Cosa possono imparare le altre nazioni dalla solida risposta dell’IA della Grecia alla riapertura delle frontiere
I sistemi di intelligenza artificiale come Eva possono prevenire le restrizioni di viaggio globali rilevando in anticipo i passeggeri a rischio di infezione da coronavirus.
 
La pandemia di COVID-19 infuria da oltre due anni ed è tutt’altro che finita. La scoperta di ogni nuovo ceppo porta al panico nella comunità globale e aumenta la possibilità di blocchi e nuove restrizioni di viaggio. Tuttavia, limitare i viaggi internazionali ha effetti dannosi sull’economia di un paese a causa della diminuzione delle entrate dell’industria dei viaggi, per non parlare dei paesi che dipendono fortemente dalla forza lavoro migrante per le loro industrie. Un caso di studio sugli effetti della pandemia sull’economia australiana mostra chiaramente che le perdite possono essere attribuite ai settori dei viaggi e dell’istruzione a causa di una diminuzione del numero di turisti e studenti internazionali. Una diminuzione stimata delle entrate di 1 trilione di dollari USA nell’industria dei viaggi dei paesi europei, insieme a una riduzione di 19 milioni di posti di lavoro, ha paralizzato la maggior parte delle economie turistiche.

Il consueto protocollo di screening seguito e i suoi svantaggi
I paesi hanno avuto difficoltà a decidere come aprire al meglio i confini internazionali per i viaggi senza ulteriori impennate nei casi di COVID-19. La maggior parte dei paesi, ad eccezione della Grecia, ha adottato il raggruppamento dei colori delle nazioni in base alle metriche epidemiologiche a livello di popolazione. Con i viaggiatori provenienti da “paesi nella lista bianca” esenti da qualsiasi restrizione, quelli provenienti da “paesi nella lista grigia” che dovevano fornire la prova di recenti rapporti RT-PCR negativi, le persone provenienti da “paesi nella lista rossa” dovevano sottoporsi alla quarantena obbligatoria all’arrivo e ai viaggiatori dei “paesi sulla lista nera” era vietato l’ingresso nel paese. Ci sono diversi inconvenienti in questo processo di raggruppamento e sono necessari metodi di screening migliori per ridurre il rischio di riapertura delle frontiere.

Come la Grecia ha sfruttato l’IA per riaprire i suoi confini
L’intelligenza artificiale è stata applicata per affrontare le diverse sfide affrontate durante la pandemia di COVID-19, dalla previsione del ricovero in terapia intensiva dei pazienti alla fornitura di cavi verificati per forniture salvavita. Di fronte al problema di riavviare i viaggi non essenziali nel luglio 2020 per salvare la sua economia dipendente dal turismo, la Grecia si è affidata all’IA per determinare la migliore strategia a questo scopo.

Tutto è iniziato con il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis che ha accettato l’assistenza di Kimon Drakopoulos, un assistente professore del dipartimento di scienze e operazioni dei dati presso la USC Marshall School of Business. Nello specifico, le autorità greche volevano aiuto per riaprire le frontiere mantenendo la massima sicurezza.

Su consiglio di Drakopoulos e dei suoi colleghi, le autorità greche hanno utilizzato un sistema basato su algoritmi di apprendimento automatico per determinare quali viaggiatori stranieri che entravano nel paese dovevano essere testati per l’infezione da coronavirus. Il sistema di apprendimento automatico è noto come Eva , che secondo i ricercatori è stato in grado di rilevare da due a quattro volte il numero di viaggi infetti rispetto ai test casuali.

I viaggiatori internazionali che venivano in Grecia dovevano compilare un modulo 24 ore prima dell’arrivo, il che ha aiutato il sistema di intelligenza artificiale a costruire un profilo di rischio di infezione da COVID-19 per tutti i visitatori. Ha raccolto informazioni sulla cronologia di viaggio e altri dati demografici specifici del passeggero. Eva costruisce quindi il profilo di rischio dei viaggiatori in arrivo confrontandoli con i dati memorizzati di tutti i passeggeri precedentemente testati. L’allocazione dei test è interamente basata su un algoritmo che bilancia due fattori. In primo luogo, Eva determina che il viaggiatore è ad alto rischio di infezione da coronavirus sulla base dei dati passati. In secondo luogo, se le informazioni disponibili non sono sufficienti per stimare il fattore di rischio per un individuo che entra nel paese, tutti i passeggeri testati in base al secondo criterio fungono da canale di feedback,

Ciò ha consentito alle autorità greche di testare solo un sottoinsieme di viaggiatori valutati da Eva come gruppi “ad alto rischio” e ha contribuito a prevenire l’ingresso nel paese di individui asintomatici infetti da COVID19.

Sono necessari metodi di screening efficaci per riaprire le frontiere
Quando il Sudafrica ha rilevato una nuova variante del coronavirus, denominata Omicron dall’Organizzazione mondiale della sanità, invece di essere applaudito per una scoperta vitale, molti paesi hanno imposto restrizioni di viaggio a diverse nazioni africane, in particolare il Sudafrica. Questo tipo di misure indurrà i governi a sopprimere i risultati scientifici relativi a eventuali nuovi ceppi non scoperti a causa dell’impatto economico dannoso dei divieti di viaggio. 

Sebbene sia necessario limitare i viaggi internazionali non essenziali in momenti critici, lo sviluppo di protocolli di screening più efficaci consentirà ai paesi di riaprire le frontiere non appena la situazione sarà sotto controllo. Per affrontare questo problema, i metodi di screening basati sull’intelligenza artificiale come Eva, il primo sistema di screening COVID-19 basato sull’apprendimento per rinforzo completamente algoritmico, devono essere ulteriormente sviluppati e distribuiti in tutto il mondo. Non solo preverrà la diffusione dell’infezione da coronavirus, ma salverà anche preziosi kit di test limitando il numero di viaggiatori che devono sottoporsi a test RT-PCR.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi