Come eBay sta aumentando l’uso dell’IA nell’e-commerce dietro le quinte 

Gli strumenti di intelligenza artificiale (AI) low-code e no-code e la visualizzazione 3D immersiva annunciano la prossima era dell’e-commerce . 

eBay sta assumendo un ruolo guida in questo settore con maggiori investimenti in esperienze guidate dall’intelligenza artificiale, inclusi rendering di prodotti 3D per migliorare le esperienze di acquisto e funzionalità di elenco automatizzate per semplificare i compiti del venditore. 

  
Essendo una delle piattaforme più vendute al mondo, eBay ha sfruttato l’intelligenza artificiale per un po’ di tempo, ma in genere è stato fatto dietro le quinte per i sistemi di raccomandazione, il rilevamento delle frodi e le previsioni delle intenzioni dei clienti, ha spiegato Stephanie Moyerman, ex senior director of risk and trust scienza su eBay. Di recente è passata a un nuovo ruolo con Instagram come direttore del benessere della scienza dei dati.

 
“Quello che vogliamo fare è integrare [AI] come parte delle esperienze e dei flussi naturali di acquisto e vendita”, ha detto agli spettatori durante un live streaming all’evento Transform 2022 di questa settimana . “Vogliamo fornire strumenti di intelligenza artificiale ai nostri venditori in modo che possano consentire esperienze diverse e personalizzate per i loro acquirenti senza alcuna impedenza”.

 

Semplificare la vendita
In particolare, eBay offre il rendering 3D del prodotto che offre agli acquirenti la possibilità di “navigare” in un elenco e creare un’esperienza di navigazione naturale, come se si trovassero in un negozio fisico, ha affermato Moyerman. Con strumenti low-code e no-code, i venditori possono scansionare gli articoli con i loro telefoni; le immagini vengono quindi caricate sul cloud di eBay e convertite in una risorsa 3D.

 
“Non hanno bisogno di attrezzature professionali di alcun tipo”, ha affermato Nitzan Mekel-Bobrov, chief AI officer di eBay. Tutto questo può essere fatto in pochi minuti e “non c’è nessun intervento manuale”. 

Questa funzionalità è stata lanciata nella categoria delle scarpe da ginnastica di eBay, con ulteriori implementazioni in arrivo. 

Nel frattempo, l’IA viene anche utilizzata per abilitare funzionalità di elenco automatizzate e ad alta velocità. I venditori possono scattare foto di articoli e popolare automaticamente le inserzioni, riducendo in definitiva, o eliminando del tutto, la necessità di input manuali. 

Questa funzionalità è stata inizialmente lanciata nella categoria delle carte collezionabili.  

Come spiegato da Mekel-Bobrov, questi strumenti di e-commerce di nuova generazione sono abilitati tramite l’uso della visione artificiale , il riconoscimento delle immagini, le reti neurali convoluzionali e l’analisi delle immagini a grana fine. 

Democratizzazione dell’IA
Mekel-Bobrov ha sottolineato che i venditori di eBay sono molto diversi tra loro, che vanno da marchi professionali e grandi aziende, a mamma e papà, a venditori occasionali, frugatori e venditori di garage.

L’intelligenza artificiale e gli strumenti low-code e no-code forniscono nuove capacità e aprono nuove opportunità in questo panorama, affrontando anche enormi variazioni quando si tratta di set di competenze tecniche, ha affermato. 

“Siamo un mercato bilaterale”, ha affermato Mekel-Bobrov, affermando che eBay deve valutare allo stesso modo le esigenze e i desideri sia della rete di venditori che dei loro acquirenti. “La nostra intera ragione di esistere è riunire venditori e acquirenti in quel contesto di e-commerce”.

Superare le sfide
Non c’è un’azienda che sviluppa e impiega l’IA che non deve affrontare sfide, ha ammesso Mekel-Bobrov. 

 
“L’intelligenza artificiale è diversa dalle altre applicazioni software in diversi modi”, ha affermato. “Uno dei più importanti è che l’IA apprende nel tempo”.

Ciò richiede cicli di feedback continui, con informazioni in entrata, in uscita e in fase di archiviazione in modo che i modelli possano essere riqualificati e migliorati. 

In particolare, portare l’infrastruttura AI su una scala che desiderano e in tempo reale, richiede “quantità enormi di infrastruttura, sia hardware che software”, ha affermato Mekel-Bobrov. 

E questo crescerà esponenzialmente con l’ulteriore democratizzazione dell’IA. 

Si tratta di affrontare un’area alla volta, implementando lentamente nuove funzionalità, ad esempio per categorie e sottocategorie di prodotti o per segmenti di clienti. 

Ci sono anche sfide culturali, sia interne che esterne. 

Molti venditori non sono abituati a strumenti così avanzati; è imperativo “aiutarli a portarlo al livello successivo mentre il mondo si sta evolvendo, mentre l’e-commerce si sta evolvendo”, ha affermato Mekel-Bobrov.

Preparazione per il metaverso
Con un metaverso su vasta scala all’orizzonte, sta emergendo un “nuovo paradigma del consumatore” e non è diverso dall’avvento iniziale dell’IA, ha affermato Mekel-Bobrov. 

Il parallelo, ha detto, è “anni passati a parlarne e le persone che non sanno come andrà a finire completamente e poi all’improvviso è qui, ma non è qui nel modo in cui la gente si aspettava necessariamente”. 

 
Andando avanti, gli sforzi di eBay nell’IA e nel low-code e no-code diventeranno “più tattici, più tangibili”, ha affermato. Ciò includerà il raddoppio delle esperienze visive guidate dall’intelligenza artificiale e l’ulteriore incorporazione nella comprensione visiva e nella comprensione dei contenuti. Allo stesso modo, eBay continuerà a investire in strumenti, come il 3D più avanzato e la realtà aumentata (AR) e a sviluppare la compatibilità multipiattaforma. 

Nel frattempo, la diffusa democratizzazione dell’IA richiederà più istruzione e investimenti su tutta la linea, ha affermato Mekel-Bobrov. Si aspetta l’eventuale emergere di standard comuni, migliori pratiche e governance. Ciò richiederà partnership e rappresentanza tra le aziende per garantire che gli stessi standard siano costruiti e mantenuti, indipendentemente dall’implementazione, ha affermato. 

In particolare quando si tratta del metaverso, le aziende di e-commerce devono lavorare insieme e assumere un ruolo attivo “per essere sicure che si formi in modo da proteggere e servire i nostri clienti nel miglior modo possibile”, ha affermato Mekel-Bobrov. 

Alla fine, ha detto: “Adoro parlare del futuro perché puoi sognare in grande”.

 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi