Serve Robotics, spin-off di Postmates, raccoglie 13 milioni di dollari per far crescere la sua flotta di consegne sul marciapiede 

A maggio, in seguito all’acquisizione di Postmates da parte di Uber, la divisione robotica di Postmates si è trasformata in una società indipendente chiamata Serve Robotics. All’epoca, Serve ha affermato che avrebbe perseguito la sua visione di distribuire flotte di robot per le consegne sul marciapiede in tutto il paese, migliaia dei quali avevano già servito le famiglie di Los Angeles prima dell’acquisto di Uber.

Promuovendo tale ambizione, Serve ha annunciato oggi di aver chiuso un round di finanziamento seme ampliato da 13 milioni di dollari con la partecipazione di investitori strategici Uber, Delivery Hero, il braccio di venture capital di 7-Eleven e Wavemaker Labs di Wavemaker Partners. Il nuovo round estende il precedente finanziamento iniziale di Serve e include la partecipazione dei finanziatori esistenti Neo, Western Technology Investment e Scott Banister, tra gli altri.

 
 
Il CEO Ali Kashani afferma che i proventi saranno destinati all’aumento dell’organico dell’azienda e all’ulteriore sviluppo della piattaforma tecnologica di Serve. “Questa estensione del finanziamento ci consentirà di far crescere le nostre operazioni commerciali aggiungendo più robot, più partner e lanciando più mercati nel prossimo anno”, ha detto a VentureBeat via e-mail. “Entro i prossimi due o tre anni, vorremmo vedere i nostri robot in tutte le principali città degli Stati Uniti”.

Consegne senza contatto
La pandemia ha rinvigorito il segmento delle aziende che sviluppano robot di consegna abbastanza piccoli da navigare su strisce pedonali, marciapiedi e campus aziendali. I robot non solo riducono al minimo il contatto da uomo a uomo, ma possono sostituire in un momento in cui l’industria sta affrontando una storica carenza di autisti di consegna .

 
All’inizio della pandemia, i  robot di consegna autonomi di KiwiBot consegnavano forniture sanitarie, maschere, gel antibatterici e prodotti per l’igiene nelle comunità di Berkeley, in California e Denver, in Colorado. Starship , un rivale, ha recentemente lanciato flotte di robot per le consegne a Fairfax, in Virginia, a seguito di dispiegamenti a Washington DC; Tempe, Arizona; e Mountain View e Irvine, California. Lo scorso luglio, Amazon ha ampliato le prove del suo robot di consegna autonomo Scout ad Atlanta, Georgia e Franklin, Tennessee. E questa estate, Grubhub ha collaborato con il Self-Driving Group di Yandex per fornire ai partner del campus universitario, tra cui Ohio State, la possibilità di distribuire robot Yandex in loco per consegne più rapide.

 

Altri attori nel crescente spazio dei robot di consegna includono FedEx, Refraction AI, Boxbot, Cartken, Tortoise e Marble (acquisita da Caterpillar nel giugno 2020). Entro il 2030, Allied Market Research prevede che il mercato varrà $ 30,05 miliardi, crescendo a un tasso di crescita annuale composto del 24,5% nei prossimi nove anni.

 
Ma Serve circa 80 dipendenti, che prende il nome dal bot di consegna sul marciapiede autonomo sviluppato e pilotato da Postmates, ha il sostegno di Uber. A novembre, la società di viaggi ha annunciato che avrebbe collaborato con Serve per consegnare cibo ai clienti UberEats a Los Angeles a partire dal 2022.

“Serve è attualmente focalizzato sulla consegna di cibo e ha recentemente annunciato una partnership con UberEats. Nel 2022, Serve inizierà a fornire per UberEats e altri partner della catena nazionale e aumenterà il suo prossimo round di finanziamenti per aumentare”, ha aggiunto Kashani. “Questa partnership con Uber consentirà a Serve di espandere la consegna robotica anche ai clienti UberEats, continuando a far crescere le sue regioni operative. In futuro, Serve prevede di espandere il suo modello con la consegna di generi alimentari, farmacia, cannabis e pacchi”.

Marciapiede
I robot alti un metro di Serve sfoggiano esterni colorati e carichi di LED che nascondono una serie di sensori tra cui telecamere RGB, sonar, sensori del tempo di volo, GPS e lidar. Il pannello di controllo, che si trova di lato, contiene un pulsante “Aiuto” e un display per chat video, nonché un pannello touchscreen.

Un portello superiore nasconde un vano di carico che viene sbloccato con un’app per telefono o un passcode. Il robot di Serve può trasportare fino a 50 libbre per 25 miglia con una sola carica, abbastanza per effettuare più di dozzine di consegne al giorno, afferma Kashani.

 
Serve note in un comunicato stampa che i suoi rover a guida autonoma hanno completato decine di migliaia di consegne nelle città di Los Angeles e San Francisco. Le domande legali abbondano sui robot e altri simili – solo 20 stati hanno approvato leggi che consentono l’uso di robot da marciapiede – ma Kashani si aspetta che alla fine renderanno la consegna locale più economica e sostenibile.

Non è l’unico. Il McKinsey Institute prevede che i rover senza conducente come quelli di Serve rappresenteranno l’85% delle consegne dell’ultimo miglio entro il 2025.

“Qualsiasi cliente nella nostra area operativa può far eseguire la consegna da un robot, se disponibile”, ha continuato Kashani. “La nostra flotta di consegne a Los Angeles opera ormai da tempo indipendentemente dal nostro processo di ingegneria e ha completato consegne contactless da oltre 100 commercianti a migliaia di clienti”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi