Home / Economia / L’intelligenza artificiale può risolvere il problema dell’acqua potabile in India?

L’intelligenza artificiale può risolvere il problema dell’acqua potabile in India?


 
La tecnologia idrica digitale può aiutare l’India ad affrontare la crisi idrica.
 
Circa 163 milioni di persone in India non hanno accesso all’acqua pulita. Inoltre, lo spreco d’acqua in India è spaventosamente alto, circa 125 milioni di litri al giorno. I numeri sono preoccupanti e non accennano a diminuire.

 Nel frattempo, le nazioni sviluppate stanno sfruttando l’intelligenza artificiale per avvicinarsi agli obiettivi di sostenibilità. E l’India sta recuperando terreno. Startup come Swajal, Uravu Labs e Simply Smart Technologies utilizzano AI/ML per affrontare la crisi idrica.

Rilevamento perdite
Lo spreco di acqua dovuto a perdite può essere ridotto in larga misura utilizzando l’ intelligenza artificiale e l’ IoT. Ad esempio, i ricercatori dell’Università di Waterloo hanno sviluppato una tecnologia per identificare le perdite nei tubi dell’acqua. La tecnologia combina tecniche di elaborazione del segnale e intelligenza artificiale.

I sensori idrofonici, che possono essere facilmente installati negli idranti antincendio, registrano le firme acustiche. “Ciò consentirebbe alle città di utilizzare le proprie risorse per la manutenzione e le riparazioni in modo molto più efficace”, ha affermato la ricercatrice Roya Cody, dottoranda in ingegneria civile a Waterloo . 

Le perdite sotterranee possono essere rilevate anche utilizzando l’intelligenza geospaziale dei satelliti. Ad esempio, l’israeliano Utilis ha sviluppato algoritmi per analizzare le immagini dei satelliti. Questi algoritmi utilizzano un sensore specializzato chiamato radar ad apertura sintetica (SAR). Il sistema radar emette microonde. “Più grande è l’apertura, più fine è la risoluzione dell’immagine. Abbastanza buono, infatti, per gli algoritmi per rilevare la firma di acqua potabile che perde sotterranea “, secondo una notizia rapporto . 

Limitare l’utilizzo
I contatori dell’acqua intelligenti oggi consentono alle famiglie di monitorare i consumi. È possibile inviare notifiche quando il consumo raggiunge una soglia. Ad esempio, Simply Smart Technologies, con sede a Pune, raccoglie dati dai contatori dell’acqua e fornisce un’infografica sull’utilizzo dell’acqua da parte delle case in una località.

WEGoT, una startup per la conservazione dell’acqua con sede a Chennai, ha sviluppato un sensore che può essere installato nella conduttura di un edificio commerciale. Questo fornisce dati sull’utilizzo dell’acqua da parte di ogni casa. Ogni sensore viene fornito con un ID e invia dati in tempo reale tramite l’app. In questo modo, ogni casa conoscerebbe l’esatta quantità di acqua consumata e pagherebbe di conseguenza invece della bolletta complessiva standardizzata. Questo a sua volta incentiva i residenti a risparmiare denaro e acqua.

I contatori d’acqua intelligenti, sviluppati da Smarterhomes , consentono alla comunità di appartamenti di misurare e addebitare i singoli appartamenti sul consumo effettivo. I contatori sono collegati a margherita l’ uno dall’altro e inviano i dati sui consumi idrici al server cloud tramite Nuclious, un gateway GPRS che invia i dati dal contatore al server e viceversa. 

Previsione della riserva di acque sotterranee
La previsione della profondità delle acque sotterranee è un metodo che può aiutare a un uso efficace dell’acqua in agricoltura. Un gruppo di scienziati ha utilizzato due diversi modelli ML per prevedere la profondità: la rete neurale artificiale wavelet (WA-ANN) e la regressione vettoriale di supporto wavelet (WA-SVR) nel bacino di Ejina, nella Mongolia interna. Secondo un rapporto di notizie , “i ricercatori hanno impiegato la trasformazione wavelet discreta per scomporre i dati e gli input meteorologici in approssimazioni. Hanno quindi incorporato nei loro calcoli funzionalità predittive per onde ad alta e bassa frequenza”.

 

WA-SVR ha funzionato meglio del modello WA-ANN. Secondo quanto riferito, questa è la prima volta che una serie di modelli di intelligenza artificiale ibridi è stata utilizzata per prevedere la profondità delle acque sotterranee nel bacino di Ejina. 

Migliorare la qualità dell’acqua
Il deterioramento della qualità dell’acqua è anche un’enorme sfida che porta a molteplici problemi di salute. Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, più di due miliardi di persone sono colpite dall’acqua contaminata . 

Sfruttando l’intelligenza artificiale, le aziende possono rilevare le fonti di contaminazione nelle tubazioni e inviare avvisi per risolverle. Per il monitoraggio in tempo reale della qualità dell’acqua, i dipartimenti governativi possono anche installare dispositivi IoT su tutte le fonti d’acqua.

Secondo Microsoft AI Lab , “Clean water AI utilizza una rete neurale di deep learning per rilevare batteri pericolosi e particelle nocive nell’acqua. L’acqua potabile può essere vista a livello microscopico con rilevamento in tempo reale. Spiega anche come l’intelligenza artificiale dell’acqua pulita addestra un modello di rete neurale e lo distribuisce ai dispositivi perimetrali che rilevano la contaminazione. 

 

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi