Una serie di sfortunati eventi a Neuralink
Nel 2021, l’ex presidente di Neuralink, Max Hodak, si è dimesso dal suo ruolo in azienda, solo per investire in “Synchron” pochi mesi dopo.
 
 
Un rapporto di Bloomberg afferma che la scorsa settimana una startup australiana di interfaccia cervello-computer chiamata “Synchron” ha impiantato il suo primo dispositivo nel cervello di un paziente statunitense. Il paziente soffriva di SLA, una malattia neurodegenerativa che pregiudicava la loro capacità di parlare e muoversi, ed era del centro medico Mount Sinai West di New York. Il chip aiuterebbe i pazienti immobili a inviare e-mail e messaggi di testo usando i loro pensieri. 

Synchron aveva precedentemente provato e testato con successo questa procedura su quattro pazienti in Australia che sono stati quindi in grado di inviare messaggi WhatsApp e persino acquistare online. Sebbene “Synchron” possa essere relativamente sconosciuto nell’appariscente interfaccia cervello-computer o nel segmento BCI, ha ricevuto l’approvazione dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per iniziare la sperimentazione umana nel luglio 2021. Sorprendentemente, la stella polare percepita del cervello- l’interfaccia del computer, ‘ Neuralink ‘, deve ancora ricevere l’approvazione della FDA per impiantare la loro tecnologia negli esseri umani.

 
Formidabili concorrenti
Al contrario, Synchron aveva impiantato il suo primo chip in un paziente umano nel 2019 a Melbourne, in Australia. La previsione di Musk secondo cui la sua azienda avrebbe iniziato la sperimentazione umana nel 2020 deve ancora essere realizzata. Una nuova ondata di incidenti ha anche mostrato che la nuvola scura attorno a Neuralink sta solo crescendo con il passare del tempo.


Partenza degli alti dirigenti 
Il giorno dopo lo scoppio della storia di successo di Synchron, il co-fondatore di “Neuralink” Paul Merolla ha annunciato la sua partenza dall’azienda di Musk. Reuters ha riferito che Merolla è stato il sesto membro fondatore tra gli otto originali a dimettersi, lasciando Musk e Direttore dell’ingegneria Dongjin Seo. Merolla ha rivelato che stava partendo da Neuralink alla ricerca di un nuovo progetto confidenziale. Nel 2021, l’ex presidente di Neuralink, Max Hodak , si è dimesso dal suo ruolo in azienda, solo per investire in “Synchron” pochi mesi dopo. 


Nel luglio 2022, un rapporto di Insider ha affermato che Musk aveva avuto due gemelli con Shivon Zilis, dirigente di Neuralink, che lavorava con l’azienda dal 2017. Zilis attualmente è direttore delle operazioni e dei progetti speciali dell’azienda. Musk ha confermato il rapporto, twittando in risposta: “facendo del mio meglio per aiutare la crisi della sottopopolazione”. 


Pretese alte
La lunga serie di dirigenti senior in partenza da Neuralink potrebbe essere un segno che l’azienda potrebbe aver superato le sue ambizioni. In confronto, la scienza di Synchron era considerata molto più semplice. Il suo dispositivo aveva uno stentrodo che poteva essere inserito nel cervello di un paziente attraverso una piccola incisione. L’uso di uno stentrodo previene qualsiasi intervento chirurgico importante sul paziente e non causa infiammazioni o traumi a lungo termine. Il medico in genere utilizza un catetere per posizionare il dispositivo stentrodico all’interno di un vaso sanguigno all’interno della corteccia motoria, responsabile del controllo e dell’azione volontaria. 

Caricatore dell’impianto Neuralink, Fonte: Neuralink
Una volta che lo stentrodo è stato posizionato in modo sicuro nel collo del paziente, è collegato a un dispositivo informatico posizionato all’interno del torace. Lo stentrodo è quindi in grado di registrare i segnali prodotti dai neuroni e inviare questi segnali al dispositivo informatico. Il dispositivo informatico trasferisce quindi queste informazioni a un telefono o un computer tramite Bluetooth. 

Al contrario, Neuralink propone un modo più indiretto per mantenere la sua promessa. L’azienda intende sviluppare un robot chirurgico che impianta il dispositivo nel cervello di un paziente. Il dispositivo promesso da Neuralink dovrebbe essere più compatto e potente del dispositivo di Synchron e richiederebbe probabilmente la rimozione di una parte del cervello del paziente per un corretto inserimento. La procedura chirurgica verrebbe eseguita utilizzando il robot. 


Intento poco chiaro
Le affermazioni passate di Elon Musk sul potenziale di Neuralink hanno contribuito alla mancanza di chiarezza sulle sue intenzioni. Durante la commercializzazione di Neuralink, Musk inizialmente ha detto che voleva che il chip fosse un “Fitbit nel cervello”. Nel 2020, ha affermato che i chip di Neuralink avrebbero la capacità di eseguire la telepatia, nel senso di evocare la propria auto usando la mente o anche di “salvare e riprodurre” i ricordi. Neuroscienziati e altri esperti del settore, tuttavia, hanno notato che la scienza alla base delle fantasiose ambizioni dell’azienda è traballante. 

Nel novembre 2019, Musk ha anche affermato che Neuralink sarebbe in grado di “curare molte malattie legate al cervello” come l’autismo e la schizofrenia. In un altro caso, ha affermato che il dispositivo sarebbe in grado di curare cecità, paralisi, sordità e persino insonnia. Dall’inizio della società nel 2016, nessuna prova documentata è stata rivelata a sostegno di queste pesanti affermazioni. 

Secondo Elon Musk, il chip di Neuralink potrebbe aiutare a “raggiungere la simbiosi tra umani e intelligenza artificiale”. Sebbene affascinanti, i neuroscienziati si sono espressi con forza contro l’idea che a un essere umano sano venga consigliato di sottoporsi a un intervento chirurgico al cervello. La pratica dell’inserimento di dispositivi nei pazienti è riservata esclusivamente ai pazienti che necessitano di un intervento chirurgico salvavita. 

È plausibile che gran parte dell’entusiasmo di Musk possa derivare da esperimenti che di per sé non sarebbero considerati rivoluzionari. Dal 2019, ha ripetutamente elogiato il successo dell’azienda nell’impiantare con successo il chip Neuralink nel cervello di una scimmia. Nell’aprile 2021, Neuralink ha affermato che le loro scimmie ricercatrici erano in grado di giocare a un gioco per computer chiamato ” Pong ” usando le loro menti e hanno pubblicato un video come prova. Tuttavia, gli esperti non hanno espresso timore reverenziale o shock in risposta ai risultati, osservando che si tratta di un esperimento che è stato condotto in precedenza. Inoltre, per un’azienda che vuole passare alla BCI, la sperimentazione sugli animali farebbe parte della sequenza naturale degli eventi. 


Accuse di crudeltà verso gli animali
Nel già turbolento viaggio di Neuralink, sono state fatte anche accuse di crudeltà sugli animali sull’uso dei macachi come soggetti di ricerca presso l’Università della California, Davis Prime Center. 

Un’organizzazione senza scopo di lucro chiamata “Comitato dei medici per la medicina responsabile” ha scritto una lettera al Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti (USDA) chiedendo un’indagine sulle pratiche di Neuralink. Nei risultati della loro indagine, è stato rivelato che aveva trovato un “modello di estrema sofferenza e negligenza del personale” dai documenti sulle 23 scimmie oggetto di ricerca a Neuralink. Il comitato ha ulteriormente elaborato che lo staff di Neuralink aveva “rimosso parti delle scimmie” e ha finito per ucciderne molte. 

Neuralink alla fine ha risposto al rapporto ammettendo che diverse scimmie nel corso delle loro ricerche hanno negato qualsiasi presunta affermazione di crudeltà sugli animali contro di loro. 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi