Home / Economia / Circle K implementa Standard Cognition per il pagamento senza passare dalla cassa

Circle K implementa Standard Cognition per il pagamento senza passare dalla cassa

Checkout senza cassa arriverà nei minimarket, poiché Circle K sigla una partnership con Standard Cognition


Prendi i tuoi articoli e lascia il negozio senza andare alla cassa. Questa è l’idea alla base di Standard Cognition, una startup che utilizza l’intelligenza artificiale per creare un’esperienza di checkout autonoma. Ora, è stato fatto il passo successivo per portare quella tecnologia nei negozi in cui le persone fanno acquisti.

Martedì, la startup di San Francisco ha annunciato una nuova partnership con Alimentation Couche-Tard, il genitore di Circle K tra le altre catene di vendita al dettaglio, per installare il suo sistema di checkout nei minimarket, a partire da un progetto pilota a Phoenix. I negozi saranno adattati con la tecnologia, il che significa che non è necessaria alcuna riprogettazione del negozio, un modo in cui Standard Cognition sta tentando di differenziarsi dal concorrente in tasca Amazon Go. La partnership inizierà in “un certo numero di negozi nell’area di Phoenix”, afferma Magnus Tagtstrom, responsabile dell’innovazione digitale presso Couche-Tard, con il primo Circle K dotato di cassa autonoma che entrerà in funzione all’inizio del prossimo anno.

Se il progetto pilota andrà bene, più negozi al dettaglio potrebbero essere incoraggiati ad adottare la tecnologia basata sull’intelligenza artificiale, a partire da minimarket come Circle K.Laval, con sede in Canada, Couche-Tard è il quinto più grande operatore di minimarket a livello globale, secondo un rapporto Deloitte. . “Questo è il test con gli acquirenti: e se questa fosse l’esperienza di New Circle K?” Dice Tagtstrom.

Standard Cognition, che è stato nominato nell’edizione 2019 di Forbes dell’elenco AI 50 , mira a dotare i negozi di telecamere e applicare la visione artificiale per rilevare automaticamente gli articoli che un acquirente ritira in un negozio. Lo fa monitorando un cliente attraverso i suoi movimenti nello spazio, piuttosto che il riconoscimento facciale, e applicando il riconoscimento delle azioni per determinare chi ha afferrato l’articolo nel negozio. Il processo viene eseguito “esclusivamente tramite pixel”, afferma il CEO Jordan Fisher, e aggiorna il carrello di un acquirente in tempo reale.


Le prime promesse e un’ampia opportunità di mercato hanno portato la startup, fondata nel 2017, a una valutazione a $ 535 milioni a partire dalla sua ultima raccolta di fondi da CRV e Initialized Capital lo scorso anno. Fisher afferma che la startup ha finora installato il suo sistema in cinque negozi fisici e si rivolge a punti vendita al dettaglio tra 500 e 3.000 piedi quadrati, una gamma che include minimarket, ristoranti con servizio rapido e farmacie più piccole. “Abbiamo essenzialmente creato checkout autonomo per tutti coloro che non sono Amazon”, ha detto la società a Forbes quando è stata inserita nell’elenco lo scorso settembre. A quel tempo, stava ancora testando la sua tecnologia in “modalità ombra”.

A differenza di Amazon Go, il sistema di Standard Cognition non utilizza sensori di peso, basandosi esclusivamente sulle sue fotocamere. “La cosa più importante per noi è che queste [installazioni] sono retrofit: sono veri e propri negozi che non sono stati realmente modificati in alcun modo tranne che per l’aggiunta di telecamere al soffitto”, dice Fisher. Ciò rende il processo di installazione più semplice, attraente per i rivenditori che hanno già una vasta rete di negozi di mattoni e malta.

“Abbiamo circa 15.000 negozi e stiamo costruendo da 100 a 200 negozi all’anno”, afferma Tagtstrom. “Andare in quei negozi e cambiarli completamente è un livello di investimento molto diverso rispetto all’adeguamento di negozi esistenti.”

I clienti potranno provare il checkout autonomo effettuando il check-in nel negozio su un’app del telefono (possono utilizzare l’app Circle K o l’app di Standard Cognition, afferma Fisher). Quando il cliente esce dal negozio, l’app elaborerà la transazione. Gli acquirenti che non vogliono pagare tramite l’app possono comunque risparmiare tempo. L’intelligenza artificiale tiene traccia di tutto ciò che viene raccolto da un cliente, indipendentemente dal fatto che utilizzi l’app, e fornisce i dati al cassiere, eliminando il tempo necessario per scansionare ogni articolo.

Durante la pandemia di coronavirus, una soluzione di checkout autonoma fornisce l’ovvio valore aggiunto di evitare i vettori di trasmissione che provengono dall’interazione con il cassiere o dalla fila. Ciò si aggiunge al potenziale di base della tecnologia, per rendere i minimarket più convenienti. “Prendiamo la nostra torta e mangiamola anche noi: prendi subito il bar Snickers e non devi aspettare cinque minuti in fila per pagarla”, dice Fisher. “È una specie di meglio di entrambi i mondi.”

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi