Ti presentiamo Nikola, l’emotivo ragazzino androide
 

Newswise – I ricercatori del RIKEN Guardian Robot Project in Giappone hanno creato un bambino androide di nome Nikola che trasmette con successo sei emozioni di base. Il nuovo studio, pubblicato su  Frontiers in Psychology , ha testato quanto bene le persone potessero identificare sei espressioni facciali – felicità, tristezza, paura, rabbia, sorpresa e disgusto – che sono state generate dal movimento dei “muscoli” sul viso di Nikola. Questa è la prima volta che la qualità delle emozioni espresse da Android è stata testata e verificata per queste sei emozioni.

Rosie, la cameriera robot, era considerata fantascienza quando ha debuttato nel cartone animato di Jetson oltre 50 anni fa. Sebbene la realtà del robot utile sia attualmente più fantascientifica e meno finta, ci sono ancora molte sfide che devono essere affrontate, inclusa la capacità di rilevare ed esprimere le emozioni. Il recente studio condotto da Wataru Sato del RIKEN Guardian Robot Project si è concentrato sulla costruzione di un robot umanoide, o androide, che può usare la sua faccia per esprimere una varietà di emozioni. Il risultato è Nikola, una testa di androide che sembra un ragazzo glabro.

All’interno del viso di Nikola ci sono 29 attuatori pneumatici che controllano i movimenti dei muscoli artificiali. Altri 6 attuatori controllano i movimenti della testa e del bulbo oculare. Gli attuatori pneumatici sono controllati dalla pressione dell’aria, che rende i movimenti silenziosi e fluidi. Il team ha posizionato gli attuatori basati sul Facial Action Coding System (FACS), che è stato ampiamente utilizzato per studiare le espressioni facciali. La ricerca passata ha identificato numerose unità di azione facciale, come “sollevamento delle guance” e “increspatura delle labbra”, che comprendono emozioni tipiche come felicità o disgusto, e i ricercatori hanno incorporato queste unità di azione nel design di Nikola.

In genere, gli studi sulle emozioni, in particolare su come le persone reagiscono alle emozioni, hanno un problema. È difficile fare un esperimento adeguatamente controllato con persone dal vivo che interagiscono, ma allo stesso tempo guardare foto o video di persone è meno naturale e le reazioni non sono le stesse. “La speranza è che con androidi come Nikola, possiamo avere la nostra torta e mangiarla anche noi”, dice Sato. “Possiamo controllare ogni aspetto del comportamento di Nikola e allo stesso tempo studiare le interazioni dal vivo”. Il primo passo era vedere se le espressioni facciali di Nikola erano comprensibili.  

Una persona certificata nel punteggio FACS è stata in grado di identificare ogni unità di azione facciale, indicando che i movimenti facciali di Nikola assomigliano accuratamente a quelli di un vero essere umano. Un secondo test ha mostrato che le persone comuni potevano riconoscere le sei emozioni prototipiche – felicità, tristezza, paura, rabbia, sorpresa e disgusto – nel viso di Nikola, anche se con precisione variabile. Questo perché la pelle di silicone di Nikola è meno elastica della vera pelle umana e non può formare le rughe molto bene. Pertanto, le emozioni come il disgusto erano più difficili da identificare perché non era possibile includere l’unità di azione per arricciare il naso.

“A breve termine, androidi come Nikola possono essere importanti strumenti di ricerca per la psicologia sociale o persino per le neuroscienze sociali”, afferma Sato. “Rispetto ai complici umani, gli androidi sono bravi a controllare i comportamenti e possono facilitare una rigorosa indagine empirica delle interazioni sociali umane”. Ad esempio, i ricercatori hanno chiesto alle persone di valutare la naturalezza delle emozioni di Nikola poiché la velocità dei suoi movimenti facciali era sistematicamente controllata. I ricercatori hanno scoperto che la velocità più naturale era più lenta per alcune emozioni come la tristezza rispetto ad altre come la sorpresa.

Mentre a Nikola manca ancora un corpo, l’obiettivo finale del Guardian Robot Project è costruire un androide che possa assistere le persone, in particolare quelle con bisogni fisici che potrebbero vivere da sole. “Gli Android in grado di comunicare emotivamente con noi saranno utili in un’ampia gamma di situazioni della vita reale, come la cura degli anziani, e possono promuovere il benessere umano”, afferma Sato.

da Video riken

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi