Home / Hardware AI / Amazon conferma di conservare i dati di Alexa anche se eliminiamo i file audio

Amazon conferma di conservare i dati di Alexa anche se eliminiamo i file audio

“Gli americani meritano di capire come vengono utilizzati i loro dati personali”

Amazon ha ammesso che non elimina sempre i dati memorizzati che ottiene attraverso le interazioni vocali con i dispositivi Alexa ed Echo della società, anche dopo che un utente sceglie di cancellare i file audio dal proprio account . Le rivelazioni, delineate esplicitamente da Amazon in una lettera al senatore Chris Coons (D-DE), che è stata pubblicata oggi e datata 28 giugno, getta ancora più luce sulle pratiche di privacy della società per quanto riguarda il suo assistente vocale digitale.

Le risposte sono il seguito di una richiesta di Coons che risale al mese scorso, quando Coons ha messo in dubbio quanto a lungo l’azienda tratti le registrazioni vocali e le trascrizioni dalle interazioni di Echo. Nella lettera di questa settimana, Amazon ha confermato alcune delle accuse. “Conserviamo le registrazioni vocali dei clienti e le trascrizioni fino a quando il cliente sceglie di eliminarle”, si legge nella lettera.

AMAZON NON ELIMINA SEMPRE I DATI RACCOLTI UTILIZZANDO ALEXA, ANCHE QUANDO LO COMUNICHI
A seguito di un’indagine CNET pubblicata a maggio , c’è stata anche una domanda sul fatto che Amazon abbia conservato le trascrizioni testuali delle interazioni vocali con Alexa, anche dopo che un utente ha scelto di eliminare l’equivalente audio. Amazon afferma che alcune di quelle trascrizioni o informazioni ricavate dalle trascrizioni non vengono effettivamente rimosse, sia perché l’azienda deve sfregare i dati da varie parti dei suoi sistemi di archiviazione di dati globali sia perché, in alcuni casi, Amazon sceglie di conservare i dati senza dire l’utente.

Nella sua risposta, Brian Huseman, vice presidente delle politiche pubbliche di Amazon, ha affermato che la società è impegnata in uno “sforzo continuo per garantire che tali trascrizioni non rimangano in nessuno degli altri sistemi di storage di Alexa”. In altre parole, anche se un utente elimina manualmente la versione audio, alcune versioni di testo sono ancora salvate in sistemi di storage separati per un periodo di tempo sconosciuto. Tuttavia, in alcuni casi in cui Amazon ritiene che il set di funzionalità di Alexa sarebbe ostacolato dall’eliminazione dei dati, la società decide di conservare una certa versione dei dati.

Amazon sostiene che non trattiene i file audio, ma potrebbe conservare le informazioni sulla transazione se qualcuno usa Alexa per chiamare un Uber o per effettuare un ordine di consegna di cibo, per esempio. “Non archiviamo l’audio della risposta di Alexa. Tuttavia, potremmo conservare altri record delle interazioni Alexa dei clienti, inclusi i record delle azioni che Alexa ha preso in risposta alla richiesta del cliente “, ha scritto Huseman.


La lettera sottolinea inoltre che l’azienda, e persino gli sviluppatori di competenze di Alexa, possono tenere un registro di ogni transazione o attività pianificata regolarmente che un utente effettua con un dispositivo Echo. Questo, afferma Amazon, garantisce che l’attività sia facilmente ripetibile e conveniente per l’utente.

“E per altri tipi di richieste Alexa – ad esempio, impostando un allarme ricorrente, chiedendo ad Alexa di ricordarti del tuo anniversario, ponendo una riunione sul tuo calendario, inviando un messaggio ad un amico – i clienti non vorrebbero o si aspetterebbero la cancellazione della voce registrazione per cancellare i dati sottostanti o impedire ad Alexa di eseguire l’attività richiesta “, ha spiegato Huseman.

Molta attenzione è stata prestata negli ultimi mesi al funzionamento interno di Alexa, in seguito ad un rapporto Bloomberg di aprile che sottolineava come migliaia di dipendenti, molti dei quali impiegati a contratto e alcuni addirittura non impiegati direttamente da Amazon, hanno accesso sia alla voce che al testo trascrizioni delle interazioni di Alexa che potrebbero, in teoria, essere utilizzate per mettere insieme informazioni sulla vita personale di un utente. Amazon afferma che questi dati sono rivisti e commentati dagli umani per aiutare a migliorare Alexa nel tempo, usando metodi di machine learning per addestrare il software di intelligenza artificiale sottostante.

LE PRATICHE SULLA PRIVACY DI AMAZON SU ALEXA SONO SOTTOPOSTE A UN CONTROLLO APPROFONDITO
Ma la mancanza di chiarezza su come e in che modo Amazon raccoglie e memorizza questi dati, e perché è confusionario farla completamente scrostare dai server dell’azienda, ha portato un nuovo scrutinio su ciò che Amazon afferma essere pratiche standard del settore per le aziende che costruiscono strumenti e servizi dipendenti.

La posta in gioco sta aumentando, dato che ora Alexa gestisce le informazioni sensibili sulla salute dei pazienti . Amazon è stata anche oggetto di attacchi da parte di gruppi di tutela dell’infanzia e della privacy che affermano che la società sta violando la legge sulla protezione della privacy online dei bambini (COPPA) raccogliendo e conservando i dati sui bambini di età inferiore ai 13 anni con i dispositivi Amazon Echo Dot Kids.

“La risposta di Amazon lascia aperta la possibilità che le trascrizioni delle interazioni vocali dell’utente con Alexa non vengano cancellate da tutti i server di Amazon, anche dopo che un utente ha cancellato una registrazione della propria voce”, ha detto Coon in una nota. “Gli americani meritano di capire come i loro dati personali vengono utilizzati dalle aziende tecnologiche, e continuerò a lavorare con i consumatori e le aziende per identificare come proteggere al meglio le informazioni personali degli americani”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi