Home / AI Intelligenza Artificiale / L’effetto di svalutazione dei cloni.

L’effetto di svalutazione dei cloni.

Gli scienziati rivelano un nuovo fenomeno: l’effetto di svalutazione dei cloni
 


Gli scienziati hanno pubblicato un nuovo studio che rivela un fenomeno chiamato effetto di svalutazione dei cloni. Hanno valutato il modo in cui gli umani rispondono alle immagini di persone con la stessa faccia, che è simile a come apparirebbero gli androidi umani se prodotti in serie in futuro. 

I robot stanno diventando sempre più simili agli umani e gli sviluppatori credono che presto saranno in grado di creare robot indistinguibili dagli umani. Ciò significherebbe che gli umanoidi suscitano emozioni negative negli spettatori quando il loro aspetto è estremamente simile agli umani.

I ricercatori provengono dalla Kyushu University, Ritsumeikan University e Kansai University e hanno condotto sei esperimenti con centinaia di persone. I risultati sono stati pubblicati su PLOS ONE . 

Primo esperimento: gli individui hanno valutato l’inquietudine soggettiva, la valenza emotiva e il realismo di una fotografia photoshoppata di sei soggetti umani con la stessa faccia. In altre parole, era un’immagine clone. Hanno anche valutato un’immagine non clone e un’immagine singola di una persona.
 

Secondo esperimento: gli individui hanno valutato un altro set di immagini clone e non clone.

 

Terzo esperimento: gli individui hanno valutato le immagini clonate e non clonate di cani. 

 

Quarto esperimento: il quarto esperimento era un po’ più complesso con due parti. La prima riguardava la valutazione delle immagini dei cloni di due serie di gemelli prima di valutare i volti dei cloni di gemelli, terzine, quadruple e quintuple.

 

Quinto esperimento: gli individui hanno valutato le immagini clone di animazioni e personaggi dei cartoni animati giapponesi. 

 

Sesto esperimento: gli individui hanno valutato l’inquietudine soggettiva e il realismo di un diverso insieme di immagini clone e non clone mentre rispondevano alla scala del disgusto rivista per analizzare la sensibilità al disgusto. 

I risultati
Nel primo studio, i partecipanti hanno valutato gli individui con volti clonati come più inquietanti e più improbabili rispetto a volti diversi o al volto di una singola persona. 

Questa risposta emotiva negativa è stata definita dai ricercatori effetto di svalutazione dei cloni . 

Il Dr. Fumiya Yonemitsu è l’autore principale della Graduate School of Human-Environment Studies dell’Università di Kyushu. È anche Research Fellow della Japan Society for the Promotion of Science. 

“L’effetto di svalutazione dei cloni è stato più forte quando il numero di volti di cloni è aumentato da due a quattro”, ha affermato Yonemitsu. “Questo effetto non si è verificato quando ogni faccia di clone era indistinguibile, come le facce di animali nell’esperimento tre che coinvolge i cani”.

“Abbiamo anche notato che la duplicazione dell’identità, cioè la personalità e la mente uniche di una persona, piuttosto che le sue caratteristiche facciali, ha un ruolo importante in questo effetto. I volti cloni con la duplicazione dell’identità erano più inquietanti, come ha dimostrato il quarto esperimento”, ha continuato. “L’effetto di svalutazione dei cloni è diventato più debole quando esistevano volti clone nella realtà inferiore del contesto, come nel quinto esperimento. Inoltre, l’inquietudine dei volti dei cloni derivanti dall’improbabilità potrebbe essere positivamente prevista dal disgusto, in particolare dal disgusto che ricorda gli animali, come notato nel sesto esperimento. Presi insieme, questi risultati suggeriscono che i volti dei cloni inducono l’inquietudine e che l’effetto di svalutazione dei cloni è correlato al realismo e alla reazione di disgusto.

I risultati dimostrano che i volti umani forniscono informazioni importanti per identificare gli individui, e questo deriva dagli esseri umani e dalla nostra corrispondenza uno a uno tra volto e identità. Questo non è il caso dei volti clone, tuttavia, e gli esseri umani possono giudicare erroneamente l’identità delle persone con volti clonati come la stessa.

Il team afferma che dobbiamo pensare in modo critico quando si tratta di nuove tecnologie, poiché possono esserci reazioni psicologiche indesiderate. 

Il Dr. Akihiko Gobara è ricercatore senior della BKC Research Organization of Social Science presso la Ritsumeikan University. 

“Il nostro studio mostra chiaramente che potrebbero verificarsi situazioni di disagio a causa del rapido sviluppo della tecnologia. Ma crediamo che i nostri risultati possano svolgere un ruolo importante nell’accettare senza problemi le nuove tecnologie e migliorare il godimento da parte delle persone dei loro benefici”, ha affermato Gobara.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi