Home / Robot / L’Unmanned Surface Vessel Ranger nave da guerra robotica della Us Navy lancia il suo primo missile

L’Unmanned Surface Vessel Ranger nave da guerra robotica della Us Navy lancia il suo primo missile

Uno dei due prototipi di navi da guerra robot del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha appena lanciato il suo primo missile.

I militari venerdì hanno salutato il lancio di prova di un missile SM-6 dall’Unmanned Surface Vessel Ranger , in navigazione al largo della costa della California, come “cambiamento di gioco”.

 
Tuttavia, una cosa è per una nave senza equipaggio lanciare un missile. Un’altra è che la stessa nave trovi e fissi autonomamente i bersagli.

Il vero “punto di svolta” arriverà quando il Ranger o un altro USV si collegheranno a un’ampia rete di comando e controllo e dati, una che funziona nello stress della battaglia.

La Marina da anni ha segnalato la sua intenzione di integrare, se non sostituire parzialmente, le sue tradizionali navi da guerra con equipaggio con un gran numero di USV economici.

Un piano provvisorio della flotta che l’amministrazione del presidente Joe Biden ha pubblicato a giugno propone di aggiungere tra 77 e 140 navi e sottomarini senza equipaggio a una forza a lungo termine tra 321 e 372 navi con equipaggio.

A tal fine, l’Ufficio delle capacità strategiche del Pentagono ha acquisito i due prototipi di USV e sta pianificando di acquistarne altri due prima di consegnare il programma alla Marina degli Stati Uniti nel 2022.


I legislatori hanno dato al progetto circa 100 milioni di dollari l’anno scorso. Il programma ha richiesto $ 150 milioni per il 2022. La stessa Agenzia per i progetti di ricerca avanzata della difesa degli Stati Uniti possedeva un paio di USV più piccoli e li ha consegnati alla Marina nel 2018.

PI PER TE
I talebani non guadagneranno molto dall’equipaggiamento militare americano lasciato in Afghanistan
Comitato di benvenuto: ogni volta che un flattop americano entra nel Mar Cinese Meridionale, vengono lanciati i bombardieri cinesi
I piloti dell’American Airlines denunciano le scarse operazioni estive mentre i piloti di Philly chiedono una nuova gestione
Le USV Nomad e Ranger sono ex navi civili di rifornimento rapido, dozzine delle quali attraversano il Golfo del Messico a supporto di piattaforme petrolifere. Il Pentagono ha dipinto di grigio le navi da 175 piedi e ha aggiunto computer e apparecchiature di comunicazione, nonché sistemi di intelligenza artificiale sviluppati da Raytheon.

 
Entrambi gli USV hanno effettuato il viaggio di 4.000 miglia dalla costa del Golfo attraverso il Canale di Panama fino al loro porto di origine San Diego, Ranger in ottobre, Nomad a giugno.

I transiti sono stati opportunità per testare le capacità di navigazione autonoma delle navi. Con i marinai a San Diego di guardia, gli USV si sono diretti verso il canale, a quel punto i piloti sono saliti a bordo delle navi per guidarli attraverso l’Oceano Pacifico.

Ranger è stato il primo a prendere le armi. La Marina ha installato un pacchetto quadruplo di lanciatori per l’SM-6 di Raytheon, un missile balistico con un cercatore multimodale. L’SM-6 da $ 5 milioni nominalmente è un missile di difesa aerea, ma la Marina ha costantemente ampliato l’obiettivo delle munizioni impostato per includere missili balistici, navi e obiettivi a terra.

I lanciatori giacciono piatti in un container prima di inclinarsi verso l’alto per sparare.

Qualche tempo prima del 3 settembre, i controllori a terra ordinarono a Ranger di sparare con un SM-6. “Tale innovazione guida il futuro delle capacità congiunte”, ha cantato il Pentagono.


Ma non è difficile sparare un missile. Si è difficile sparare un missile contro un bersaglio legittimo durante il caos del combattimento. Le forze di sorveglianza devono trovare e identificare, ad esempio, una nave da guerra nemica tra le migliaia di navi civili che affollano le rotte di navigazione.

Una vasta gamma di scout potrebbe fornire dati alla rete. Aerei e navi con equipaggio. Droni. Altre navi robotiche. Anche i battaglioni del Corpo dei Marines si nascondono su isole remote.

I sorveglianti devono passare al tiratore senza pilota, così come ai controllori a terra, una traccia dettagliata del bersaglio, coordinate dove dovrebbe mirare un missile per posizionarlo abbastanza vicino al nemico da consentire al cercatore del missile stesso di funzionare.

Questo delicato trasferimento di dati deve avvenire rapidamente su potenzialmente migliaia di miglia mentre il nemico disturba sensori e radio e interferisce con i satelliti.

Il Pentagono sa che la rete di sensori e comandi è la chiave per far funzionare gli USV. Anche lo stesso SCO che ha acquisito gli USV ha lavorato sulla rete.

Gli sviluppatori sono ottimisti. Il programma USV “fornisce una rete di sensori distribuiti in grado di navigare e operare con la supervisione dell’uomo in/on the loop e sarà in grado di implementazioni di settimane e transiti transoceanici”, ha affermato il Dipartimento della Difesa .

La prova arriverà sotto forma di una prova realistica, che mette alla prova i sensori, la rete e una nave robotica per il confezionamento di missili.

 

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi