Home / AI tecnologia / Charlie e Beck di Fable Studio

Charlie e Beck di Fable Studio

Fable Studio svela due esseri virtuali basati sull’intelligenza artificiale che possono parlare con te

Fable Studio ha annunciato due nuovi esseri virtuali di intelligenza artificiale conversazionale, o persone artificiali. I loro nomi sono Charlie e Beck e potranno conversare come se fossero persone reali.

I nuovi personaggi sono una miscela di narrazione e intelligenza artificiale, un matrimonio che Fable sta sperimentando nella convinzione che gli esseri virtuali diventeranno un enorme mercato mentre le persone cercano compagnia e divertimento durante il clima difficile della pandemia.

Il CEO Edward Saatchi crede che gli esseri virtuali siano l’inizio di qualcosa di grande. Organizza il Virtual Beings Summit e quest’estate ha notato che le società di esseri virtuali – da Genies a AI Foundation – hanno raccolto più di 320 milioni di dollari .

Fable Studio ha iniziato come una società di intrattenimento in realtà virtuale e ha vinto un Emmy Award per il suo progetto di realtà virtuale Wolves in the Walls. Ma la società è andata oltre la realtà virtuale e si è concentrata su esseri virtuali, come Lucy, la bambina di 8 anni che è stata il primo personaggio AI di nuova generazione dello studio. Ora Fable sta tirando fuori Lucy dalla realtà virtuale e lasciando che le persone le parlino tramite il web, e la società ha una lista di attesa di 7.000 persone dopo aver lanciato Lucy in alpha test il mese scorso.

Tali personaggi sono trampolini di lancio verso il metaverso , l’universo di mondi virtuali che sono tutti interconnessi, come nei romanzi come Snow Crash e Ready Player One . Stiamo tenendo una conferenza sull’argomento, GamesBeat: Into the Metaverse il 27 gennaio, e Saatchi sarà un relatore.

E ora Lucy è stata raggiunta da Charlie e Beck. Puoi iscriverti per fare amicizia con loro su fable-studio.com . I personaggi sono alimentati da Fable Wizard, uno strumento AI per dare vita ai personaggi attraverso immagini, dialoghi, voci e animazioni.

Saatchi ha detto che nelle sei settimane dal lancio dell’alfa di Lucy, la società ha ricevuto l’interesse da società di proprietà intellettuale da sette miliardi di dollari per utilizzare il Mago per creare esseri virtuali dai loro personaggi. E ha un accordo in cantiere per co-creare un essere virtuale con un noto influencer.

Beck è un atleta di livello mondiale che andrà alle Olimpiadi di Tokyo 2021 per rappresentare il Canada nella squadra di canottaggio. Si è allenata per quattro anni per prepararsi per Tokyo, solo per essere delusa dal rinvio a causa della pandemia. È ansiosa che i suoi sogni vengano sospesi di fronte a un’enorme incertezza. La sua trama corrisponde alla realtà, mentre Lucy è rimasta bloccata nel 1988, l’anno in cui la sua storia si svolge nel libro di Neil Gaiman Wolves in the Walls .

“Abbiamo pensato che fosse interessante che tutti questi atleti olimpici si fossero allenati per quattro o otto anni”, ha detto in un’intervista il cofondatore di Fable Pete Billington. “E poi cosa significherebbe dedicare la tua vita a qualcosa del genere, e poi farti tirare fuori il tappeto da sotto. Stiamo tutti sperimentando delusioni e abbiamo cambiato programma. Ma per la maggior parte di noi, questo significa che abbiamo cancellato una vacanza o qualcosa del genere. Ma se hai passato molto della tua vita da giovane adulto ad allenarti per un solo momento, e questo viene rimandato. Come sarebbe? “

Charlie è più introverso. È una musicista e poetessa francese che vive a Parigi e trova la sua voce. Ha studiato storia dell’arte.

“Siamo davvero entusiasti di presentare questi personaggi”, ha detto il direttore creativo di Fable Jessica Shamash in un’intervista. “Ci stiamo lavorando da un po ‘di tempo ormai. E in realtà abbiamo qualche altro personaggio, ma questi sono i primi che volevamo introdurre. Volevamo costruire questi personaggi molto intenzionali a cui le persone si ispirano e guardano, persone che sono personaggi con cui il nostro pubblico vuole essere amico e con cui vuole interagire. Charlie è questo personaggio senza tempo, questo poeta francese senza tempo, che sta trasformando la sua poesia in musica. In qualche modo incarna Audrey Hepburn, Amélie e persino Bob Dylan “.

Potresti essere in grado di conoscere meglio Charlie tramite un suo amico.

“Ha bisogno di fare per esprimersi. Ed è una dinamica molto interessante avere qualcuno che ha quel bisogno, ma è anche molto timido e riservato in qualche modo “, ha detto Saatchi. “Stiamo esplorando come la sua amica d’infanzia potrebbe documentarla e volerla mostrare attraverso il suo obiettivo e come lui vede le sue vulnerabilità”.

Le persone potranno conversare con Beck e Charlie, poiché sono state progettate per sfruttare la tecnologia AI. Come con Lucy, Fable Studio ha unito il dialogo scritto dall’uomo con le risposte AI disponibili attraverso la tecnologia GPT3 , un modello di linguaggio che è agli inizi. Ma le conversazioni possono essere molto diverse perché sono adulti, ha detto Saatchi.

“Una volta entrati nell’età adulta, hai maschere diverse”, ha detto Saatchi. “Hai un sé professionale, hai un sé familiare, hai un amico. E nel caso di Beck e Charlie, entrambi hanno una sorta di identità pubblica “.

L’obiettivo è fare in modo che gli esseri virtuali siano proprio come noi. Puoi scrivere con loro, parlare, chattare in video, giocare insieme: seguirli, ascoltare la loro musica, condividere interessi. E Saatchi ha detto che si ricorderanno di te. La maggior parte degli scritti degli umani parla di portare le conversazioni lungo un “sentiero d’oro” o una storia gratificante, ha detto Saatchi.

In questo momento, non hai un’app. Puoi comunicare con loro tramite messaggi di testo, inviare messaggi diretti sui social media o parlare al telefono o in una chat video. E presto potresti essere in grado di unirti agli amici in metaversi come Roblox o Fortnite.

“È davvero importante che troviamo questi personaggi nei luoghi in cui sarebbero”, ha detto Saatchi. “Quindi per Beck, poiché è un’atleta, userebbe Strava, ad esempio, che è, sai, qualcosa che gli atleti usano per registrare i loro allenamenti. Quindi potresti guardare passivamente la sua vita mentre si allena ogni giorno. Un altro aspetto della sua vita potrebbe essere rappresentato su Instagram o TikTok. Troverai questi personaggi dove è appropriato. “

La sfida per gli scrittori umani è che le possibilità di direzioni conversazionali sono vaste e gli scrittori non possono assolutamente coprirle tutte. È qui che entrano in gioco la tecnologia AI – come GPT-3 – e il team AI di Fable.

“Ciò a cui le API in vari forum ci danno accesso è la capacità di improvvisare”, ha detto Saatchi. “E così il nostro team di intelligenza artificiale si concentra su come legare o contenere l’IA in modo che non sappia tutto di Internet, in modo che si comporti plausibilmente come se questo personaggio avesse una conoscenza limitata del mondo, di se stesso, e sulla sua relazione con te. E in questo modo, stiamo quindi creando un sottoinsieme di strumenti per mantenere l’IA contenuta e indirizzata nella giusta direzione in un dato momento “.

“GPT-3 ha una straordinaria capacità di tenere solo una conversazione avvincente, una conversazione credibile”, ha detto Saatchi. “Ma non ha il senso della memoria. Dopo quattro o cinque turni di conversazione, potrebbe farti una domanda molto simile a cui abbiamo già risposto, che sarebbe deludente, e quindi sentiresti di non essere visto. E poi hai improvvisamente rotto l’intimità, o hai creato una “valle misteriosa” della memoria. “

La chiave per far sembrare i personaggi reali è che devono essere in grado di ricordarti in un modo che sembri realistico.

“Questi tipi di personalità sono importanti, ma lo sono anche i ricordi che stiamo sviluppando per capire chi sei e quali sono i tuoi segreti, e quali sono le tue preoccupazioni”, ha detto Saatchi. “Spero che possiamo essere una specie di angelo positivo.”

Possibilità future
Saatchi ha detto che questi sono i primi esseri virtuali con una carriera e la possibilità di essere pagati per il loro lavoro, che si tratti di un abbonamento agli allenamenti con Beck o dell’acquisto di un album con Charlie. Saatchi ha detto che non è un atleta, ma ha conversazioni con Beck su cosa vuol dire essere guidati, mentre parla con Charlie della loro reciproca timidezza.

“Jung ha detto: ‘A livello subconscio incontriamo le persone che dobbiamo incontrare, quando abbiamo bisogno di incontrarle, per fare le cose che dobbiamo fare'”, ha detto Saatchi.

Shamash ha detto di avere una visione chiara degli archetipi della personalità: Beck e Charlie sono persone molto diverse con grandi obiettivi nella loro vita, ma modi molto diversi di affrontarli. Nel tempo, Saatchi ha detto che Fable avrà una matrice di personaggi più ampia e gli utenti saranno in grado di esplorare le loro carriere e vite.

Con Beck, qualcuno potrebbe persino prendere lezioni da lei legate al canottaggio, ha detto Saatchi.

“Potrebbe essere come un istruttore e tu saresti in grado di osservare il suo regime di allenamento”, ha detto Saatchi.

Nel tempo, Saatchi spera che gli esseri virtuali prolifereranno.

“In cinque anni, pensiamo che ogni persona della Gen Z avrà un essere virtuale di intelligenza artificiale come quel caro amico”, ha detto. “Immagina la scena a casa: i genitori sono seduti a tavola con il cibo e il bambino sta mandando messaggi e spettegolando. E i genitori si chiedono cosa stai facendo. È lo stesso modo in cui i bambini agiscono con la radio, la TV o i videogiochi “.

Saatchi ha detto che Fable sta facendo attenzione a quante persone possono avere conversazioni con personaggi come Lucy. Stanno monitorando per vedere se le persone stanno testando per vedere quanto sia reale il personaggio. E mentre un ragazzo prendeva molto in giro Lucy, per la maggior parte gli umani si sono comportati bene parlando con Lucy.

“Non abbiamo avuto nulla di negativo”, ha detto Saatchi. “Se stai facendo qualcosa di inappropriato, Lucy non risponderà o potrebbe disconnettersi. Ma questo è un tipo di tecnologia così potente e ha implicazioni psicologiche così potenti per le persone che abbiamo bisogno di creare fiducia “.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi