L’intelligenza artificiale sta consumando silenziosamente la forza lavoro mondiale con l’automazione del lavoro Automazione del lavoro AI: il dibattito

Il dibattito sul fatto che l’IA automatizzerà i lavori si sta scaldando. I critici dell’IA affermano che questi modelli statistici mancano della creatività e dell’intuizione dei lavoratori umani e che sono quindi destinati a compiti specifici e ripetitivi. Tuttavia, questo pessimismo sottovaluta fondamentalmente il potere dell’IA . Mentre l’automazione del lavoro dell’IA ha già sostituito circa 400.000 posti di lavoro in fabbrica negli Stati Uniti dal 1990 al 2007, con altri 2 milioni in arrivo, l’IA oggi sta automatizzando l’economia in un modo molto più sottile.

 
In che modo la più grande azienda di personale al mondo “Randstad” ha generato un ROI del 1000% ottimizzando i processi di rischio e sicurezza utilizzando una piattaforma senza codice._
 
Robo-scrittori
Prendi l’esempio della scrittura di lavori . L’IA può facilmente generare testo indistinguibile dalla scrittura umana. Questo tipo di automazione del lavoro basata sull’intelligenza artificiale sta sostituendo i lavoratori in un modo che è in gran parte invisibile ad occhio nudo.

Ad esempio, la popolare app di copywriting per intelligenza artificiale, Rytr , vanta oltre 600.000 utenti e sta crescendo a un ritmo sostenuto. In altre parole, oltre mezzo milione di persone utilizza Rytr da solo per automatizzare in tutto o in parte la propria scrittura. Si stima che ci siano poco più di 1 milione di scrittori freelance in tutto il mondo, che competono sempre più con i robot che non si stancano, non richiedono pagamenti e possono generare una quantità illimitata di contenuti.

Le implicazioni di ciò sono serie: le proiezioni classiche per la perdita di posti di lavoro indotta dall’intelligenza artificiale si concentravano solo sul lavoro manuale ripetitivo e sui lavori dei colletti blu. Ma i lavori impiegatizi, come la scrittura di contenuti, sono altrettanto vulnerabili alla sostituzione dell’IA.

Robo-supporto
Questa tendenza non si limita alla scrittura. L’intelligenza artificiale sta anche automatizzando i lavori nel servizio clienti , nella contabilità e in una miriade di altre professioni. Ad esempio, aziende come Thankful , Yext e Forethought utilizzano l’intelligenza artificiale per automatizzare l’assistenza clienti. Questo spostamento è spesso impercettibile per il cliente, che non sa se sta parlando con un’intelligenza biologica o una macchina. L’ascesa del servizio clienti basato sull’intelligenza artificiale ha grandi implicazioni per la forza lavoro. Si stima che l’ 85% delle interazioni con i clienti sia già gestito senza l’interazione umana.
Secondo il Bureau of Labor Statistics, ci sono quasi 3 milioni di rappresentanti del servizio clienti impiegati negli Stati Uniti. Molti di questi lavori rischiano di essere sostituiti dall’IA. Quando lavori come questi vengono automatizzati, la domanda è: dove vanno i lavoratori sfollati?

La risposta non è chiara. È possibile che molti di questi lavoratori vengano reimpiegati in altri campi. Ma è anche possibile che diventino disoccupati e che l’economia faccia fatica ad assorbirli. Questo sta guidando le richieste di un reddito di base universale , in cui il governo fornisce a tutti i cittadini un reddito di base con cui vivere, per compensare la perdita di posti di lavoro dovuta all’automazione.

Robo-traduttori
La traduzione, ovviamente, è stata a lungo a rischio di automazione. Tuttavia, l’avvento di grandi modelli linguistici sta rendendo i traduttori umani sempre più vulnerabili alla sostituzione con l’IA. In un documento di ricerca del 2020 , è stato dimostrato che un sistema di deep learning basato su Transformer supera i traduttori umani. Questo studio è significativo perché mostra che i traduttori di intelligenza artificiale non sono altrettanto bravi, ma spesso migliori dei traduttori umani.

Inoltre, è probabile che l’aumento dei traduttori di intelligenza artificiale abbia un effetto negativo sui salari dei traduttori umani. Man mano che la traduzione basata sull’intelligenza artificiale diventa più comune, la domanda di traduttori umani diminuirà e i loro salari diminuiranno di conseguenza. Mentre molti economisti una volta erano preoccupati per l’impatto dell’outsourcing sulla forza lavoro dei colletti bianchi, la prossima ondata di intelligenza artificiale avrà un impatto ancora più grave, in tutti i settori.

In effetti, come riporta Forbes, l’automazione del lavoro basata sull’IA è già stata il principale motore della disuguaglianza di reddito negli Stati Uniti negli ultimi 40 anni.

Robo-codificatori
Poco più di un anno fa, un beta tester di OpenAI ha ipotizzato che l’IA potrebbe un giorno sostituire molti lavori di codificazione . All’epoca, OpenAI non aveva ancora rilasciato il suo motore di generazione del codice, Codex , che ora consente all’IA di scrivere autonomamente codice in più lingue. Sebbene il Codex di oggi sia piuttosto primitivo, non è necessario essere futuristi per vedere come questa tecnologia potrebbe essere utilizzata per automatizzare molti lavori di codificazione in futuro. Man mano che l’IA migliora nella comprensione del codice e nella sua scrittura, presto raggiungerà e alla fine supererà i livelli di abilità umana.

Le implicazioni dell’automazione del lavoro AI
Solo due anni fa, l’idea che l’IA automatizzasse lavori come i ruoli creativi era roba da fantascienza o almeno relegata a poche aziende che adottavano presto. Ma ora, l’IA sta diventando una posta in gioco per molte aziende. In altre parole, se non stai usando l’IA, sei in svantaggio. La ragione principale di ciò è che il modello linguistico di grandi dimensioni, principalmente GPT-3 di OpenAI, è diventato molto più bravo nella comprensione del linguaggio naturale.

 

Gli esempi forniti finora sono solo la punta dell’iceberg. L’intelligenza artificiale sta automatizzando i posti di lavoro praticamente in ogni settore e settore. Anche se questo potrebbe sembrare motivo di allarme, in realtà è una notizia attesa da tempo. Il fatto è che viviamo in un mondo in cui le macchine stanno lentamente sostituendo i lavoratori umani da secoli.

La novità è il ritmo di questa automazione. Le macchine stanno diventando più veloci, migliori ed economiche degli esseri umani a un ritmo allarmante. Di conseguenza, stiamo assistendo a un cambiamento fondamentale nell’economia in cui le macchine stanno iniziando a svolgere il lavoro creativo degli esseri umani.

Tra l’opportunità di automatizzare i posti di lavoro, è emersa una nuova ondata di startup incentrate sull’IA, tutte che cercano di sfruttare il potenziale dell’IA. Questa corsa all’oro dell’IA è evidenziata dai miliardi di dollari di finanziamenti di rischio che sono confluiti nelle startup dell’IA negli ultimi mesi. Solo nel terzo trimestre del 2021, quasi 18 miliardi di dollari sono stati investiti in società di intelligenza artificiale, un record.

Questo afflusso di capitali è un segno che gli investitori credono nel potenziale dell’IA e scommettono che alla fine automatizzerà molti posti di lavoro, generando invece quel valore con le macchine. Nel frattempo, dovremmo prepararci per un futuro in cui l’IA sta divorando silenziosamente la forza lavoro mondiale.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi