Home / Intelligenza artificiale pericolo / Alexa Siri e Google Assistant il futuro (e il pericolo) degli assistenti intelligenti AI

Alexa Siri e Google Assistant il futuro (e il pericolo) degli assistenti intelligenti AI

Scorciatoie Siri e scorciatoie dell’Assistente Google rivelano il futuro (e il pericolo) degli assistenti intelligenti AI

In tal modo, entrambi ci mostrano la potenza del prossimo futuro degli assistenti intelligenti basati sull’intelligenza artificiale.

E stanno evidenziando la vulnerabilità delle app.

Se prendi spesso un caffè al mattino, Siri se ne accorgerà e inizierà a suggerirlo. E nella beta di iOS 14 che sto attualmente testando, sto notando molti più suggerimenti di Siri. Alcuni di loro sono molto semplici, come suggerire di impostare la sveglia per il mio solito orario di alzarsi. Altri sono più sofisticati, come l’offerta di mettere il mio telefono in modalità non disturbare quando avvio un live streaming o una registrazione di un podcast. Allo stesso modo, Google Assistant sta lanciando la possibilità di controllare di più le app tramite comandi come “nuovo tweet”, che aprirà Twitter con la finestra di composizione del tweet aperta, pronta e in attesa.

A livello tecnico, quello che sta succedendo qui è che gli sviluppatori stanno inserendo degli hook nelle app che gli assistenti AI come Siri e Google Assistant possono attivare.

Apple lo sta portando al livello successivo con l’app Shortcuts, che ti consente di collegare più azioni in più app insieme, proprio come Amazon e Google hanno fatto con le routine Alexa e le routine dell’Assistente Google. Con le scorciatoie o le routine, puoi spegnere le luci, accendere un allarme, chiudere a chiave le porte e metterti a dormire. A livello di esperienza utente, è un enorme risparmio di tempo. Si passa dal dover potenzialmente accedere a tre diverse app per tre capacità distinte, al rilascio di un comando vocale.


Ma le capacità fanno sorgere la domanda: perché hai bisogno delle app?

Se Siri, Google o Alexa vedono uno schema e suggeriscono una linea di condotta, perché non possono semplicemente intraprendere l’azione da soli? Ad esempio, se Siri nota che ordini un caffè nell’app Starbucks ogni mattina, perché Siri non può semplicemente ordinare un caffè e farla finita? Se Google sa che porti sempre un Lyft all’aeroporto per un viaggio, perché non può semplicemente ordinare l’auto per te?

La sfida è che non si tratta solo di tecnologia.

E, anche nel caso di Apple, non si tratta solo di esperienza utente.

Riguarda anche marchi e clienti.

Se controlli una luce Philips Hue tramite Siri, Philips ti conta ancora come cliente. Dopotutto, dovevi comprare la luce. E dovevi usare l’app Philips Hue per configurarlo inizialmente. Ma se ogni volta che lo accendi o spegni con Siri, Philips inizia a sentirsi come una terza ruota: meno importante, meno centrale e meno nel ciclo della tua esperienza del cliente del loro prodotto.

Ci saranno sempre cose che richiederanno un’interfaccia dedicata, forse.

Il sistema Philips Hue è abilitato per assistenti AI intelligenti come Siri, Assistente Google e Alexa.
Il sistema Philips Hue è abilitato per assistenti AI intelligenti come Siri, Assistente Google e Alexa. PHILIPS
Accendere e spegnere è piuttosto semplice. L’oscuramento e la luminosità sono un po ‘più complessi. E scegliere un colore specifico o anche un motivo di colori è ancora più complesso. La maggior parte può essere eseguita tramite Google Assistant o Siri, ma alcuni richiedono l’app Philips Hue.

La domanda difficile per un marchio è: quanta di quell’esperienza di prodotto apri agli assistenti AI? Troppo, e non sei mai nella foto, poiché l’assistente media sempre l’accesso ai tuoi prodotti per i clienti. Ciò ti rende più vulnerabile alla mercificazione, mentre più valore viene accumulato per Apple, Google o Amazon.

Per un proprietario di una piattaforma e un creatore intelligente di assistenti AI, la sfida è diversa.

Sull’esperienza dell’utente e del prodotto, di più è meglio. Più qualcuno può fare con Siri o Google Assistant o Alexa, meglio è, perché un utente si abitua a quella metodologia. Non devono mai imparare un’app diversa o un’interfaccia diversa per gestire tutta la loro tecnologia o attività: basta chiedere al loro assistente preferito. Da questo punto di vista, Apple, Google e Amazon dovrebbero creare sempre più funzionalità in Siri, Assistant e Alexa, chiedendo agli sviluppatori di creare più hook nelle loro app … o anche farlo senza gli hook e semplicemente operare le app con tocchi virtuali e inserimento dati secondo necessità.

Ma il loro rischio è l’alienazione.

Le piattaforme hanno successo quando sono diverse. Sono ricchi quando molti prodotti e servizi di terze parti sono disponibili su di loro e quando sviluppatori ed editori si sentono sicuri di investire e costruire su di loro. Accumula troppo valore per la piattaforma stessa e terze parti penseranno che sia troppo pericoloso supportare HomeKit (Apple), Google Home o Alexa.

E diventa ancora più difficile quando sono coinvolti denaro e transazioni.

Sarebbe molto più facile per gli utenti di Google se Assistant ordinasse un caffè da Starbucks ogni mattina. O paga il treno giusto quando sali a bordo. Ma non aprendo l’app e consentendo alle persone di connettersi direttamente con i marchi, potrebbero sorgere domande sulla condivisione delle entrate. Commissioni. Anche l’elaborazione dei pagamenti.

In definitiva, gli assistenti intelligenti di intelligenza artificiale dovranno fare sempre di più. I consumatori lo chiederanno, secondo me.

Ma come ci arriviamo e come i marchi consentono, consentono e garantiscono che mantengano ancora un rapporto con i loro clienti, resta tutto da vedere.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi