Home / videgiochi IA / WWI Battlefield 1 con agenti di AI intelligenza artificiale di EA Electronic Arts

WWI Battlefield 1 con agenti di AI intelligenza artificiale di EA Electronic Arts

Il termine “AI” è stato utilizzato nei videogiochi sin dal loro inizio, ma raramente significa vera intelligenza artificiale. Invece, è un termine generico per descrivere un avversario o un personaggio preprogrammato che simula l’intelligenza, ma in realtà sta solo seguendo una serie ristretta di istruzioni. Questo sta lentamente cambiando, però – e le persone che costruiscono videogiochi stanno dando una mano.

Oggi, alla GDC, EA ha annunciato che sta addestrando agenti IA nel corso del primo shooter della WWI Battlefield 1. La compagnia dice che è la prima volta che questo tipo di lavoro è stato svolto con un titolo AAA ad alto budget (che è discutibile), ma soprattutto, dice che i metodi che sta sviluppando aiuteranno a migliorare i giochi futuri: fornendo nemici più duri e realistici per i giocatori umani e dando agli sviluppatori nuovi modi per eseguire il debug del loro software.

Gli agenti IA di EA – che, a differenza dei robot, dovrebbero imparare a giocare invece di seguire semplicemente le istruzioni – vengono addestrati usando una combinazione di due metodi standard: l’imitazione dell’apprendimento e l’apprendimento di rinforzo. Entrambi funzionano esattamente come ci si aspetterebbe. La prima parte coinvolge l’agente che guarda i giocatori umani e quindi tenta di imitarli. Questo costituisce circa il 2% delle loro conoscenze, ci dice EA, e li imposta sulla strada giusta.

Dopo che l’apprendimento iniziale è terminato, gli agenti devono capire da soli il resto del gioco, con ricompense per aver completato i compiti (come uccidere i nemici) aiutandoli attraverso un processo di tentativi ed errori. Questo è l’apprendimento di rinforzo. Gli agenti di EA svolgono centinaia e centinaia di giochi Battlefield a un ritmo accelerato e quindi migliorano nel tempo. È simile ai metodi usati da DeepMind per addestrare la sua IA Go-playing , sebbene quest’ultima abbia avuto una maggiore attenzione al pensiero strategico.

Magnus Nordin, direttore della divisione ricerca di straordinarie esperienze (SEED) di EA, afferma che gli agenti di intelligenza artificiale hanno dimostrato di essere dei bravi giocatori di Battlefield , ma sicuramente non all’altezza degli umani. “Abbiamo fatto test contro gli sviluppatori DICE interni, che sono decenti ma non professionisti. Hanno battuto facilmente i robot, ma non è stato un vero e proprio scoppio “, dice Nordin.

Durante il loro allenamento, i robot raccolsero ogni sorta di abilità. Hanno imparato come adattare il loro obiettivo al rinculo della pistola, per esempio, e si sono dimostrati sorprendentemente bravi a schivare i proiettili. “Saltano da un lato all’altro per non essere colpiti”, afferma Nordin.

Ma alcune delle loro azioni mostrano quanto ci sia ancora da fare prima che gli agenti di AI possano giocare ai videogiochi come gli umani. Nordin spiega che i robot sviluppavano un particolare comportamento di “scansione”, in cui giravano per cercare qualcosa con cui interagire. Questo perché sono stati addestrati usando l’apprendimento di rinforzo, che li ricompensa se il loro punteggio aumenta o recuperano la salute e le munizioni. Quest’ultima ricompensa è stata aggiunta perché i ricercatori di EA pensavano che avrebbe incoraggiato gli agenti ad esplorare la mappa (oltre ad aiutarli a sopravvivere). Ma ha anche avuto l’effetto collaterale di limitare la loro ambizione. “Quando non vedono alcun nemico, iniziano a cercare qualcosa da fare”, dice Nordin. Pensaci come un cane che cerca un regalo perché è annoiato. Non è uncomportamento intelligente, ma non è nemmeno così intelligente.

“PIÙ COMPLESSO È IL GIOCO, MIGLIORE È LA SFIDA.”
Arthur Juliani, un ingegnere informatico senior presso Unity, ha dichiarato che il lavoro di EA è stato simile a precedenti ricerche in questo settore, ma comunque solido. “Combinare questi approcci e dimostrare che possono essere utilizzati per addestrare agenti che possono essere schierati in giochi reali è una prospettiva eccitante”, ha detto Juliani   . Ha sottolineato che i ricercatori di istituzioni come OpenAI e DeepMind stanno lavorando alla costruzione di propri robot per titoli come Starcraft II e Dota 2 . “Più complesso è il gioco, migliore è la sfida”, afferma Juliani, anche se aggiunge che i giochi retro sono ancora molto utili per addestrare nuovi tipi di comportamento perché sono meno intensi dal punto di vista computazionale.

Nordin, riconoscendo il precedente lavoro di IA svolto in giochi come scacchi e Go, sottolinea la maggiore complessità di uno sparatutto in prima persona come Battlefield . Nei giochi da tavolo, hai un modello completo del mondo e un numero finito di risultati possibili, che un computer può modellare in modo esauriente e quindi selezionare l’opzione migliore. In uno sparatutto, un giocatore deve premere più tasti contemporaneamente – camminare, correre, accovacciarsi, sparare, ricaricare, scambiare armi e così via – e la combinazione di tutte quelle possibili azioni, insieme con il tentativo di prevedere le azioni degli altri, rende un compito molto più complesso.

Per EA, l’obiettivo non è necessariamente quello di ampliare il campo generale dell’IA, ma di scoprire in che modo questa tecnologia può avvantaggiare gli sviluppatori di giochi. Nordin dice che non pensa che vedremo i giocatori di IA prendere sugli umani ancora per un po ‘. “Non saranno nel prossimo campo di battaglia perché non è molto lontano, ma probabilmente quello successivo – come un ibrido di IA classica e reti neurali”, dice.

Avere agenti di intelligenza artificiale in grado di vagabondare attorno a una mappa è un ottimo modo per accelerare il grintoso sviluppo del gioco. ” Battlefield è un gioco a 64 giocatori, quindi per testarlo completamente abbiamo bisogno che 64 giocatori completino un livello, e gli agenti IA possano farlo”, dice Nordin. Juliani è d’accordo e dice che questo è il motivo per cui Unity sta lavorando ai propri strumenti di intelligenza artificiale per la comunità da utilizzare. “Gli agenti possono essere addestrati a cercare di trovare gli exploit nei giochi e ad assicurare che i giochi siano correttamente bilanciati”, dice.

Quindi, prima che i giocatori di IA inizino a picchiarci nei nostri videogiochi preferiti, almeno ci aiuteranno a costruirli. Non è un pessimo affare.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi