Il dispositivo indossabile utilizza il sonar per ricostruire le espressioni facciali 

  I ricercatori della Cornell hanno sviluppato un dispositivo auricolare indossabile – o “auricolare” – che fa rimbalzare il suono sulle guance e trasforma gli echi in un avatar dell’intero viso in movimento di una persona, utilizzando la tecnologia acustica per offrire una migliore privacy.

Un team guidato da  Cheng Zhang , assistente professore di scienze dell’informazione, e  François Guimbretière , professore di scienze dell’informazione, ha progettato il sistema, chiamato EarIO. Trasmette i movimenti del viso a uno smartphone in tempo reale ed è compatibile con le cuffie disponibili in commercio per videoconferenze a mani libere e cordless.

I dispositivi che tracciano i movimenti facciali utilizzando una fotocamera sono “grandi, pesanti e affamati di energia, il che è un grosso problema per i dispositivi indossabili”, ha affermato Zhang. “Anche cosa importante, acquisiscono molte informazioni private”.

Il team ha descritto il loro auricolare in ” EarIO: un auricolare di rilevamento acustico a bassa potenza per il monitoraggio continuo dei movimenti facciali dettagliati “.

L’EarIO funziona come una nave che emette impulsi sonar. Un altoparlante su ciascun lato dell’auricolare invia segnali acustici ai lati del viso e un microfono raccoglie gli echi. Quando chi lo indossa parla, sorridono o alza le sopracciglia, la pelle si muove e si allunga, modificando i profili dell’eco. Un algoritmo di deep learning sviluppato dai ricercatori utilizza l’intelligenza artificiale per elaborare continuamente i dati e tradurre gli echi mutevoli in espressioni facciali complete.

Raccogliendo suoni invece di immagini pesanti, l’auricolare può comunicare con uno smartphone tramite una connessione Bluetooth wireless, mantenendo private le informazioni dell’utente. Con le immagini, il dispositivo dovrebbe connettersi a una rete Wi-Fi e inviare dati avanti e indietro al cloud, rendendolo potenzialmente vulnerabile agli hacker.

“Le persone potrebbero non rendersi conto di quanto siano intelligenti i dispositivi indossabili: cosa dicono queste informazioni su di te e cosa possono fare le aziende con tali informazioni”, ha affermato Guimbretière. Con le immagini del viso, qualcuno potrebbe anche dedurre emozioni e azioni. “L’obiettivo di questo progetto è essere sicuri che tutte le informazioni, che sono molto preziose per la tua privacy, siano sempre sotto il tuo controllo e calcolate localmente.”

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi