vedere un gioco in azione su YouTube .

Cortical Labs spera di utilizzare studi come questi per combinare neuroni vivi nell’informatica tradizionale, consentendo all’informatica di “risolvere problemi in situazioni non familiari”, che potrebbero essere utilizzati per risolvere problemi di robotica autonoma.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi