La scorsa settimana è stata piena di rapporti secondo cui funzionari del governo degli Stati Uniti hanno ordinato a Nvidia di interrompere l’esportazione delle sue GPU A100 e H100 in Cina, un segnale di quella che Reuters ha definito una “grande escalation” di una campagna statunitense per rallentare le capacità tecnologiche della Cina. 

Giovedì scorso Nvidia ha anche affermato che il governo degli Stati Uniti consentirà di continuare a sviluppare il suo chip di intelligenza artificiale (AI) H100 in Cina. 


Da Honeywell alle startup Come i leader stanno guidando una crescita prevedibile con l’IA
La mossa ha immediatamente portato a speculazioni sull’impatto sulle aziende cinesi, inclusa la loro capacità di competere in aree di ricerca sull’IA come il riconoscimento delle immagini. Sono arrivate rapidamente anche domande sull’impatto sull’attività di Nvidia in Cina. 

Il prossimo processore H100 di Nvidia è stato pubblicizzato come “l’ammiraglia di nuova generazione della soluzione di processore AI di Nvidia per i data center”, mentre l’A100 è la GPU aziendale principale di Nvidia comunemente utilizzata nei supercomputer. Secondo Handel Jones, CEO di International Business Strategies, una società di consulenza sui chip, il costo per lo sviluppo dell’H100 supera il miliardo di dollari e Nvidia, con la sua organizzazione di ricerca e sviluppo molto forte, ha impiegato più di due anni per implementare il progetto. 


Impatto a breve e lungo termine su Nvidia
L’impatto a breve termine su Nvidia è una potenziale riduzione dei ricavi di $ 400 milioni in ciascuno dei prossimi due trimestri, ha detto Jones a VentureBeat via e-mail. Mercoledì scorso, Nvidia ha dichiarato di aver prenotato $ 400 milioni in vendite cinesi dei chip interessati in questo trimestre, che potrebbero andare persi se i suoi clienti decidessero di non acquistare prodotti Nvidia alternativi. 

L’impatto a lungo termine, tuttavia, è la perdita del mercato cinese di Nvidia, che “porterà alle aziende cinesi di produrre i propri acceleratori di intelligenza artificiale”, ha affermato Jones, il cui libro di prossima uscita, ” Quando l’IA governa il mondo: Cina, Stati Uniti e the Race to Control a Smart Planet”, spiega in dettaglio come sta procedendo la Cina nell’IA. Afferma inoltre che entro il 2030 la Cina avrà una posizione di leadership in molte delle aree importanti dell’IA.


I prodotti A100 e H100 sono fondamentali per la formazione dell’IA nei data center, ha aggiunto, e le aziende cinesi interessate includono Alibaba Group, Tencent, Inspur Group, H3C, Baidu e Lenovo Group.

Complessivamente, IBS prevede che il mercato dei semiconduttori crescerà tra l’8% e il 10% nel 2022 e tra il 2% e l’8% nel 2023, mentre l’organizzazione prevede ulteriori restrizioni sulle vendite di prodotti a semiconduttore in Cina. 

Le preoccupazioni del governo degli Stati Uniti
Secondo Dan Pickard, esperto di commercio internazionale e sicurezza nazionale e avvocato presso Buchanan Ingersoll & Rooney, è opinione diffusa che le politiche industriali statali della Cina abbiano lo scopo di promuovere sia i loro interessi commerciali che il loro sviluppo militare. “È per questi motivi che esiste un supporto bipartisan per garantire che la tecnologia statunitense non venga trasferita in Cina, che finisce per sostenere l’Esercito popolare di liberazione”, ha detto Pickard a VentureBeat via e-mail. 


Il divieto di esportazione è arrivato appena un mese dopo che il presidente Biden ha firmato il CHIPS and Science Act, che include 52,7 miliardi di dollari per aumentare la produzione nazionale di semiconduttori. Solo due giorni fa, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha dettagliato i suoi piani per distribuire il denaro, che include 28 miliardi di dollari stanziati per la sottoscrizione di espansioni di impianti di produzione di semiconduttori esistenti o la costruzione di nuovi. 

È “difficile sopravvalutare” le preoccupazioni del governo degli Stati Uniti per quanto riguarda la carenza di produzione di semiconduttori, ha affermato Pickard. 

Il divieto di esportazione di Nvidia ha un impatto sulle università cinesi
Da parte cinese, una recente revisione Reuters ha mostrato che le università di alto profilo e gli istituti di ricerca statali in Cina hanno fatto affidamento su un chip informatico statunitense per alimentare la loro tecnologia di intelligenza artificiale, ma la sua esportazione nel paese è stata ora limitata. 


Ad esempio, la revisione ha mostrato che la Tsinghua University, l’istituto di istruzione superiore con il punteggio più alto della Cina a livello globale, ha speso oltre $ 400.000 lo scorso ottobre per due supercomputer Nvidia AI, ciascuno alimentato da quattro chip A100.

Tuttavia, alcune società cinesi hanno insistito sul fatto che le restrizioni statunitensi avrebbero un impatto limitato. Ieri la CNBC ha riferito che il produttore cinese di auto elettriche Nio ha affermato che le restrizioni statunitensi sulle vendite di chip Nvidia in Cina non influiranno sull’attività della casa automobilistica.

“Sulla base delle nostre stime, per ora la nostra potenza di calcolo è sufficiente per lo sviluppo della nostra tecnologia di guida autonoma nell’aspetto della formazione AI”, ha affermato William Li, fondatore, presidente e CEO di Nio, secondo l’articolo. “E abbiamo lavorato a stretto contatto con il nostro partner Nvidia.”

È probabile che arrivino altri controlli
Pickard ha sottolineato che a causa della posizione significativa di Nvidia nell’industria dei semiconduttori, “è in prima linea nella competizione degli Stati Uniti contro la Cina per vedere chi sarà il leader mondiale nella tecnologia del 21 ° secolo”. Questo concorso, ha detto, è “al suo massimo per quanto riguarda l’intelligenza artificiale”. 


Le aziende cinesi che hanno bisogno di accedere a questi tipi di GPU dovrebbero assolutamente essere preoccupate, ha aggiunto.

“Una delle poche aree di Washington in cui vi sono preoccupazioni di consenso bipartisan sul controllo dell’esportazione di tecnologie chiave in Cina”, ha affermato. “È ragionevole aspettarsi più, non meno, controlli sulle esportazioni verso la Cina per il prossimo futuro”. 

Ha anche sottolineato che anche le società statunitensi dovranno essere ipervigilanti riguardo al livello crescente di controlli sull’esportazione di articoli sensibili alla sicurezza nazionale in Cina e Russia.

“Il Dipartimento del Commercio è stato chiaro che l’istituzione di controlli sulle esportazioni di alcune nuove tecnologie è essenziale per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, ha sottolineato, aggiungendo che il Presidente ha un’ampia discrezionalità in merito al divieto di esportazione di beni, tecnologia e servizi ai sensi delle leggi vigenti in materia di controlli sulle esportazioni e sanzioni economiche.


“Queste leggi sono potenti strumenti di politica estera e sono state utilizzate in modo più aggressivo in diverse amministrazioni passate”, ha affermato.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi