Con le persone che vivono sui loro telefoni e costantemente inondate di messaggi, e-mail e notifiche, le cosiddette e-mail “batch-and-blast”, annunci Web mirati e passaparola non sono più adeguati quando si tratta di raggiungere i clienti.

“Siamo online più che mai, profondamente consapevoli e preoccupati di come vengono utilizzati i nostri dati personali e, soprattutto, chiediamo di essere apprezzati e riconosciuti per ciò che ci rende unici”, ha affermato Andrew Boni, CEO della società di piattaforma di coinvolgimento dei clienti Iterable . 

 
Come riprogettare piattaforme globali per la nostra realtà multi-cloud_
Gli esperti di marketing devono quindi svolgere il “compito straordinario” di raggiungere il maggior numero possibile di clienti e in tutti i modi iperpersonalizzati. E, ha affermato Boni, abbinare ogni consumatore a “un marketer personale e un messaggio mirato a ogni punto di contatto” è impossibile senza l’intelligenza artificiale (AI) e l’apprendimento automatico (ML). 

A tal fine, Iterable ha annunciato oggi la sua nuova AI Optimization Suite. Lo strumento è dotato di nuovi obiettivi predittivi con capacità di intelligenza artificiale spiegabili per aiutare a guidare la comunicazione personalizzata del marchio-consumatore, ha affermato Boni. 

La società svelerà ufficialmente la sua nuova piattaforma al pubblico in occasione dell’Activate Summit North America a settembre. 

“Capire il funzionamento interno [il ‘perché’ e il ‘come’] alla base del sistema offre agli esperti di marketing la chiarezza e la sicurezza per migliorare e perfezionare le previsioni che creano, progettare obiettivi che si adattano alle loro esigenze aziendali specifiche e implementare nuove idee su come affrontare campagne customer-first”, ha affermato Bela Stepanova, vicepresidente senior del prodotto presso Iterable. 

Iterable tratta i clienti come la sua risorsa più preziosa
La maggior parte dei marchi ha accesso ai dati dei clienti e ha in mente un obiettivo per connettersi con i propri clienti. Ma spesso manca la formula magica: costruire una vera conoscenza del cliente e agire di conseguenza. 

Ciò ha fornito un’opportunità significativa e una rapida crescita nelle piattaforme di coinvolgimento dei clienti basate sull’intelligenza artificiale. Secondo Markets and Markets , il mercato globale delle soluzioni di coinvolgimento dei clienti crescerà fino a 32,2 miliardi di dollari entro il 2027, rappresentando un tasso di crescita annuale composto (CAGR) di quasi l’11%. 

Il mercato globale delle piattaforme di commercio omnicanale al dettaglio raggiungerà i 16,9 miliardi di dollari entro il 2027, come previsto da ReportLinker.com . Ciò rappresenta un CAGR del 16,4% dal 2020, una crescita in gran parte spinta dalla crisi del COVID-19, secondo l’azienda. 

Le aziende in competizione per quella quota di mercato includono Adobe Marketo Engage, HubSpot Marketing Hub, Pega, Blueshift, Braze e MoEngage. 

E Iterable sta rapidamente aumentando la sua presenza: l’azienda “centauro” della serie E di 9 anni che ora serve più di 1.000 clienti – tra cui DoorDash, Calm, Jersey Mike’s Subs, Zillow e SeatGeek – ha superato i 100 milioni di dollari di entrate ricorrenti annuali ( ARR) e si è recentemente espansa nei territori dell’America Latina e dell’Asia del Pacifico. 

Ingerire, centralizzare, attivare
La suite di ottimizzazione dell’intelligenza artificiale di Iterable aiuta i marchi a “acquisire, centralizzare e attivare” i dati dei clienti e utilizzare le informazioni in tempo reale per creare campagne personalizzate, ha affermato Boni. 

La sua funzionalità di obiettivi predittivi consente ai marchi di stabilire obiettivi unici per le loro esigenze aziendali e prevedere come potrebbe rispondere la loro base di clienti. Possono quindi utilizzare tali previsioni per stabilire segmenti di clienti e personalizzare i messaggi per massimizzare la conversione. 

La funzione di intelligenza artificiale spiegabile all’interno della funzionalità degli obiettivi predittivi consente agli esperti di marketing di individuare i punti dati che hanno contribuito alle previsioni. Ciò fornisce uno sguardo “sotto il cofano” all’IA e ulteriori approfondimenti che possono informare le campagne future, ha affermato Boni.

Inoltre, gli esperti di marketing possono comprendere i comportamenti che guidano le previsioni, classificati in ordine di importanza, secondo Boni. Possono anche valutare la qualità e l’affidabilità di un obiettivo utilizzando uno strumento di forza predittiva e ricevere informazioni sulle variabili correlate che rendono i risultati più o meno probabili. 

Costruire un viaggio “Cosa fare”.
Ad esempio: una compagnia di viaggi sta cercando di aumentare gli acquisti e aumentare le entrate delle auto a noleggio. 

Gli obiettivi predittivi creano un elenco di utenti che molto probabilmente prenoteranno un’auto a noleggio entro i prossimi 30 giorni. I marchi possono quindi assegnare un punteggio a quella lista e selezionare e indirizzare gli utenti con la più alta propensione con messaggi multicanale attivati ​​dopo l’acquisto di un biglietto aereo, ha spiegato Boni. 

Utilizzando l’IA spiegabile, la compagnia di viaggi può quindi fare un ulteriore passo avanti identificando gli attributi che prendono di mira quei clienti ad alta propensione, ad esempio sfogliando una sezione “Tour e attività” del loro sito Web dopo aver prenotato un volo. Queste informazioni raccolte possono essere utilizzate per creare un viaggio “Cosa fare” per gli acquirenti di biglietti aerei. Ciò potrebbe evidenziare tour e altre attività nelle loro destinazioni di viaggio, insieme a promozioni di auto a noleggio, ha affermato Boni. 

La società prevede di espandere la piattaforma per aiutare i marketer a capire come si comportano gli obiettivi nel tempo, ha affermato, oltre a consentire loro di analizzare più a fondo le coorti e ottimizzare le esperienze dei singoli utenti con viaggi e sperimentazioni.

“Fissando obiettivi e misurando i risultati, gli esperti di marketing possono appoggiarsi a strategie che funzionano e modificare quelle che non lo sono”, ha affermato Boni. 

Si è meravigliato del fatto che “possiamo fare previsioni sul futuro. Ecco dove sta andando il mondo. Si tratta meno di guardare al passato e fare un’ipotesi, e più di (stabilire) comportamenti futuri”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi