Supercloud, la prossima grande tendenza nel cloud computing
Supercloud va oltre il multi-cloud per includere l’on-premise e l’edge
 
Supercloud 22, una conferenza sulla tecnologia ospitata di recente dal media tecnologico aziendale CUBE, si è conclusa con una discussione approfondita sul futuro della tecnologia cloud. Secondo gli esperti del settore, si sta costruendo un nuovo mondo sulla base di strutture di cloud computing di base come l’infrastruttura come servizio (IaaS), la piattaforma come servizio (PaaS) e il software come servizio (SaaS). Questa tendenza emergente viene definita supercloud.

Per molti, il termine “supercloud” può sembrare molto nuovo. Tuttavia, è stato menzionato per la prima volta in uno studio della Cornell University nel 2016.

 
Cos’è il supercloud?

La Cornell University definisce un supercloud come “un’architettura cloud che consente la migrazione delle applicazioni come servizio tra diverse zone di disponibilità o provider cloud”. Estesa sui principali cloud pubblici come Amazon EC2, Google Compute Engine e Microsoft Azure, nonché sui cloud privati, l’architettura del supercloud “fornisce interfacce per allocare, migrare e terminare risorse come macchine virtuali e storage e presenta una rete omogenea per collegarle risorse insieme”.  

Supercloud offre flessibilità. Gli utenti possono trasferire le loro macchine virtuali in diversi data center in tutto il mondo, indipendentemente dal proprietario e senza riconfigurare e risincronizzare le loro applicazioni. Supercloud consente a un’applicazione di scaricare da un data center sovraccarico a un altro che ha un’infrastruttura completamente diversa. 

L’attenzione sul supercloud ha iniziato a guadagnare terreno a causa delle sfide poste dal multi-cloud. Anche nelle architetture multi-cloud, le organizzazioni faticano ad applicare policy di sicurezza coerenti in tutte le loro applicazioni, migrano le app tra diversi cloud e data center, ottimizzano le prestazioni di varie applicazioni e ottengono informazioni dettagliate sullo stato di salute delle applicazioni, ad es. marchio, il loro stato ecc.

Secondo Howie Xu , VP di machine learning e intelligenza artificiale presso Zscaler, il supercloud non è solo multi-cloud . Va oltre. Il multicloud è solo un aspetto del supercloud. Con il supercloud, è possibile accedere all’on-premise e all’edge insieme ai multi-cloud. 

Un fattore chiave che crea così tanto interesse per il supercloud è la sua capacità di connettersi attraverso i cloud e operare in un ambiente ibrido e multi-cloud che semplifica notevolmente la vita sia degli utenti finali che degli sviluppatori. 

Conosciuti con nomi diversi, ad esempio cloud distribuito, i supercloud stanno semplificando il funzionamento in un ambiente multi-cloud. Consente una migrazione senza interruzioni, prestazioni ottimali e una sicurezza costante. 

Supernuvola in divenire

Diverse società di cloud computing hanno già iniziato a lavorare su architetture simili ai supercloud anche se non tutte chiamano tali architetture supercloud. Snowflake, una delle principali società di cloud computing, sta lavorando a qualcosa che chiamano “cloud di dati”. 

“Non lo chiamiamo esattamente così. Non ci piace la super parola, è un po’ sprezzante. Ma lo chiamiamo cloud di dati. E la vera visione per il cloud di dati è davvero un cloud che si sovrappone al cloud hyperscaler”, ha affermato Benoit Dageville , co-fondatore di Snowflake. Il cloud di dati si estende su più cloud e supporta i dati distribuiti, ma gestisce i dati a livello centrale, in modo simile all’approccio della mesh di dati.
DataBricks , uno dei principali rivali di Snowflake, sta sponsorizzando il progetto Data Lakehouse che sta lavorando su Delta Sharing, che semplifica la condivisione dei dati in modo sicuro tra piattaforme cloud. 

La società americana di tecnologia di cloud computing e virtualizzazione VMware ha ideato i servizi VMware Cross-Cloud per affrontare le sfide poste dalla mancanza di coerenza tra i cloud. I servizi Cross-Cloud includono lo sviluppo di applicazioni, la gestione del cloud, l’infrastruttura cloud e perimetrale, la sicurezza e il networking e le soluzioni per lo spazio di lavoro ovunque. Sono costruiti su un livello di astrazione continuo che si estende sui cloud, consentendo alle organizzazioni di creare, distribuire, eseguire, gestire, proteggere e accedere alle app e all’infrastruttura in modo coerente. 

Insieme a quanto sopra, anche molti altri stanno lavorando verso il supercloud. Ad esempio, nel 2021 Goldman Sachs Group ha annunciato un nuovo cloud di gestione dei dati: il “Goldman Sachs Financial Cloud for Data with AWS”. È un buon esempio di supercloud del settore. Dish Network ha anche annunciato un supercloud per alimentare le reti wireless 5G. Cohesity, società di gestione dei dati di nuova generazione, sta costruendo un supercloud di gestione dei dati incentrato sulla protezione e la governance dei dati. 

La sicurezza è la sfida più grande nel supercloud

Una delle principali preoccupazioni sollevate in Supercloud 22 era la sicurezza. La sicurezza è la sfida più urgente nel modo di realizzare l’idea di supercloud. La creazione di un framework di sicurezza in grado di mantenere i dati al sicuro su più cloud e data center on-premise rappresenta un nuovo livello di sfida. Sebbene ogni provider di servizi cloud disponga dei propri modelli di sicurezza e ogni organizzazione disponga del proprio framework di sicurezza per i data center on-premise, l’integrazione di questi framework e modelli tra i cloud non è affatto facile. 

I leader del settore sono del parere che le parti interessate debbano collaborare per formulare una serie di standard in base ai quali i dati possono essere condivisi. Ritengono che l’ecosistema di sicurezza dovrebbe essere guidato da fornitori di cloud che forniscono gli elementi dell’infrastruttura di base, mentre i fornitori di sicurezza devono mettere in atto norme di rilevamento rigorose. 

Sullo sfondo di diverse supernuvole in divenire, sorge una domanda pertinente sulla sua adozione nel prossimo futuro. L’esperto del settore Muddu Sudhakar , CEO di Stealth Mode Startup Company, ritiene che, sebbene il supercloud sia trasformativo e dirompente, non dovrebbe essere affrettato. La standardizzazione può avvenire tra qualche anno. “In questo momento, tutto ciò di cui abbiamo bisogno sono abbastanza startup per creare l’astrazione del super livello, con l’obiettivo in mente dell’automazione dell’IA”, ha affermato.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi