L’intelligenza artificiale si è fatta strada in quasi ogni aspetto della nostra vita. Siamo passati dal immaginare un futuro con auto volanti e maggiordomi robot al vivere in un mondo con auto a guida autonoma e assistenti vocali che portiamo in tasca.

Nonostante ciò, resta il fatto che l’IA non è così avanzata come potrebbe essere. Gli attuali algoritmi di intelligenza artificiale sono solo in grado di imitare o copiare informazioni. Ad esempio, può comporre una sonata nello stile di Debussy o replicare una poesia di Pushkin, ma non può infondere significato o emozione nella composizione.

L’IA può creare, ma non può essere creativa. Questa limitazione ne frena l’utilità in tutti gli aspetti della vita quotidiana. In questo momento, l’intelligenza artificiale fa ancora molto affidamento sull’input umano per capire come trasferire una lezione da un set di dati all’altro.

Bellezza: il punto cieco dell’IA
Creare significato e trovare la bellezza nelle cose è un tratto decisamente umano ed è al centro della nostra capacità di essere genuinamente creativi. L’apprendimento automatico non ha ancora raggiunto un punto in cui può trovare bellezza o significato oltre i set di dati e gli schemi, quindi questo è un enorme punto cieco per la creatività.

Allo stesso modo, l’IA non può decompartimentalizzare il suo apprendimento. Ad esempio, può estrapolare il principio di addizione dall’apprendimento 1+1=2 e 2+2=4. Tuttavia, non può ancora stabilire connessioni creative tra l’addizione e un concetto non matematico come può fare la mente umana.

Per ora, questo significa che l’IA non può derivare il suo significato unico, ad esempio, dalla composizione di una sinfonia o dalla lettura di un romanzo. L’apprendimento automatico non si è evoluto per comprendere il significato della creazione e della creatività al suo livello attuale.

Tuttavia, l’IA è eccellente nell’imitazione e quasi impeccabile durante la copia e il completamento. Supponiamo che tu gli abbia dato un’aria incompiuta di un famoso compositore. In tal caso, potrebbe completare il brano in modo soddisfacente e stilisticamente appropriato, ma non potrebbe capire l’importanza o il significato emotivo dietro le note.

Quindi, ora che abbiamo delineato i limiti creativi dell’IA, parliamo di cosa possiamo fare per aiutare.

Il processo di deep learning è la chiave per sbloccare la creatività AI?
Attualmente, l’IA funziona meglio quando gli esseri umani possono alimentarla set di dati contrassegnati. Ad esempio, l’IA impara a rilevare le anomalie dei raggi X esaminando le immagini che sono state contrassegnate dagli esseri umani per “mostrare” all’algoritmo cosa è normale e cosa è potenzialmente dannoso. Lo stesso vale per “imparare” a dipingere, comporre o fare altri sforzi creativi.

Questo tipo di apprendimento profondo sviluppa un vasto sistema che può essere modificato per produrre qualcosa di nuovo di zecca. Ma questo conta come creatività? Gli esperti sono divisi .

Il CEO di Somatic Jason Toy non crede che la creatività dell’IA sia ancora fattibile. Dice: “Possiamo prendere ciò che gli umani pensano sia bello e creativo e provare a inserirlo in un algoritmo? Non credo che sarà possibile per un bel po’”.

Altri esperti ritengono che sia meglio concentrarsi sul consentire all’IA di aumentare la creatività umana con una cognizione avanzata. La nostra comprensione dell’IA è ancora in espansione, ma fornisce già un’assistenza inestimabile nei nostri spazi personali e professionali.

Dagli assistenti vocali agli interventi di chirurgia robotica fino ai compagni interattivi, stiamo imparando che l’IA può fare miracoli per il nostro modo di vivere. Migliora notevolmente anche le nostre capacità creative, anche se non è ancora in grado di cogliere appieno il concetto di creatività da solo.

Qual è il futuro della creatività AI?
In definitiva, la maggior parte degli esperti di intelligenza artificiale afferma che lo sviluppo di un’intelligenza con creatività umana indipendente non è l’obiettivo finale dello studio dell’IA. Invece, lo scopo è esplorare i margini di ciò di cui siamo capaci e spingerne i confini il più lontano possibile.

A tal fine, l’IA stimola la mente umana a pensare in modo più creativo. Aumenta la nostra creatività in un modo che ci aiuta a comprendere meglio l’apprendimento automatico. Che simbiosi interessante abbiamo creato.

Quindi, sappiamo che attualmente l’IA non può essere creativa in modo indipendente perché non può ancora infondere significato nelle sue creazioni. D’altra parte, anche nella sua forma attuale, l’IA riempie gli esseri umani di una creatività senza precedenti e sfrenata.

Credo che il futuro della creatività AI risieda nella natura ciclica della relazione di apprendimento uomo-IA. Poiché l’apprendimento automatico consente agli esseri umani di approfondire la propria creatività, mi aspetto che questo approfondisca la comprensione dell’IA della vera natura della creatività.

Aleksandr Tarasov da Unite.ai

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi