Home / Intelligenza artificiale pericolo / Il Papa preoccupato per la disuguaglianza guidata dall’intelligenza artificiale

Il Papa preoccupato per la disuguaglianza guidata dall’intelligenza artificiale

Il papa è preoccupato per la disuguaglianza guidata dall’intelligenza artificiale

Papa Francesco ha chiesto ai credenti di tutto il mondo di pregare affinché i robot e l’intelligenza artificiale “servano sempre l’umanità”.

Il messaggio è una delle intenzioni di preghiera mensili del papa – missive periodiche condivise su YouTube che hanno lo scopo di aiutare i cattolici ad “approfondire la loro preghiera quotidiana” concentrandosi su argomenti o eventi particolari. Ad agosto il papa ha esortato alla preghiera per “il mondo marittimo”; ad aprile, l’argomento era “libertà per la dipendenza”. Ora, a novembre, ci sono IA e robot.

Sebbene il messaggio suoni simile agli avvertimenti emessi da notabili della tecnologia come Elon Musk (il famoso CEO di Tesla ha paragonato il lavoro sull’intelligenza artificiale a “evocare il demone”), l’attenzione del papa è più prosaica. Non sembra preoccuparsi del tipo di scenario esotico del giorno del giudizio in cui un’IA superintelligente trasforma il mondo in graffette , ma di più su come la tecnologia potrebbe esacerbare le disuguaglianze esistenti qui e ora.

(Dobbiamo anche notare che la chiamata alla preghiera è uscita all’inizio di questo mese, ma l’abbiamo vista solo di recente tramite la newsletter di Import AI a causa degli … eventi che hanno occupato così tanto tempo, energia e acutezza mentale in generale. nelle ultime settimane.)

Nel suo messaggio, il papa ha affermato che l’IA è “al centro del cambiamento epocale che stiamo vivendo” e che la robotica ha il potere di cambiare il mondo in meglio. Ma questo sarebbe il caso solo se queste forze fossero sfruttate correttamente, ha detto. “In effetti, se il progresso tecnologico aumenta le disuguaglianze, non è vero progresso. I progressi futuri dovrebbero essere orientati al rispetto della dignità della persona “.

Forse sorprendentemente, questo non è un territorio nuovo per il papa. All’inizio di quest’anno, il Vaticano, insieme a Microsoft e IBM, ha approvato la “Rome Call for AI Ethics”, un documento politico contenente sei principi generali che guidano lo spiegamento dell’intelligenza artificiale. Questi includono trasparenza, inclusione, imparzialità e affidabilità, tutti attributi sensibili quando si tratta di implementare algoritmi.

Sebbene il papa non abbia toccato alcun esempio particolare nel suo video, è facile pensare a modi in cui l’intelligenza artificiale sta radicando o aumentando le divisioni nella società. Gli esempi includono sistemi di riconoscimento facciale distorti che portano a falsi arresti e risultati degli esami assegnati algoritmicamente che replicano le disuguaglianze esistenti tra gli studenti. In altre parole: indipendentemente dal fatto che tu pensi che la preghiera sia la linea di condotta appropriata, il papa ha certamente ragione.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi