Home / Società / L’incompiuta Decima Sinfonia di Beethoven completata dall’intelligenza artificiale

L’incompiuta Decima Sinfonia di Beethoven completata dall’intelligenza artificiale

La Decima Sinfonia di Beethoven, precedentemente incompiuta, è stata completata dalla tecnologia dell’intelligenza artificiale. L’opera avrà la sua prima mondiale in Germania il mese prossimo, 194 anni dopo la morte del compositore.

Nel 1824 Beethoven eseguì la sua ultima opera orchestrale, la Sinfonia n. 9 in re minore.

Tuttavia, prima della sua morte, tre anni dopo, nel 1827, aveva iniziato a lavorare su una decima sinfonia.

Tutto ciò che rimane della Decima Sinfonia di Beethoven sono schizzi frammentari del primo movimento che iniziò prima della sua morte nel 1827 (leggi di più sulla maledizione della nona sinfonia qui). Tuttavia, questi frammenti sono stati ora trasformati in un brano musicale completo utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale.

Il progetto è stato avviato nel 2019 da un gruppo composto da storici della musica, musicologi, compositori e informatici. L’uso dell’intelligenza artificiale ha significato che dovevano affrontare la sfida di garantire che il lavoro rimanesse fedele al processo e alla visione di Beethoven.

Gli usi precedenti dell’intelligenza artificiale nei processi compositivi includono la sinfonia finale di Schubert che viene completata dall’intelligenza artificiale dello smartphone Huawei Mate 20 Pro e un armonizzatore di intelligenza artificiale che armonizza qualsiasi melodia di tua scelta nello stile di Bach.

Ci sono stati anche precedenti tentativi di completare la sinfonia incompiuta di Beethoven. Nel 1988 Barry Cooper ha messo insieme gli schizzi frammentari di Beethoven in un primo movimento, ma non è stato in grado di andare oltre questa sezione a causa del materiale limitato disponibile.

Il dottor Ahmed Elgammal è professore presso il Dipartimento di informatica della Rutgers University e scienziato informatico a capo del progetto di intelligenza artificiale. Ha spiegato in The Conversation che, affinché il loro progetto potesse andare oltre, il team “doveva utilizzare note e composizioni completate dall’intero corpus di opere di Beethoven – insieme agli schizzi disponibili della Decima Sinfonia – per creare qualcosa che Beethoven stesso avrebbe potuto scritto”.

Ha spiegato: “Questa è stata una sfida enorme. Abbiamo dovuto insegnare alla macchina come prendere una breve frase, o anche solo un motivo, e usarla per sviluppare una struttura musicale più lunga e complicata, proprio come avrebbe fatto Beethoven”.

Il primo test era vedere se un pubblico di esperti poteva determinare dove finivano le frasi di Beethoven e dove iniziava l’estrapolazione dell’IA. Quando non potevano, la squadra sapeva di essere sulla strada giusta.

Nei successivi 18 mesi l’intelligenza artificiale ha costruito e orchestrato due interi movimenti, ciascuno di oltre 20 minuti.

L’intero pezzo sarà presentato in anteprima il 9 ottobre 2021 al Telekom Forum nella città natale di Beethoven a Bonn, in Germania, con una registrazione in uscita lo stesso giorno.

Anche se l’attesissimo evento è esaurito, il dottor Elgammal afferma di aspettarsi qualche respingimento.

“Ci sono quelli che diranno che le arti dovrebbero essere off-limits dall’IA, e che l’IA non ha alcun diritto di cercare di replicare il processo creativo umano”, dice in The Conversation, “ma quando si tratta di arti, vedo L’intelligenza artificiale non è un sostituto, ma uno strumento che apre le porte agli artisti per esprimersi in modi nuovi”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi