Il CEO di Kore.ai afferma che l’IA conversazionale è la base del metaverso 

L’intelligenza artificiale conversazionale (AI), spesso considerata il mirino tra l’elaborazione del linguaggio naturale (NLP) e la comprensione del linguaggio naturale (NLU), è un’intelligenza basata su algoritmi che aiuta i computer ad ascoltare, elaborare, comprendere e dare un significato al linguaggio umano. Con il COVID-19 che accelera la spinta alla trasformazione digitale , le organizzazioni hanno adottato sempre più nuovi modi per soddisfare le aspettative dei clienti in merito alla risoluzione tempestiva delle query. Una parte importante del processo di esperienza del cliente, l’IA conversazionale, sta rapidamente prendendo il centro della scena.

Un sondaggio di Liveperson mostra che il 91% dei clienti preferisce le aziende che offrono loro la possibilità di chiamare o inviare messaggi. Un modo efficace per le aziende di soddisfare questa domanda è tramite i chatbot. Poiché i clienti si aspettano sempre più disponibilità 24 ore su 24 dalle aziende, i chatbot sono diventati un modo efficiente per renderlo possibile. I chatbot sono convenienti , efficienti e possono gestire regolarmente le richieste umane, consentendo di riservare le domande difficili agli agenti umani.

 
Call center automation: how AI Assistants can co-exist and help humans do their jobs better? With Intelligent AI assistants permeating every field, how will the human workforce adapt? How can AI assistants and humans co-exist? What are the guardrails society needs to put in place? We discuss this with a deep dive into a case study about call center automation 1
 
Automazione dei call center: in che modo gli assistenti AI possono coesistere e aiutare le persone a svolgere meglio il proprio lavoro? Con gli assistenti di intelligenza artificiale che permeano ogni campo, come si adatterà la forza lavoro umana? Come possono coesistere gli assistenti dell’IA e gli esseri umani? Quali sono i guardrail che la società ha bisogno di mettere in atto? Ne discutiamo con un’analisi approfondita di un case study sull’automazione dei call center 1
Con l’afflusso di chatbot basati sull’intelligenza artificiale, arriva anche la necessità di maggiore sofisticatezza, nonché la necessità che i chatbot comprendano le domande e producano le risposte giuste per aiutare i clienti a ottenere la migliore esperienza. In particolare, questo è rilevante per lo spazio emergente del metaverso , poiché le aziende cercano di migliorare la propria presenza e le esperienze degli utenti in un mondo virtuale. 

Kore.ai , un’azienda con sede in Florida focalizzata sulla fornitura alle aziende di assistenti virtuali AI-first, vuole portare l’intelligenza conversazionale nel metaverso. Raj Koneru, CEO di Kore.ai, ha dichiarato a VentureBeat in un’intervista esclusiva che l’IA conversazionale è la base del metaverso.

L’ascesa dell’IA conversazionale
Sempre più aziende hanno abbracciato l’uso dell’IA conversazionale negli ultimi anni. I modelli di linguaggio AI open source hanno ora aiutato gli sviluppatori e le aziende nello spazio dell’IA conversazionale a creare chatbot migliori, aiutare ad accelerare l’esperienza del cliente e anche a migliorare l’esperienza dei dipendenti.

 
L’IA conversazionale unisce la praticità dell’IA per produrre un’interazione simile a quella umana tra l’umano che pone le domande e la macchina che risponde. I chatbot basati sull’IA conversazionale possono riconoscere il parlato e il testo umani. La conversazione si svolge anche con una comprensione dell’intento, consentendo risposte più accurate.

Poiché l’IA vocale e conversazionale assume un volume crescente di interazioni con i clienti, diventa anche più importante per i bot attingere ai dati storici, collegando i dati dalle chiamate vocali ai dati dalle conversazioni di messaggistica. L’IA conversazionale aiuta a renderlo possibile aiutando le macchine a dare un senso alla voce umana che stanno ascoltando, comprendere i pregiudizi ed elaborare le risposte che gli esseri umani stanno cercando.

Accorciare la spedizione e l’implementazione senza lesinare sull’usabilità
Le aziende hanno bisogno che i loro chatbot siano costruiti con l’IA conversazionale, ha affermato Koneru. Tuttavia, il problema è che la creazione di tali soluzioni da zero richiede un lungo processo che include la scrittura di numerosi codici. Ciò può danneggiare l’esperienza del cliente, poiché i chatbot continueranno a essere poco efficaci durante la creazione di IA conversazionale. Il lungo tempo di attesa è spesso il risultato di problemi come i livelli di sofisticatezza, la lingua e il supporto geografico. C’è anche la contabilizzazione del tempo necessario per addestrare l’IA e assicurarsi che sia pronta per adattarsi al mercato.  
Per ridurre i tempi di attesa, molte aziende si rivolgono ad aziende come Kore.ai, che offre una piattaforma di automazione senza codice che soddisfa le esigenze di IA conversazionale delle aziende che cercano di migliorare l’esperienza del cliente e l’interazione con i propri prodotti. 

Il Magic Quadrant for Enterprise Conversational AI Platforms 2022 di Gartner elenca Kore.ai come leader nello spazio dell’IA conversazionale, mostrando la traiettoria ascendente dell’azienda nel settore. Altre società nell’elenco includono Amelia, Cognigy , Omilia, IBM e OneReach.ai.

Koneru ha affermato che Kore.ai utilizza una combinazione di approcci NLU, tra cui il significato fondamentale (comprensione semantica), l’apprendimento automatico e il grafico della conoscenza, per identificare l’intento dell’utente con un grado di precisione più elevato ed eseguire transazioni complesse. Ha affermato che Kore.ai può raggiungere un alto livello di accuratezza seguendo metodi specifici, che includono:

Significato fondamentale : analizza la struttura dell’enunciato di un utente per identificare le parole in base a significato, posizione, coniugazione, maiuscolo, pluralità e altri fattori.
Apprendimento automatico : utilizza algoritmi e modelli all’avanguardia per prevedere l’intento.
Grafico della conoscenza : fornisce l’intelligenza necessaria per rappresentare l’importanza dei termini chiave del dominio e le loro relazioni nell’identificare l’intento dell’utente.
Classifica e motore risolutore : determina l’intento vincente in base ai punteggi forniti dai tre motori.
Occhio al metaverso
Gartner prevede che il 25% delle persone trascorrerà almeno un’ora al giorno nel metaverso entro il 2026, portando le aziende a unirsi alla corsa per rivendicare il metaverso. Le aziende stanno preparando i punti di contatto con i clienti e stanno mappando in modo proattivo le esperienze degli utenti.Secondo Koneru, gli umani avranno conversazioni con avatar, essenzialmente chatbot, nel metaverso. Quindi, è fondamentale creare avatar in grado di comprendere le dinamiche della conversazione umana, elaborarla e fornire risultati precisi, anche con tutte le sfumature umane che potrebbero interferire. È qui che entra in gioco l’IA conversazionale.

L’utilizzo dell’IA conversazionale per migliorare le esperienze virtuali nel metaverso mostra notevoli promesse, come ha osservato Koneru, “il metaverso è maturo con molti casi d’uso di cui le aziende tradizionali possono trarre vantaggio”.

“Devono esserci delle buone ragioni nei processi aziendali che si prestino a essere fisicamente presenti che impediscano loro di farlo digitalmente. Lo stesso vale per l’ufficio postale e molti servizi educativi. Se pensi alla telemedicina, entrare nel metaverso e incontrare una rappresentazione virtuale del tuo medico che può controllare i tuoi parametri vitali potrebbe potenzialmente essere uno dei casi d’uso più forti”, ha detto.

Secondo Koneru, il tentativo di Kore.ai di migliorare il mondo del metaverso con l’IA conversazionale la vedrà diventare la prima azienda di intelligenza artificiale per conversazioni a concentrarsi sulle attività nel metaverso, pur continuando a soddisfare le esigenze delle attività quotidiane. Tuttavia, la recensione di G2 mostra che Kore.ai ha concorrenza in Intercom, Zendesk Support Suite, Drift, Birdeye e altri.

Kore.ai ha raccolto 106 milioni di dollari di capitale proprio negli ultimi otto anni e attualmente serve più di 200 aziende Fortune 2000.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi