Con “Dramatron”, Deepmind introduce un nuovo metodo di prompt per modelli di linguaggio di grandi dimensioni. Per la demo, Deepmind utilizza la tecnologia di OpenAI.

Con Dramatron, Deepmind mira a superare un limite comune degli attuali modelli di linguaggi di grandi dimensioni (LLM): la capacità di generare storie lunghe e coese con personaggi coerenti e una trama in corso.

Fondamentale per Dramatron è il cosiddetto “prompt chaining”. Il metodo concatena i prompt ai livelli gerarchici inferiori con prompt che includono l’output dei livelli gerarchici superiori.

Il team di ricercatori di Deepmind e della Stanford University può usarlo per creare sceneggiature e sceneggiature coerenti per il teatro e il cinema, dai titoli ai personaggi, alle trame, alle descrizioni dei luoghi e ai dialoghi.

 
I redattori umani possono intervenire nel processo ma, a differenza di esperimenti simili, non devono, secondo i ricercatori. Dramatron dovrebbe essere in grado di narrare in modo coerente senza l’aiuto umano.

Suggerimenti gerarchici per storie coerenti
Il punto di partenza di Dramatron è il breve riassunto di una storia, la cosiddetta linea di registro . Di solito contiene l’ambientazione, i protagonisti e gli antagonisti, un conflitto o un obiettivo o un evento particolare. Il riassunto risponde alle domande cruciali per una trama su chi, cosa, quando e dove, come e perché.

Dopo che un essere umano è entrato nella riga del registro, Dramatron genera un elenco di personaggi, trama e luoghi insieme alle loro descrizioni. Tutti questi parametri dovrebbero essere coerenti con la riga di registro. Infine, il sistema genera i dialoghi per ogni scena.

Dramatron utilizza cinque prompt codificati che generano il rispettivo testo in base alla riga del registro e si basano l’uno sull’altro.

 
Il prompt del titolo genera il titolo in base alla riga del registro.
Il prompt della descrizione del personaggio genera le descrizioni del personaggio in base alla riga del registro.
Il prompt del profilo della trama genera la trama e le descrizioni compatte della scena, comprese le informazioni sulla posizione in base alla riga del registro e all’elenco dei personaggi. Genera anche sintesi delle dichiarazioni dei protagonisti coinvolti.
La richiesta di descrizione della posizione genera una scena dettagliata basata sul nome di una posizione e sulla riga del registro.
Infine, il prompt di dialogo genera dialoghi basati sui riassunti della scena, sulla posizione e sulle descrizioni dei personaggi e, per coerenza della storia, sulla riga del registro. Il prompt elabora le informazioni dalla scena corrente e dalle scene passate.
Dopo ogni passaggio, un essere umano può intervenire nel processo, ripetere la generazione, continuarla o modificare manualmente l’output.

 

Per sviluppare il sistema, Deepmind ha utilizzato un modello Chinchilla interno addestrato con 70 miliardi di parametri. La demo fornita si connette a GPT-3 e pertanto richiede una chiave API OpenAI. La consociata commerciale di Deepmind, Google, ha numerosi modelli di linguaggi di grandi dimensioni come PaLM in fase di sviluppo, ma nessuno di questi è ancora disponibile come prodotto.

Utile strumento di scrittura, ma non sostituisce gli editor umani
Il team ha creato in modo co-creativo i pezzi di Dramatron con 15 professionisti dell’industria teatrale e cinematografica, e poi li ha valutati con le stesse persone in interviste aperte.

 
Le recensioni sono state per lo più positive : il 92% degli intervistati è rimasto sorpreso dall’output dell’IA e l’84% ha trovato utile il sistema. Il 77% ha scoperto che lavorare con Dramatron sembrava collaborativo e che facevano ancora parte del processo creativo. I professionisti del cinema tendevano a valutare le sceneggiature generate più in alto rispetto ai professionisti del teatro.

 
Le critiche includevano il sessismo che si verifica nelle sceneggiature, il rischio di plagio e l’impatto del sistema sull’industria creativa. Un feedback è stato che Dramatron potrebbe liberare gli artisti dalla scrittura di sceneggiature stereotipate, ma che ciò avrebbe distrutto le opportunità di lavoro.

Ad alcuni partecipanti è mancata la coerenza nelle storie e la mancanza di comprensione del mondo, nonché degli elementi che possono essere rappresentati bene su un palcoscenico. Altri hanno criticato la mancanza di sottotesto e sfumature e hanno ritenuto che le trame ei personaggi non fossero stati completamente raccontati.

“AI non scriverà mai ‘Casablanca’ o ‘Una vita meravigliosa’. Potrebbe essere in grado di scrivere una narrazione in scatola di genere “, ha detto un partecipante.

Sono in gioco anche domande sulla paternità: più della metà dei partecipanti ha affermato di ritenere di non possedere l’output del sistema di intelligenza artificiale. Tuttavia, tutti i partecipanti hanno trovato Dramatron utile come ispirazione nel processo di scrittura .

Di conseguenza, il team di ricerca conclude che Dramatron potrebbe essere utilizzato come uno “strumento di scrittura co-creativa” che gli autori umani utilizzano per scrivere sceneggiature e sceneggiature teatrali insieme a LLM.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi