Home / Hardware AI / Facebook e i suoi ragno robot per far avanzare la sua ricerca sulla AI Intelligenza artificiale

Facebook e i suoi ragno robot per far avanzare la sua ricerca sulla AI Intelligenza artificiale

Facebook sta sperimentando con i robot per far avanzare la sua ricerca sull’IA

Ma non aspettarti di vedere alcun robot di Facebook in vendita

Un robot hexapod utilizzato da Facebook nella sua ricerca .
Facebook è sicuramente una società high-tech, ma non è una che si dovrebbe necessariamente associare ai robot. Tuttavia, come l’azienda ha rivelato oggi , questo è esattamente il punto in cui i suoi ricercatori stanno guardando in seguito – cercando di vedere come gli esperimenti in robotica possano favorire il suo lavoro nell’IA.

Questo non è raro per le grandi aziende tecnologiche. Molte aziende, tra cui Google, Nvidia e Amazon, utilizzano i robot come piattaforma per esplorare le vie della ricerca sull’intelligenza artificiale. I robot di controllo sono, in molti modi, più difficili delle sfide come giocare a giochi da tavolo e videogiochi . Con questi ultimi compiti, i ricercatori hanno accesso a ambienti di gioco simulati, che consentono agli agenti IA di giocare e imparare a velocità accelerate. Non esiste una tale scorciatoia per i robot di addestramento.

“Il bello della robotica è che si svolge in tempo reale, nel mondo reale”, ha dichiarato a Bloomberg News il conduttore di Facebook Antoine Bordes, co-amministratore delegato dei laboratori di ricerca sull’intelligenza artificiale dell’azienda .

Gli esperimenti di Facebook implicano l’uso del senso del tatto per aiutare un robot a completare compiti semplici. Immagine: Facebook
La ricerca è ampia e Facebook ha condiviso dettagli su un trio di articoli . Il primo consiste nell’ottenere un robot a sei zampe per insegnare a se stesso come superare prove ed errori, il secondo è sfruttare la “curiosità” per aiutare i robot ad imparare più velocemente, e il terzo è usare il senso del tatto per aiutare un robot a raggiungere compiti come rotolare una palla.

Nessuno di questi documenti è di per sé innovativo e gli argomenti in corso di ricerca vengono anche affrontati altrove da università e laboratori. Ma è degno di nota, comunque, che il laboratorio di ricerca AI di Facebook (noto come FAIR) sta perseguendo questa linea di lavoro.

Lo scienziato capo della compagnia, Yann LeCun, ha dichiarato a Bloomberg che FAIR ha il dovere di “vedere dietro le quinte” e di essere preparato per prodotti e servizi futuri, inclusi i robot. “Devi iniziare presto,” disse LeCun. “Non è solo qualcosa in cui puoi saltare quando riprende.”

In alcuni piccoli modi, Facebook ha già dimostrato che fare i conti con i sistemi fisici può avere dei guadagni inaspettati. Ad esempio, quando la società ha lanciato la sua videocamera di chat domestica home Portal, ha collaborato con i registi per progettare i movimenti della telecamera che inquadrano gli utenti per ogni scatto. Nonostante i diffusi problemi di privacy che circondano il Portale, i revisori hanno elogiato la società per rendere l’esperienza di chiamata sorprendentemente perfetta.

Sapendo come legare insieme AI e hardware ha dato a Facebook una piccola gamba con Portal, e potrebbe farlo di nuovo con i prodotti futuri.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi