Il monte Etzel, in Svizzera, è pieno di sfide per un robot con le gambe. Tra terreno scivoloso, scalini alti e sentieri pieni di radici, la montagna di 3.602 piedi è il terreno di prova perfetto per ANYmal. ANYmal è un quadrato creato dal Robotic Systems Lab dell’ETH di Zurigo .

I terreni difficili sono particolarmente difficili per i robot. Lottano per combinare la percezione visiva del loro ambiente con la propriocezione delle loro gambe. Per gli esseri umani, questo è un compito a cui non dobbiamo nemmeno pensare, ma i robot possono farlo solo in modi limitati.

Le informazioni che i robot raccolgono sul loro ambiente con i sensori possono spesso essere incomplete o ambigue. Il robot potrebbe vedere l’erba alta, una pozzanghera poco profonda o la neve e determinare che si tratta di un ostacolo insormontabile. In alternativa, il robot potrebbe non rilevare affatto quegli ostacoli se i sensori sono oscurati dalle condizioni meteorologiche o dalla scarsa illuminazione.

“Ecco perché i robot come ANYmal devono essere in grado di decidere da soli quando fidarsi della percezione visiva del loro ambiente e andare avanti rapidamente, e quando è meglio procedere con cautela e a piccoli passi”, Takahiro Miki, studente di dottorato e capo autore dello studio, ha detto. “E questa è la grande sfida.”

Nuova tecnologia di controllo
Per aiutare ANYmal a navigare rapidamente negli ambienti, il team ha utilizzato una nuova tecnologia di controllo, sviluppata dallo spin-off di ETH ANYbotics , basata su una rete neurale. Grazie a questo controller, ANYmal ha imparato a combinare la sua percezione visiva con la sua propriocezione. Il team ha testato l’abilità di ANYmal in un campo di addestramento virtuale prima di portarlo nel mondo.

Sul monte Etzel, ANYmal ha scalato quasi 400 piedi (120 m) in soli 31 minuti. “Con questa formazione, il robot è in grado di dominare il terreno naturale più difficile senza averlo mai visto prima”, ha affermato il professor Marco Hutter dell’ETH di Zurigo.

ANYmal ha imparato come superare numerosi ostacoli e quando fare più affidamento sulla sua propriocezione anziché sulla percezione visiva. In questo modo ANYmal può dire quando la scarsa illuminazione o il tempo atmosferico distorce la sua percezione e navigare invece con il suo senso del tatto.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi