Immagina il momento in cui arrivi a teatro per assistere a un concerto, parlare o recitare. L’attesa cresce mentre attraversi l’ingresso ben illuminato, biglietto in mano. Sali le scale e le porte si aprono per rivelare la grande scala dello spazio, il mormorio del pubblico e il palcoscenico illuminato. Quando trovi il tuo posto, le luci si abbassano, le tende si aprono e la musica di apertura si alza. Lo spettacolo sta per cominciare.

Gli eventi sono definiti dai loro rituali, dal loro senso di brivido crescente e dalla progressione narrativa. Dal momento in cui ti avvicini all’ingresso fino a quando l’applauso finale si spegne, un teatro ben progettato trasmetterà un senso di occasione e scopo condivisi. Storicamente, le persone sono brave a costruire questi luoghi – spazi che migliorano la qualità delle nostre esperienze comuni – nel mondo fisico. Ed è altrettanto possibile costruirli in uno virtuale .

Creare app aziendali e automatizzare i flussi di lavoro rapidamente, ma con successo, Low-Code/No-Code Summit
Con la realtà virtuale che sta entrando costantemente nel mainstream – proprio di recente, sono arrivate notizie su due nuovi visori di Meta e Sony, entrambi destinati ad ampliare l’adozione della realtà virtuale – è fondamentale che i designer creino spazi virtuali che riconoscano la nostra umanità. In qualità di persona che progetta luoghi virtuali utilizzati da migliaia di persone, voglio condividere le lezioni che io e il mio team abbiamo imparato in modo che altri designer possano creare esperienze che rimarranno nella memoria molto tempo dopo che le cuffie si saranno tolte.

Prendi ispirazione dal mondo reale, ma nota le differenze importanti
I fondamenti degli spazi per eventi virtuali sono simili a quelli dei luoghi della vita reale, così come il processo di progettazione. Spesso, il nostro team di progettazione coinvolge architetti per assicurarci di imparare dai principi del mondo reale.  

“Ci sono considerazioni specifiche per il pubblico, il programma e il contesto – è solo che questo pubblico è composto da avatar e il contesto è virtuale”, afferma l’architetto Christopher Daniel, che progetta luoghi per spettacoli sia reali che virtuali. “Abbiamo l’opportunità di lavorare con le caratteristiche di una sala da concerto di Berlino o di un teatro di Buenos Aires, aggirare i limiti fisici e creare luoghi virtuali che sembrano sia fantastici che autentici”.

Tieni presente che gli spazi virtuali hanno esigenze diverse, tuttavia. Abbiamo scoperto che i membri del pubblico virtuale richiedono più spazio tra i posti per sentirsi a proprio agio. E la visuale dai posti al palco deve tenere conto del fatto che i membri del pubblico si trovano simultaneamente nella stanza insieme e in giro per il mondo in ambienti fisici separati. Ciò significa che gli avatar tendono a muoversi più spesso e in modo più irregolare di quanto farebbero in un luogo fisico. Per garantire che gli altri membri del pubblico non siano distratti, spesso rendiamo ogni livello di posti a sedere più alto di quanto sarebbe in uno spazio fisico, con i posti più distanziati.

Sii specifico con le tue scelte materiali
Creare esperienze virtuali convincenti è un esercizio di costruzione del mondo. Se un ambiente è totalmente fantastico o basato sulla realtà, il fatto che sembri “vero” è un fattore essenziale per il suo potenziale immersivo. 

Sperimentiamo mondi virtuali da vicino, il che significa che ogni ambiente richiede attenzione ai minimi dettagli. Dal tipo di pietra scelto al taglio e alla venatura del legno – pensa al mogano o al cedro rosso, non solo al “legno marrone” – un alto livello di artigianalità renderà il tuo spazio una destinazione in cui le persone vorranno tornare.

Progetta pensando all’audio
Gli spazi di realtà virtuale più convincenti sono multisensoriali, quindi un uso ponderato degli elementi audio è la chiave per collocare il pubblico all’interno di un nuovo mondo. Esistono numerose tecniche da considerare, tra cui il suono ambientale, il suono ancorato nello spazio e il feedback audio per premiare interazioni specifiche o un mix di entrambi. 

Indipendentemente dal tuo approccio, un audio spaziale efficace aggiunge tangibilità a uno spazio, mentre approfondisce l’impatto di immagini accattivanti. Il suono di onde lontane che lambiscono, o un gabbiano che passa sopra di loro, può dare vita a uno spazio, quindi considera come il tuo paesaggio contribuisce al tuo paesaggio sonoro.  

Entra in empatia con il tuo pubblico

La realtà virtuale pone una nuova sfida ai creativi: quando puoi fare qualsiasi cosa, come scegli da dove cominciare?

Una fase di scoperta iniziale è la chiave per approfondire la comprensione dello scopo di uno spazio e del pubblico previsto. Come vuoi che si sentano i tuoi ospiti? In che modo lo spazio li servirà? O sorprenderli? L’obiettivo è che artisti, UX designer e tecnologi siano aperti all’ispirazione in questa fase, mantenendo il pubblico e lo scopo dell’evento in primo piano.

A questo punto, è anche fondamentale stabilire vincoli e definire ciò che l’ambiente non è . Usiamo spesso le bacheche Miro e Pinterest per evidenziare gli elementi da evitare (soffitti bassi, strisce di illuminazione, cromature appariscenti) in modo da non costruire qualcosa di generico o privo di carattere. Questo processo aiuta il team creativo a eliminare l’ambiguità, a costruire un vocabolario visivo condiviso e a esprimere qualsiasi ipotesi.

Pensa al tuo evento come a una storia
Con ogni evento di realtà virtuale, raccontiamo una storia con un inizio e una fine, proprio come una performance nella vita reale. Per garantire che i partecipanti sentano quella progressione narrativa, è utile fornire spunti ispirati ai fondamenti della sceneggiatura, come la classica struttura in tre atti.

L’inizio di ogni evento, ad esempio, dovrebbe servire come primo atto, caratterizzato da scenografia ed esposizione. Accogli i tuoi ospiti, mostra loro in giro e fornisci loro le informazioni iniziali che li ispirano a esplorare di più. È importante guidare delicatamente i partecipanti, molti dei quali potrebbero essere nuovi alla realtà virtuale, fin dall’inizio, prima di aumentare la complessità. 

Quell’azione crescente dovrebbe culminare nella presentazione o nell’esibizione principale dell’evento, generando una diversa risposta del pubblico. È inoltre fondamentale che gli ospiti capiscano cosa fare al termine dell’evento principale, fornendo chiari passaggi successivi per uscire dallo spazio e andare avanti.

L’umanità rimarrà vitale, anche se la tecnologia si evolve
Come la maggior parte della tecnologia, la realtà virtuale si sta evolvendo in modo eccezionalmente rapido. I progettisti di oggi affrontano il compito di ottimizzare le esperienze entro i limiti delle cuffie attuali, preparandosi anche per la prossima evoluzione. Il futuro presenterà sfide ancora più grandi. L’intelligenza artificiale, ad esempio, genererà presto non solo concept art ma interi mondi virtuali.

Ma progettare spazi con la narrazione al centro continuerà a essere un elemento di differenziazione umana. Mentre ci avventuriamo nel metaverso , non dimentichiamo la nostra umanità.

Michael Ogden da venturebeat.com

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi