Home / Intelligenza artificiale pericolo / La Turchia e le armi con intelligenza artificiale

La Turchia e le armi con intelligenza artificiale

La Turchia rivoluziona ulteriormente il settore della difesa con la tecnologia AI
Il settore della difesa turco sta abbracciando ulteriormente la tecnologia di intelligenza artificiale (AI) con vari nuovi sviluppi. Diverse agenzie di stampa statali hanno dettagliato le strategie di intelligenza artificiale, tra cui le industrie aerospaziali turche (TAI) e il suo focus sull’intelligenza artificiale in tutte le sue piattaforme. TAI è il principale sviluppatore di piattaforme aeree in Turchia.

Secondo un rapporto del 2018 , “la comprensione dei decisori politico-militari turchi, la comprensione delle élite dell’industria della difesa e l’approccio delle industrie della difesa ai droni vedono fermamente i sistemi militari senza equipaggio e la guerra robotica come qualcosa di più che ‘semplicemente ‘portafoglio di modernizzazione militare, un’opportunità per aprire la strada alla prossima svolta geopolitica “.

Il rapporto prosegue affermando che questa “rivoluzione tecno-scientifica e il prossimo paradigma militare” non si limita solo ai sistemi senza pilota telecomandati, ma l’obiettivo principale delle guerre future sarà l’intelligenza artificiale, l’autonomia e la guerra robotica avanzata.

TAI sta attualmente sviluppando sistemi autonomi, sistemi di elaborazione delle immagini, sistemi di supporto decisionale e infrastruttura di analisi dei big data, ed è diventata la prima grande azienda della difesa in Turchia a stabilire un’unità separata per gli studi sull’IA. Lo sviluppatore ha lavorato con varie istituzioni accademiche e ha in corso quattro progetti di IA in corso.

Güven Orkun Tanik è il direttore generale dell’AI e del machine learning presso TAI.

“Gli esempi dei sistemi di intelligenza artificiale saranno più comuni nel prossimo futuro”, ha affermato in merito ai recenti esercizi del governo degli Stati Uniti che mettono un pilota umano contro l’IA. “Questa tecnologia, che contribuisce alle capacità umane, offre opportunità in ogni campo dell’aviazione e dell’industria della difesa, dal processo di produzione alle piattaforme”.

Secondo Tanik, la Turchia sta lavorando su sistemi simili.

“Questi sistemi includono tecnologie che hanno varie aree di utilizzo, dalla pianificazione delle attività e l’addestramento dei piloti nelle simulazioni di volo all’automazione di alcune piattaforme per impegni e attività”, ha affermato. “Questi apriranno la strada ai caccia autonomi”.

Droni “Kamikaze” con riconoscimento facciale autonomo
A giugno, una delle agenzie di stampa turche Adolu, ha riferito che i militari avrebbero ricevuto 500 droni autonomi “kamikaze”. Era la prima volta che l’appaltatore turco della difesa STM ha rivelato la tecnologia.

Esistono vari modelli di droni tra cui Togan, Alpagu e Kargu.

Il modello Kargu è dotato di funzionalità avanzate di visione artificiale e riconoscimento facciale biometrico e può essere utilizzato sia come singola piattaforma che raggruppato in uno sciame fino a 20 unità. Secondo STM all’epoca, le donazioni e le loro piene capacità di sciamare sarebbero state in grado di essere utilizzate dalle forze armate turche entro 12-18 mesi. L’appaltatore della difesa spera anche di accoppiare il Kargu con veicoli terrestri corazzati e sistemi terrestri autonomi.

Sono in corso colloqui con gli alleati turchi sull’esportazione della tecnologia.

I droni Kargu sono già stati schierati al confine siriano per operazioni militari e hanno dimostrato la capacità di distruggere un’intera brigata o nave da guerra. Con il riconoscimento facciale, possono anche individuare obiettivi umani.

Un rapporto PAX del 2019 ha messo in guardia sugli effetti negativi delle armi militari guidate dall’intelligenza artificiale e degli appaltatori della difesa.

“Queste aziende sono su una china scivolosa verso una corsa agli armamenti AI a tutto campo”, secondo Frank Slijper, autore del rapporto che ha esaminato 50 produttori di armi. “Pubblicamente, le compagnie di armi affermano che non svilupperanno mai armi che possano funzionare senza il controllo umano su azioni letali, ma stanno sviluppando quella stessa tecnologia senza garanzie che richiedono un essere umano nel giro”.

Relazione Turchia-Ungheria
La Turchia e l’Ungheria hanno recentemente tenuto una conferenza congiunta turco-ungherese sull’intelligenza artificiale (AI) e sull’alta tecnologia, che è probabilmente preoccupante per molti visti i comportamenti autoritari delle due potenze.

La conferenza ha rivelato una relazione di lavoro tra i due paesi nei campi dell’intelligenza artificiale, come la produzione di dati e progetti e prodotti comuni.

Secondo Mustafa Varank, ministro turco dell’Industria e della Tecnologia, “i nostri istituti di ricerca possono invitare progetti reciproci per promuovere il lavoro sulle tecnologie artificiali. Abbiamo un enorme potenziale di cooperazione sui progetti dell’UE “.

Varank ha anche parlato di come i due paesi potrebbero potenzialmente condividere molte conoscenze e risorse umane, nonché della nuova strategia di IA che il paese dovrebbe annunciare. Secondo il ministro, questa nuova strategia si concentrerà sulla ricerca scientifica, lo sviluppo delle capacità, l’etica e le infrastrutture digitali.

Il Consiglio per la ricerca scientifica e tecnologica della Turchia (TÜBITAK), che è il principale ente scientifico della nazione, ha finanziato circa 2.000 progetti di IA su deep learning , machine learning, sistemi di supporto alle decisioni ed e-commerce negli ultimi 10 anni.

I nuovi dettagli provenienti dalla Turchia sull’intelligenza artificiale nel settore della difesa continuano un modello che si sta verificando in tutto il mondo. Con un numero sempre maggiore di nazioni che promuovono questo tipo di programmi, il mondo sta attualmente attraversando una grande corsa agli armamenti, una che non riceve la copertura adeguata e avrà senza dubbio conseguenze maggiori rispetto a qualsiasi accumulo precedente.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi