Home / Intelligenza artificiale pericolo / Sarà vero ? L’idea di esseri umani e intelligenza artificiale che producono insieme risultati

Sarà vero ? L’idea di esseri umani e intelligenza artificiale che producono insieme risultati

Siamo sonnambuli nel lavoro potenziato dall’intelligenza artificiale 

Un recente articolo del New York Times conclude che i nuovi strumenti di automazione basati sull’intelligenza artificiale come Codex per gli sviluppatori di software non elimineranno i lavori, ma saranno semplicemente un aiuto gradito per aumentare la produttività dei programmatori. Ciò è coerente con l’argomento che sentiamo sempre più spesso secondo cui le persone e l’intelligenza artificiale hanno punti di forza diversi e che ci saranno ruoli appropriati per ciascuno.

Come discusso in un Harvard Business Review storia : “Le macchine AI-based sono veloci, più precisi, e coerentemente razionale, ma non sono intuitivi, emotivo, o culturalmente sensibili.” La convinzione è che “AI più umani” sia qualcosa di un centauro , più grande di uno che opera da solo.

 
Questa idea di esseri umani più intelligenza artificiale che producono risultati migliori è diventata un inquilino della fiducia nella tecnologia. Tutti parlano di esseri umani che sono liberi di svolgere funzioni di livello superiore, ma nessuno sembra sapere esattamente quali siano queste funzioni di alto livello, come si traducano in lavoro e posti di lavoro reali o il numero di persone necessarie per svolgerle.

Un corollario di questa narrativa della forza lavoro aumentata è che non solo il lavoro potenziato dall’intelligenza artificiale consentirà alle persone di perseguire un livello più elevato di pensiero astratto, ma, secondo alcuni , porterà anche tutta la società a un livello di vita più elevato. Questa è certamente una visione ottimistica, e possiamo sperarlo. Tuttavia, questa potrebbe anche essere una storia intrisa di pensiero magico, con il vero fine del gioco essendo un lavoro completamente automatizzato .

Cosa ci dicono le prove?
Non fraintendermi; ci sono alcune prove a sostegno dell’idea che l’intelligenza artificiale ci aiuterà a lavorare piuttosto che a prendere il nostro lavoro. Ad esempio, il laboratorio di intelligenza artificiale DeepMind sta progettando nuovi sistemi di scacchi affinché le due intelligenze lavorino in tandem con gli umani anziché in opposizione a loro.
E anche Kai-Fu Lee, l’ Oracolo dell’IA , accetta questa promessa. Nel suo nuovo libro , AI 2041: Ten Visions for our Future , sostiene che le attività ripetitive, dall’impilamento degli scaffali all’elaborazione dei dati, saranno svolte da macchine, liberando i lavoratori per attività più creative. Forrester Research ha altresì articolato che dispiegamento AI permette alle persone di utilizzare al meglio le loro capacità creative.

Ma, naturalmente, alcune persone sono più creative di altre , il che significa che non tutti trarrebbero beneficio dal lavoro potenziato dall’IA nella stessa misura. Il che a sua volta rafforza la preoccupazione che l’automazione alimentata dall’intelligenza artificiale, anche nella sua maggiore capacità di lavoro, possa ampliare le disparità di reddito già esistenti .

Un problema con la promessa della forza lavoro potenziata dall’intelligenza artificiale è che ci dice che l’intelligenza artificiale si assumerà solo il lavoro ripetitivo che non vogliamo fare. Ma non tutto il lavoro affidato all’AI è di routine o noioso.

Non guardare oltre il ruolo dell’architetto di chip a semiconduttore. Questa è una professione altamente sofisticata, un’applicazione avanzata dell’ingegneria elettrica in probabilmente uno dei settori più complessi. Se mai ci fosse stato un lavoro che potesse essere considerato immune dall’intelligenza artificiale , questo sarebbe stato un candidato forte. Tuttavia, i recenti progressi di Google e Synopsys (tra gli altri che utilizzano software di rete neurale per l’ apprendimento per rinforzo ) hanno mostrato la capacità di fare in poche ore ciò che spesso richiedeva mesi per un team di ingegneri.



Un fedele osservatore della tecnologia ha ancora sostenuto che gli algoritmi “ottimizzeranno e accelereranno le parti del processo di progettazione che richiedono molto tempo in modo che i progettisti possano concentrarsi su chiamate cruciali che richiedono un processo decisionale di livello superiore”.

Un passo verso un’automazione più completa
Molto probabilmente, l’attuale percezione del lavoro potenziato dall’IA è una riflessione sullo stato attuale della tecnologia e non una visione accurata del futuro, quando l’automazione sarà molto più avanzata. Abbiamo visto per la prima volta il potenziale delle reti neurali un decennio fa, ad esempio, e ci sono voluti diversi anni prima che quella tecnologia fosse sviluppata al punto da avere vantaggi pratici per i consumatori e le imprese. Alimentata in parte dalla pandemia, la tecnologia AI è ora ampiamente implementata. Anche i massaggiatori dovrebbero prendere nota, poiché un massaggiatore robot ora può eseguire un massaggio profondo dei tessuti. Eppure, questi sono ancora i primi giorni per l’IA.

I progressi dell’IA sono guidati da miglioramenti sia nell’hardware che nel software. Il lato hardware è guidato dalla Legge di Moore, l’idea che i semiconduttori migliorano di circa 2 volte il numero di transistor – producendo prestazioni approssimativamente equivalenti e guadagni di efficienza energetica – ogni due anni (e allo stesso modo riducono i costi di elaborazione). A questo principio sono stati attribuiti tutti i tipi di progressi elettronici negli ultimi decenni. Come notato in un recente articolo di IEEE Spectrum : “L’impatto della legge di Moore sulla vita moderna non può essere sopravvalutato. Non possiamo fare un viaggio in aereo, fare una telefonata o persino accendere le nostre lavastoviglie senza riscontrarne gli effetti. Senza di essa, non avremmo trovato il bosone di Higgs o creato Internet”. Oppure avere un supercomputer in borsa o in tasca .

Ci sono ragioni per pensare che i miglioramenti nel campo dell’informatica basati sulla Legge di Moore siano prossimi alla fine . Ma l’ingegneria avanzata, che va dai ” chiplet ” alla confezione di chip 3D, promette di mantenere i guadagni in arrivo, almeno per un po’. Questi e altri miglioramenti nella progettazione dei semiconduttori hanno portato un produttore di chip a promettere un miglioramento delle prestazioni di 1000 volte entro il 2025!

I miglioramenti previsti nel software di intelligenza artificiale potrebbero essere ugualmente impressionanti. GPT-3, la terza iterazione di Generative Pre-trained Transformer di OpenAI, è un modello di rete neurale composto da 175 miliardi di parametri. Il sistema si è dimostrato in grado di generare  una prosa coerente  da un prompt di testo. Questo è ciò per cui è stato progettato, ma risulta che può anche generare altre forme di testo, incluso il codice del computer e può anche generare immagini . Inoltre, mentre la convinzione è che l’IA aiuterà le persone a essere più creative, potrebbe essere che sia già capace di creatività da sola.
Al suo lancio nel maggio 2020, GPT-3 era la più grande rete neurale mai introdotta e rimane tra le più grandi  reti neurali dense  , superata solo da Wu Dao 2.0 in Cina. (Con 1,75 trilioni di parametri, Wu Dao 2.0 è un altro modello di linguaggio simile a GPT e probabilmente la rete neurale più potente mai creata.)

Alcune aspettative sono che anche GPT-4 cresca e contenga fino a un trilione di parametri . Tuttavia, il CEO di OpenAI Sam Altman ha affermato che non sarà più grande di GPT-3, ma sarà molto più efficiente attraverso algoritmi di dati avanzati e messa a punto. Altman ha anche alluso a un futuro GPT-5. Il punto è che le reti neurali hanno una lunga strada da percorrere in termini di dimensioni e sofisticatezza. Siamo davvero nel bel mezzo di un’era di accelerazione dell’intelligenza artificiale .

Nel nuovo libro ,  Rule of the Robots: How Artificial Intelligence Will Transform Everything , l’autore Martin Ford osserva che “quasi tutte le startup tecnologiche stanno ora, in una certa misura, investendo nell’intelligenza artificiale e le aziende grandi e piccole in altri settori stanno iniziando a implementare la tecnologia.” Il ritmo dell’innovazione continuerà ad accelerare man mano che il capitale continuerà a riversarsi nello sviluppo dell’IA. Chiaramente, qualunque cosa stiamo vedendo ora in termini di automazione basata sull’intelligenza artificiale, inclusa la convinzione che l’intelligenza artificiale ci aiuterà a lavorare piuttosto che a occuparci del nostro lavoro, è solo una fase iniziale per ciò che deve ancora venire. Per quanto riguarda ciò che sta arrivando, quello rimane il regno della finzione speculativa.
In Burn In : A Novel of the Real Robotic Revolution , un avvocato istruito a Yale è tra quelli colpiti quando la sua azienda ha sostituito l’80% del personale legale con un software di apprendimento automatico. Questo potrebbe accadere nel prossimo futuro. Il restante 20% è stato effettivamente potenziato dall’IA, ma l’80% ha dovuto trovare altro lavoro. Nel suo caso, finisce per lavorare come assistente personale online per i ricchi. Attualmente, la startup Yo Labs sta lavorando per realizzare una variazione di questa visione. L’azienda offre inizialmente una combinazione di servizi umani e di intelligenza artificiale, a partire da un assistente vivente e che respira che attinge ai dati per affrontare le liste di cose da fare degli abbonati. Sarà significativo vedere se questi assistenti saranno come i segretari di un tempo, ma maneggiando l’intelligenza artificiale, o se saranno lavoratori cognitivi dislocati.

La transizione guidata dall’intelligenza artificiale verso un mondo ampiamente automatizzato richiederà tempo, forse qualche decennio. Ciò porterà molti cambiamenti, alcuni dei quali altamente dirompenti. Gli aggiustamenti non saranno facili. Si è tentati di pensare che alla fine questo arricchirà la qualità della vita umana. Dopotutto, come diceva Aristotele: “Quando i telai si intrecciano da soli, la schiavitù dell’uomo finirà”. Ma abbracciare il concetto di lavoro potenziato dall’intelligenza artificiale come attualmente articolato potrebbe renderci ciechi ai potenziali rischi di perdita del lavoro. Kate Crawford , una studiosa focalizzata sulle implicazioni sociali e politiche della tecnologia, crede che l’intelligenza artificiale sia la storia più profonda del nostro tempo e “molte persone ci stanno dormendo”.
Abbiamo tutti bisogno di avere una chiara comprensione del potenziale crescente di disgregazione e di prepararci nel miglior modo possibile, in gran parte acquisendo quelle competenze che più probabilmente saranno necessarie nella prossima era. Le aziende devono fare la loro parte nel fornire formazione sulle competenze e la riqualificazione dovrà essere sempre più un processo quasi continuo man mano che il ritmo del cambiamento tecnologico accelera. Il governo ha bisogno di sviluppare politiche pubbliche che dirigano le forze di mercato che guidano l’automazione verso risultati positivi per tutti, anche mentre si preparano per una crescente rete di sicurezza sociale che potrebbe includere il reddito di base universale.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi