Home / Intelligenza artificiale pericolo / Intelligenza artificiale e fine del lavoro

Intelligenza artificiale e fine del lavoro

Il mese prossimo Stanford ospiterà un evento denominato “Intelligence Augmentation: AI Empowering People to Solve Global Challenges”. Questo titolo è significativo e tipico.

L’idea che, nella migliore delle ipotesi, l’intelligenza artificiale aumenterà piuttosto che sostituire gli esseri umani è diventata una narrativa pervasiva e influente nel campo dell’intelligenza artificiale oggi.

È una narrazione rassicurante. Sfortunatamente, è anche profondamente fuorviante. Se vogliamo prepararci in modo efficace all’impatto che l’intelligenza artificiale avrà sulla società nei prossimi anni, è importante per noi essere più chiari su questo tema.

Non è difficile capire perché le persone sono ricettive a una visione del futuro in cui l’impatto principale dell’IA è aumentare l’attività umana. A livello elementare, questa visione lascia a noi umani il controllo, incontrastato al vertice della catena alimentare cognitiva. Non richiede riconcettualizzazioni profonde e scomode da parte nostra sul nostro posto nel mondo. L’intelligenza artificiale è, secondo questa linea di pensiero, solo uno strumento in più che abbiamo creato abilmente per semplificarci la vita, come la ruota o il motore a combustione interna.

Ma l’IA non è solo uno strumento in più e per noi sono all’orizzonte scomode riconcettualizzazioni.

Gli scacchi forniscono un esempio illustrativo con cui iniziare. Machine ha superato per la prima volta l’uomo negli scacchi nel 1997, quando il programma per computer Deep Blue di IBM ha sconfitto il campione mondiale di scacchi Garry Kasparov in una partita ampiamente pubblicizzata. In risposta, negli anni che seguirono, il concetto di “scacchi centauro” emerse per diventare una popolare pietra di paragone intellettuale nelle discussioni sull’IA.

L’idea alla base degli scacchi centauri era semplice: mentre la migliore intelligenza artificiale poteva ora sconfiggere il miglior umano negli scacchi, un’intelligenza artificiale e un umano che lavoravano insieme (un “centauro”) sarebbe stato il giocatore più potente di tutti, perché l’uomo e la macchina avrebbero portato abilità complementari sopportare. Era una prima versione del mito dell’aumento.

E in effetti, per un certo periodo, i team misti AI / umani sono stati in grado di superare i programmi di intelligenza artificiale negli scacchi. “Centaur chess” è stato salutato come prova dell’insostituibilità della creatività umana. Come ha ragionato un sostenitore degli scacchi di un centauro : “I grandi maestri umani sono bravi nella strategia degli scacchi a lungo termine, ma poveri nel vedere avanti milioni di possibili mosse, mentre è vero il contrario per le IA che giocano a scacchi. E poiché gli esseri umani e le IA sono forti su dimensioni diverse, insieme, come centauri, possono battere da soli sia gli umani che i computer “.

Ma con il passare degli anni, l’intelligenza artificiale ha continuato la sua inesorabile traiettoria verso l’alto esponenziale, lasciando i giocatori di scacchi umani molto indietro.

Oggi nessuno parla degli scacchi centauri. L’intelligenza artificiale è ora così superiore all’umanità in questo dominio che un giocatore umano semplicemente non avrebbe nulla da aggiungere. Nessun commentatore serio oggi sosterrebbe che un essere umano che lavora insieme al programma di scacchi AlphaZero di DeepMind avrebbe un vantaggio su AlphaZero da solo. Nel mondo degli scacchi, il mito dell’aumento si è dimostrato insostenibile.

Gli scacchi sono solo un gioco da tavolo. E le impostazioni del mondo reale?

Il mito dell’aumento si è diffuso in lungo e in largo anche nei contesti del mondo reale. Un motivo importante per cui: la perdita di posti di lavoro a causa dell’automazione è una prospettiva spaventosa e una patata bollente politica.

Spacchiamolo. Imprenditori, tecnologi, politici e altri hanno molto da guadagnare credendo – e convincendo gli altri a credere – che l’IA non sostituirà ma integrerà gli esseri umani nella forza lavoro. L’occupazione è una delle necessità sociali e politiche più basilari in ogni società del mondo di oggi. Essere apertamente distruttivi di posti di lavoro è quindi una proposta perdente per qualsiasi tecnologia o attività.

“L’intelligenza artificiale avvicinerà esseri umani e macchine”, ha affermato di recente il leader aziendale Robin Bordoli , facendo eco a una narrativa che è stata sulle labbra di innumerevoli CEO di Fortune 500 negli ultimi anni. “Non si tratta di macchine che sostituiscono gli umani, ma di macchine che aumentano gli umani. Gli esseri umani e le macchine hanno punti di forza e di debolezza relativi diversi, ed è la combinazione di questi due che consentirà agli intenti umani e al processo aziendale di scalare 10 volte, 100 volte e oltre nei prossimi anni “.

L’ex CEO di IBM Gina Rometti ha riassunto ancora di più succintamente in un 2018 Wall Street Journal editoriale : “AI-meglio inteso come ‘aumentata intelligence’-complementi, piuttosto che sostituisce, la cognizione umana.”

Tuttavia, un’onesta riflessione rende chiaro che molti sistemi di intelligenza artificiale in costruzione oggi sostituiranno, non aumenteranno, vaste fasce di lavoratori umani in tutta l’economia.

La promessa principale dell’IA – il motivo per cui la perseguiamo – è che sarà in grado di fare le cose in modo più accurato, più economico e più rapidamente di quanto gli esseri umani possano fare oggi. Una volta che l’IA sarà in grado di mantenere questa promessa, non ci sarà alcuna giustificazione pratica o economica perché gli esseri umani continuino a essere coinvolti in molti campi.

Ad esempio, una volta che un sistema di intelligenza artificiale è in grado di guidare un camion in modo migliore e più sicuro in tutte le condizioni di quanto possa fare un essere umano – la tecnologia non c’è oggi, ma si sta avvicinando – semplicemente non avrà senso per gli esseri umani continuare a guidare i camion. In effetti, sarebbe affermativamente dannoso e dispendioso avere un essere umano nel giro: a parte i costi di manodopera risparmiati, i sistemi di intelligenza artificiale non accelerano mai, non si distraggono mai, non guidano mai ubriachi e possono rimanere sulla strada 24 ore al giorno senza sonnolenza .

Le startup e i produttori di autocarri che sviluppano oggi la tecnologia per autocarri a guida autonoma potrebbero non riconoscerlo pubblicamente, ma il gioco finale dei loro sforzi di ricerca e sviluppo non è aumentare i lavoratori umani (sebbene quella narrativa trovi sempre un pubblico ricettivo). È per sostituirli. È qui che sta il vero valore.

La radiologia fornisce un altro esempio istruttivo. La responsabilità primaria dei radiologi è esaminare le immagini mediche per la presenza o l’assenza di caratteristiche particolari, come i tumori. Il riconoscimento di pattern e il rilevamento di oggetti nelle immagini è esattamente ciò in cui eccelle il deep learning.

Un ritornello comune nel campo della radiologia in questi giorni è questo: “L’intelligenza artificiale non sostituirà i radiologi, ma i radiologi che usano l’intelligenza artificiale sostituiranno i radiologi che non lo fanno”. Questa è un’articolazione per eccellenza del mito dell’aumento.

E a breve termine, sarà vero. I sistemi di intelligenza artificiale non sostituiranno gli esseri umani dall’oggi al domani, in radiologia o in qualsiasi altro campo. I flussi di lavoro, i sistemi organizzativi, l’infrastruttura e le preferenze degli utenti richiedono tempo per cambiare. La tecnologia non sarà perfetta all’inizio. Quindi, per iniziare, l’intelligenza artificiale verrà effettivamente utilizzata per aumentare i radiologi umani: per fornire una seconda opinione, ad esempio, o per vagliare reperti di immagini per dare la priorità a quelle che meritano una revisione umana. In effetti, questo sta già accadendo. Consideralo la fase degli “scacchi centauri” della radiologia.

Ma avanti veloce di cinque o dieci anni. Una volta stabilito indiscutibilmente che le reti neurali sono superiori ai radiologi umani nella classificazione delle immagini mediche – tra le popolazioni di pazienti, gli ambienti di cura, gli stati di malattia – avrà davvero senso continuare a impiegare radiologi umani? Considera che i sistemi di intelligenza artificiale saranno in grado di rivedere le immagini istantaneamente, a costo marginale zero, per i pazienti in qualsiasi parte del mondo e che questi sistemi non smetteranno mai di migliorare.

Col tempo, il ritornello sopra citato si dimostrerà meno corretto delle controverse ma preveggenti parole della leggenda dell’IA Geoff Hinton: “Dovremmo smettere di addestrare i radiologi ora. Se lavori come radiologo, sei come Wile E. Coyote nel cartone animato; sei già oltre il bordo della scogliera, ma non hai guardato in basso. “

Cosa significa tutto questo per noi, per l’umanità?

Una visione del futuro in cui l’IA sostituisce l’attività umana anziché aumentarla ha una cascata di profonde implicazioni. Ne affioreremo brevemente alcuni qui, riconoscendo che interi libri possono e sono stati scritti su questi argomenti.

Per iniziare, ci sarà un considerevole dolore umano e dislocazione a causa della perdita del lavoro. Accadrà in tutti gli strati sociali, le aree geografiche e i settori. Dalle guardie di sicurezza ai contabili, dai tassisti agli avvocati, dai cassieri agli agenti di borsa, dai giornalisti dei tribunali ai patologi, i lavoratori umani di tutta l’economia troveranno le loro competenze fuori richiesta e i loro ruoli obsoleti man mano che i sistemi di IA sempre più sofisticati vengono a svolgere queste attività meglio, più economico e più veloce di quanto possano fare gli umani. Non è luddista riconoscere questa inevitabilità.

La società deve essere agile e fantasiosa nella sua risposta di politica pubblica al fine di mitigare gli effetti di questo spostamento di posti di lavoro. Un investimento significativo nella riqualificazione e nella riqualificazione da parte dei governi e dei datori di lavoro privati ​​sarà importante per posticipare l’obsolescenza dei lavoratori umani in un’economia sempre più guidata dall’IA.

Fondamentalmente, un cambiamento di paradigma nel modo in cui la società concepisce l’allocazione delle risorse sarà necessario in un mondo in cui i beni materiali e i servizi sono sempre più disponibili a basso costo grazie all’automazione, mentre la domanda di lavoro umano compensato è sempre più scarsa.

L’idea di un reddito di base universale – fino a poco tempo fa, poco più di un esperimento mentale tra gli accademici – ha iniziato a essere presa sul serio dai politici tradizionali. L’anno scorso il governo nazionale spagnolo ha lanciato il più grande programma UBI della storia. Uno dei principali candidati alle elezioni presidenziali statunitensi del 2020 ha reso UBI il fulcro della sua campagna. Aspettatevi che il reddito di base universale diventi uno strumento politico normalizzato e sempre più importante nell’era dell’IA.

Una dimensione importante della perdita di posti di lavoro dovuta all’intelligenza artificiale è che alcuni ruoli resisteranno all’automazione molto più a lungo di altri. I lavori in cui gli esseri umani continueranno a sovraperformare le macchine nel prossimo futuro non saranno necessariamente quelli più complessi dal punto di vista cognitivo. Piuttosto, saranno quelli in cui la nostra stessa umanità gioca un ruolo essenziale.

Il principale tra questi sono i ruoli che coinvolgono l’empatia, il cameratismo, l’interazione sociale, il “tocco umano”. Babysitter umani, infermieri, terapisti, insegnanti e assistenti sociali, per esempio, continueranno a trovare lavoro per molti anni a venire.

Allo stesso modo, gli umani non saranno sostituiti presto in ruoli che richiedono una vera originalità e un pensiero non convenzionale. Un cliché ma perspicace adagio sulla relazione tra uomo e intelligenza artificiale è il seguente: man mano che l’IA migliora nel conoscere le risposte giuste, il ruolo più importante degli umani sarà sapere quali domande porre. I ruoli che richiedono questo tipo di immaginazione includono, ad esempio, ricercatori accademici, imprenditori, tecnologi, artisti e romanzieri.

Nei lavori che rimangono con il passare degli anni, quindi, le persone spenderanno meno delle loro energie in compiti noiosi, ripetibili e senz’anima e più di essi svilupperanno le relazioni umane, gestendo le dinamiche interpersonali, pensando in modo creativo.

Ma non commettere errori: una transizione più ampia e profonda è in serbo per l’umanità poiché l’IA si assume sempre più le responsabilità che le persone hanno oggi. Per dirla semplicemente, alla fine entreremo in un mondo post-lavoro.

Non ci saranno abbastanza posti di lavoro significativi per assumere ogni persona in età lavorativa. Più radicalmente, non avremo bisogno che le persone lavorino per generare la ricchezza materiale necessaria per la sana sussistenza di tutti. L’intelligenza artificiale introdurrà un’era di generosità. Automatizzerà (e migliorerà notevolmente) le attività di creazione di valore che gli esseri umani oggi svolgono; ci consentirà, ad esempio, di generare sinteticamente cibo, riparo e medicine su larga scala ea basso costo.

Questa è una visione sorprendente, quasi incomprensibile del futuro. Ci richiederà di riconcettualizzare ciò che apprezziamo e qual è il significato della nostra vita.

Oggi, la vita adulta è ampiamente definita dalle risorse che abbiamo e da come accumuliamo tali risorse, in altre parole, dal lavoro e dal denaro. Se allentiamo questi vincoli, cosa riempirà le nostre vite?

Nessuno sa come sarà questo futuro, ma ecco alcune possibili risposte. Più tempo libero. Più tempo da investire nella famiglia e per sviluppare relazioni umane significative. Più tempo per gli hobby che ci danno gioia, che si tratti di leggere, pesca a mosca o fotografia. Più spazio mentale per essere creativi e produttivi per se stessi: nell’arte, nella scrittura, nella musica, nel cinema, nel giornalismo. Più tempo per perseguire la nostra innata curiosità per il mondo e per approfondire la nostra comprensione dei grandi misteri della vita, dall’atomo all’universo. Più capacità di esplorare l’impulso umano di base: la terra, i mari, le stelle.

La transizione guidata dall’IA a un mondo post-lavoro richiederà molti decenni. Sarà distruttivo e doloroso. Ci richiederà di reinventare completamente la nostra società e noi stessi. Ma alla fine, può e dovrebbe essere la cosa più grande che sia mai accaduta all’umanità.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi