Home / Intelligenza artificiale pericolo / I giganti della tecnologia con i loro algoritmi stanno diventando troppo potenti?

I giganti della tecnologia con i loro algoritmi stanno diventando troppo potenti?

di Bernard Marr

Quanto potente diventerà la tecnologia? Mentre gran parte della preoccupazione per l’integrazione della tecnologia in ogni area della nostra vita si è concentrata sull’essere umano sostituito dall’intelligenza artificiale, Jamie Susskind, avvocato, oratore e autore , esamina il suo libro Future Politics: Living Together in a World Transformed by Tech , dove la tecnologia asservita al potere potrebbe esercitare pressione politica. Come esseri umani, dobbiamo considerare le nostre responsabilità per lo sviluppo e il monitoraggio dell’influenza della tecnologia nelle nostre vite e società e di ciò che ci aspettiamo dalla nostra leadership eletta. Di recente Jamie e io abbiamo avuto la possibilità di approfondire alcune delle considerazioni relative al futuro della politica in un mondo ad alta tecnologia.

“Ho fatto la mia compagnia ad Harvard nel 2016/2017, e questo in realtà ha segnato un punto di svolta nel modo in cui le persone hanno pensato e scritto su questi problemi. Dopo Trump e Brexit, quando molte persone si sono alzate a sedere e hanno pensato, ‘ Oh mio Dio, forse questi sistemi sono forze diffamatorie nella società “, molti politici erano desiderosi di prendere le distanze dalla Silicon Valley”, ha detto Susskind.

Quando guardiamo l’interazione tra tecnologia e politica, è importante non solo pensare alla politica come l’abbiamo tradizionalmente immaginata all’interno degli organi convenzionali della vita politica come i parlamenti, i dirigenti, il servizio civile e la magistratura. Internet ha permesso alcune forme di comunicazione politica, che sono di grande beneficio. La maggior parte dell’organizzazione politica è ora fatta usando mezzi digitali. In effetti, movimenti come il movimento Occupy o la primavera araba non sarebbero stati possibili senza la rivoluzione digitale.

“In realtà, le conseguenze della tecnologia digitale nel modo in cui viviamo sono molto più diffuse, molto più disperse ma potrebbero ancora essere facilmente classificate come problemi di libertà, giustizia, democrazia. Anche se non vengono immediatamente filtrati attraverso il prisma della democrazia parlamentare “, ha detto Susskind.


Ha continuato, “Ad esempio, in passato pensavamo che il principale meccanismo di distribuzione nella società fosse il mercato con l’intervento degli Stati. Ora sovrapposti ad entrambi, abbiamo molta influenza dagli algoritmi incorporati in entrambi i sistemi. accesso a cose di valore sociale — lavoro, credito, assicurazione — queste sono fortemente influenzate da algoritmi e, in un certo senso, lo stato potrebbe non essere coinvolto in questo. Ma se tu abbia accesso a quelle cose potresti determinare se hai un bella vita o cattiva vita, vita prospera o povera, vita significativa o insignificante. Lo vedo come un problema politico di primo ordine. È qualcosa che influenza la comunità nel suo insieme. “

Potenza della tecnologia

Questa realtà è il motivo per cui le grandi aziende tecnologiche hanno un potere straordinario oggi. Gli attuali mandati normativi sono stati creati per le società in passato in cui il mercato era la considerazione, non le forme di potere. Susskind sostiene che dobbiamo vedere la tecnologia non solo come consumatori, ma come cittadini.

Allo stesso tempo, i social media possono influenzare uno degli aspetti più fondamentali della democrazia, che è la deliberazione e il modo in cui ci parliamo. Abbiamo visto le persone diventare polarizzate perché attraverso le loro scelte personali, gli algoritmi stanno facendo delle scelte per loro e sono alimentati da informazioni che rafforzano la loro visione del mondo. Abbiamo visto le persone diventare più trincerate in quelle opinioni perché più tempo trascorri con le persone e le informazioni che sono d’accordo con te, più profondamente arriverai a mantenere quelle opinioni. C’è anche un problema significativo con la diffusione di notizie false e disinformazione.

In un certo senso, non è sorprendente che ciò sia accaduto. Queste piattaforme di social media non sono state sviluppate secondo i principi del forum o di un sano dibattito pubblico. Se così fosse, ti incanalerebbero informazioni bilanciate, corrette e rigorosamente controllate o altrimenti progettate per renderti un cittadino migliore.

Invece, è più probabile che tu riceva roba scintillante o scandalosa. Non importa se è sbagliato, parziale o parziale. Come consumatori, questo è ciò che ci piace. Quindi non dovremmo essere sorpresi che quando sviluppi questi sistemi secondo la logica del mercato piuttosto che la logica del forum, essi non servono il bene comune, il bene pubblico. Servono il bene privato.

Mentre lobbismo e preoccupazione per lo strano potere antidemocratico che le grandi aziende hanno la capacità di esercitare non sono nuove, ci sono alcune domande davvero interessanti sollevate dalle nuove tecnologie e quali società e individui che usano la tecnologia dovrebbero e non dovrebbero essere autorizzati a fare con esso.

I sistemi di realtà virtuale stanno per esplodere in importanza. Ci sono tutti i tipi di cose che potresti o potresti voler fare in un sistema di realtà virtuale che sarebbe illegale fare nella vita reale. Questo fatto presenta alcune interessanti questioni morali.

Dovresti essere in grado di partecipare a un gioco di guerra? Che dire dell’attività sessuale che sarebbe illegale se fatta nella vita reale? È OK rendere un avatar del tuo vicino di casa e fare sesso nella realtà virtuale con quella persona, o dovrebbe essere proibito e perché? Quale sarebbe la base giuridica di ciò?

Le persone avranno ragionevoli disaccordi su domande come queste, ma sono questioni politiche. È qui che sta succedendo molta politica adesso. Susskind ritiene che sia tempo che le istituzioni della vecchia scuola si riaffermino in un modo che consenta ai tecnologi di svilupparsi maggiormente in linea con il bene pubblico.

Come risolviamo queste domande politiche?

Susskind afferma che questi sono problemi che dovrebbero essere risolti collettivamente. Quando la società deve decidere su questioni di importanza morale, dovrebbero riunirsi e deliberare su di loro per vedere se possono raggiungere una visione e determinare una serie di principi.

Questo concetto è spesso visto come una visione anticapitalista. Quando stai commercializzando la tecnologia, quello che vuoi veramente dire alle persone è che puoi fare in modo che questa tecnologia faccia quello che vogliono. Tuttavia, i valori di mercato integrati nella tecnologia, forse sono in conflitto con l’importanza pubblica che hanno ora. Esaminiamo le questioni di giustizia, libertà e questioni di democrazia. E le domande sono fastidiose:

Come regoliamo le potenti società tecnologiche e bilanciamo il loro interesse capitale con l’interesse pubblico?
Come possiamo prevenire e rispondere alle ingiustizie fatte da algoritmi che sono stati addestrati dagli umani con i loro stessi pregiudizi?
Qual è la sorveglianza e l’uso corretti delle informazioni private e cosa oltrepassa la linea?
A livello globale, ci sono tre modelli che prendono forma. Questa sarà un’area di massiccio confronto politico nel prossimo mezzo secolo.

In Cina, esiste una relazione molto stretta tra entità commerciali e interessi politici dello stato. In Europa, i governi cercano di proteggere le persone con regolamenti come il GDPR e mentre quella legge potrebbe essere imperfetta, protegge sicuramente i cittadini più di altri modelli. Negli Stati Uniti, mentre esiste ancora una stretta relazione tra le società tecnologiche e il governo, l’enfasi è posta sulla massima libertà economica.

Quale modello scegliamo in base alle decisioni sulla misura in cui le nostre vite dovrebbero essere governate è la questione politica fondamentale del nostro tempo.

“Questa roba non è il prossimo unicorno; riguarda il modo in cui viviamo insieme”, ha detto Susskind.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi