Il valore della società israeliana è balzato di cinque volte dall’ultimo round di finanziamento di un anno fa. “Abbiamo completato la raccolta fondi in tre settimane e ci sono molte aziende che si pentono di non essersi affrettate a raccogliere capitali mentre il mercato sta cambiando”, ha detto a Calclaist il co-fondatore e CEO di Datagen Ofir Zuk

La startup israeliana di intelligenza artificiale Datagen ha annunciato di aver raccolto $ 50 milioni in un round di finanziamento di serie B, portando il finanziamento totale dell’azienda a $ 70 milioni. L’azienda, fondata nel 2018 da due laureati Technion, Ofir Zuk (Chakon, 30 anni) e Gil Elbaz (27), ha sviluppato un simulatore di dati che accelera la costruzione di modelli di intelligenza artificiale. Il round è stato guidato dal nuovo investitore Scale Venture Partners, con la partecipazione degli investitori esistenti TLV Partners, Viola Ventures e Spider Capital. Andy Vitus, partner di Scale VP, si unisce al consiglio di amministrazione di Datagen. Secondo Zuk, il valore dell’azienda con il round in corso è cinque volte più alto del valore dopo il round di serie A tenutosi meno di un anno fa.
 
“Abbiamo iniziato il processo di raccolta fondi a gennaio e l’abbiamo chiuso in meno di tre settimane”, ha affermato Zuk. “Tutto è successo molto velocemente con noi, ma potremmo aver beneficiato dell’ultimo miglio del buon mercato. In Israele non si fa ancora sentire, ma nella Silicon Valley si parla già di livelli di valore più bassi, i fondi VC stanno cancellando i loro accordi di investimento e molte aziende si rammaricano di non aver raccolto capitali prima”.
Datgen ha già vendite, che sono aumentate notevolmente da quando cinque mesi fa è passata a un nuovo modello di business in base al quale vende la sua tecnologia come prodotto e addebita al cliente i minuti di utilizzo. Tuttavia, le entrate ammontano ancora a pochi milioni di dollari e non hanno superato la soglia dei 10 milioni di dollari.
Il simulatore dell’azienda israeliana si basa su informazioni sintetiche e consente quindi una significativa accelerazione del processo di addestramento dei modelli di intelligenza artificiale nel campo della visione artificiale. Questi modelli richiedono molte informazioni visive per ottenere i migliori risultati per prendere decisioni. La soluzione sviluppata da Datagen crea una simulazione tridimensionale della realtà e alimenta rapidamente le macchine ML con i dati di immagine necessari per l’addestramento dell’IA in modo visivo. Il processo aiuta a risolvere il collo di bottiglia dell’IA degli ultimi anni causato dalla necessità di raccogliere, etichettare e pulire manualmente i dati delle immagini, un processo costoso e continuo che dura molti mesi, produce dati “sporchi”, è parziale e include molti errori. Secondo Zuk, il simulatore sviluppato da Datagen può essere adattato a qualsiasi campo a seconda del contenuto che viene immesso nel sistema,


“Mentre entriamo in una nuova era di machine learning incentrata sui dati, una pipeline di dati semplificata e operativa è pronta a diventare il pezzo più redditizio del puzzle di machine learning”, ha affermato Andy Vitus, partner di Scale Venture Partners. “Questo è il motivo per cui stiamo investendo in Datagen, che sta creando uno stack CV completo che promuoverà i progressi nell’IA, trasformando radicalmente il modo in cui le applicazioni di visione artificiale vengono sviluppate e testate. Il potenziale impatto di ciò che Datagen ha da offrire, in un’ampia gamma di applicazioni, è sbalorditivo”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi