Blue il robot potrebbe essere il cavallo di battaglia alimentato dall’intelligenza artificiale del futuro
A basso costo e sicuro di lavorare a fianco, Blue il robot è un progetto per i robot futuri

Le vendite di robot globali sono raddoppiate negli ultimi cinque anni, ma oggi i robot schierati nelle fabbriche e nei magazzini sono praticamente gli stessi di quelli che avevamo decenni fa. Sono potenti e precisi, ma costosi da acquistare e pericolosi per gli umani.

Blue, un nuovo robot di UC Berkeley, ha lo scopo di rompere lo stampo con l’aiuto di AI.

Il blu assomiglia un po ‘al disegno di un robot di un bambino: è fatto da parti voluminose stampate in 3D e ha un paio di bracci robot umanoide con le tenaglie per le mani. Può essere controllato usando i ricevitori VR, che consentono agli operatori di agitare le braccia e poi Blue agiterà le braccia in tandem. Può anche essere addestrato a manipolare oggetti usando l’intelligenza artificiale, un metodo di controllo che è ancora sorprendentemente raro nei robot.

IL BLU È STATO COSTRUITO DA ZERO PER AI
Pieter Abbeel, il robotico che guida il progetto, vuole cambiare questo, e dice che Blue è stato costruito da zero per trarre vantaggio dai recenti miglioramenti nell’IA. “Il fatto che l’IA stia diventando più capace ci ha dato l’opportunità di ripensare a come progettare un robot”, dice Abbeel a The Verge .

Abbeel spiega che la maggior parte dei robot in uso oggi sono costruiti per essere forti e precisi. I loro movimenti sono predefiniti e ripetono semplicemente la stessa azione più e più volte, sia che si tratti di sollevare pallet di merci, saldare auto o avvitare viti in uno smartphone.

I robot del futuro, al confronto, saranno reattivi e dinamici. Saranno in grado di lavorare al sicuro insieme agli umani senza schiacciarli, e invece di pianificare le loro azioni in anticipo, navigeranno in tutto il mondo in tempo reale usando telecamere e sensori.

Il blu è capace di compiti complessi come piegare un asciugamano . Immagine: UC Berkeley
“Se guardi ai robot tradizionali, sono progettati attorno al principio di altissima precisione e movimenti ripetuti”, afferma Abbeel. “Ma non è necessariamente necessaria la ripetibilità sotto il millimetro.” (È la capacità di eseguire lo stesso compito più e più volte con differenze di movimento inferiori a un millimetro.) “Gli esseri umani non hanno una ripetibilità sub-millimetrica. Invece, usiamo i nostri occhi e il senso del tatto per ottenere risultati attraverso il feedback. “

Abbeel e il suo team, il ricercatore Stephen McKinley e il laureando David Gealy, sperano che Blue operi allo stesso modo. Ha un modulo di visione centrale con una fotocamera sensibile alla profondità e le sue braccia sono controllate da motori con elastici che gli conferiscono flessibilità. Se spingi contro un braccio di un robot industriale, è come spingere contro un muro di mattoni. Ma Blue è più simile a un umano in un vagone della metropolitana affollato: spingilo, e si sposterà.

Ciò rende Blue un modo più sicuro di lavorare, ma è anche adatto per la ricerca che utilizza l’apprendimento di rinforzo, un tipo di metodo di allenamento dell’IA che sta diventando popolare in robotica. L’apprendimento del rinforzo funziona chiedendo ad un agente di completare un compito e premiandolo quando lo fa. È fondamentalmente una prova ed un errore, con l’agente che inizia senza sapere come completare il suo obiettivo e poi lentamente si autoinsegna nel tempo.


Usare i robot tradizionali con l’apprendimento di rinforzo può essere costoso. La loro mancanza di flessibilità li rende fragili e soggetti a danni. Inoltre, l’apprendimento di rinforzo richiede tempo per produrre risultati e, poiché i robot sono costosi, i costi si sommano rapidamente.

IL BLU POTREBBE COSTARE FINO A $ 5000 PER PRODURRE, RENDENDOLO MOLTO PIÙ AMPIAMENTE DISPONIBILE
Questa è un’altra area in cui il Blu potrebbe fare la differenza. PR2, un popolare robot di ricerca costruito da Willow Garage che ha anche un paio di braccia e tenaglie, riporta i ricercatori intorno ai $ 400.000. La distinta base per Blue, al confronto, è di soli $ 3.000. Abbeel dice che la squadra non ha ancora deciso il prezzo finale, ma spera di raggiungere la fascia di $ 5.000.

“Questo diventa possibile quando sei disposto a rinunciare alla precisione submillimetrica perché ti rendi conto di non averne bisogno con il controllo basato sull’intelligenza artificiale”, afferma Abbeel.

Molti altri laboratori di ricerca e start-up stanno anche prendendo di mira questo nuovo paradigma, sperando di insegnare ai robot come utilizzare l’intelligenza artificiale. Abbeel è il presidente di uno di loro, una startup di nome Embodied Intelligence . Kindred AI, un’azienda che costruisce robot che raccolgono articoli nei magazzini, è un’altra . Il laboratorio di ricerca fondato da Elon Musk OpenAI ha svolto un lavoro simile usando le mani dei robot e Google sta anche esplorando l’addestramento AI per i robot .

Blu il robot è “backdrivable”, il che significa che puoi spingerlo in giro anche quando è spento. Immagine: UC Berkeley
Tuttavia, alcuni esperti sono scettici sull’appello di Blue. Notano che non è poi così diverso da Baxter, un altro bot con le braccia e le tenaglie che doveva funzionare al fianco degli umani. L’azienda che ha realizzato Baxter, Rethink Robotics, è stata chiusa l’anno scorso .

Ankur Handa, un ricercatore di robotica presso Nvidia, ha detto che le chele di Blue limitano la gamma di compiti che può eseguire, e la sua mancanza di precisione sarebbe un problema, anche con i controlli dell’IA. “In generale, non penso che stiano offrendo qualcosa di particolarmente nuovo”, dice Handa a The Verge . Ha aggiunto che il robot blu era ancora un passo avanti nella realizzazione di robot più economici

Ma Abbeel è ottimista sul futuro di Blue. Il robot è in fase di costruzione in piccoli lotti in questo momento, ma Abbeel spera di aumentare gradualmente, passando poi alla produzione in outsourcing per produrre numeri più grandi. I primi clienti target saranno laboratori di ricerca e università in cui i robot sono attualmente condivisi tra i team, proprio come i computer negli anni ’60. Offrire un robot più economico li renderà più ampiamente disponibili, aumentando l’output della ricerca sui robot.

Ancora più importante, Abbeel spera che Blue fornisca un piano per l’aspetto del robot domestico del futuro: qualcosa a basso costo, flessibile e che funziona bene con gli umani. “La casa è assolutamente ciò che abbiamo in mente con questo tipo di design”, dice. “Ci sono ancora molte sfide da affrontare, e non è che pensiamo che questo specifico robot stia andando in una casa. [Ma] questo è un paradigma del design che ci porta in una nuova direzione “.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi