Home / Economia / La startup GONG

La startup GONG

Gong startup del software di vendita raggiunge una valutazione di $ 2,2 miliardi dopo aver visto le entrate triplicate durante la pandemia

Gong è stata fondata nel 2015 dal CEO Amit Bendov e dal chief product officer Eilon Reshef
Un mese fa, la startup di vendite basata sull’intelligenza artificiale Gong non aveva intenzione di raccogliere più soldi. La società, che fornisce informazioni sulle vendite tramite l’intelligenza artificiale che analizza le e-mail e le chiamate dei venditori, non ha ancora speso i 65 milioni di dollari raccolti lo scorso dicembre e gli affari sono esplosi durante la pandemia con entrate triplicate nella prima metà del 2020. Con le vendite che hanno raggiunto un po ‘ 20 milioni di dollari l’anno scorso, che mette Gong sulla buona strada per un fatturato di oltre 50 milioni di dollari quest’anno.

Ma quando gli investitori si sono avvicinati a Gong, ha raccolto $ 200 milioni, chiudendo l’affare in sole due settimane. La società con sede a San Francisco ha ora raccolto un totale di 334 milioni di dollari, preparandosi per un’auspicata offerta pubblica iniziale entro i prossimi tre anni. “Le persone vogliono anticipare una IPO dell’azienda”, afferma il CEO Amit Bendov, che in precedenza gestiva la startup di business intelligence SiSense. Coatue ha guidato il finanziamento di serie D che porta la valutazione di Gong a $ 2,2 miliardi da $ 750 milioni dopo il suo round precedente. Ulteriori investitori nel nuovo finanziamento includono Index Ventures, Salesforce Ventures, Thrive Capital e investitori esistenti come Sequoia e Battery.

Gong è un attore in ascesa nel settore del software di vendita grazie al suo utilizzo dell’elaborazione del linguaggio naturale per analizzare e prendere appunti su tutte le conversazioni che si hanno in e-mail, videoconferenze e telefonate. Il software quindi elabora i dati per fornire approfondimenti come l’analisi su quali clienti sono pronti per essere presentati per un aggiornamento del prodotto, quali accordi rischiano di essere persi o cosa stanno facendo i rappresentanti di vendita di successo per concludere accordi.

Bendov, 55 anni, ha fondato la società con Eilon Reshef, chief product officer, che in precedenza era cofondatore della società cloud WebCollege nel 2015. Sia Bendov che Reshef sono saliti alla ribalta nella scena tecnologica israeliana. Gong fatto il taglio di quest’anno sia per Forbes ‘ AI 50 e successivi miliardi di dollari Startups liste; è la seconda società dalla lista delle startup del prossimo miliardo di dollari di quest’anno a superare il valore di 1 miliardo di dollari.

Gli investitori inizialmente erano riluttanti a investire in Gong, dice Bendov, preoccupati che i venditori vedessero il software come una forma di sorveglianza del Grande Fratello. Il prodotto si è rivelato popolare, consentendo alla startup di espandere la propria base di clienti a 1.300 aziende tra cui LinkedIn, PayPal e Slack. “Quando abbiamo iniziato a raccogliere fondi, non era una passeggiata nel parco; oggi è semplicissimo “, dice Bendov.

Mentre molte aziende hanno lottato durante il Covid-19, Gong ha beneficiato del fatto che i venditori sono stati costretti a concludere i loro affari online. Bendov attribuisce il maggiore utilizzo a team di vendita sparsi che si rivolgono a una nuova posizione centralizzata per gestire le operazioni e ai venditori che si stanno aggiornando su come costruire relazioni con i clienti senza riunioni di persona. “Il mondo è così instabile”, dice. “Questo è un momento terribile per non sapere cosa sta succedendo ai tuoi clienti.”

Il nuovo finanziamento andrà verso l’espansione, soprattutto in Europa, e per costruire nuove funzionalità nel suo prodotto. L’azienda prevede di assumere 100 nuovi dipendenti entro la fine dell’anno. La visione del prodotto è solo “il 10-20% lì”, aggiunge Bendov, suggerendo che c’è molto più lavoro d’ufficio che Gong può radere lontano dalle routine dei venditori. La funzionalità AI di base del software, ovvero l’acquisizione delle parole pronunciate direttamente da un cliente, anziché indirettamente tramite il rappresentante di vendita, può un giorno essere applicata a un mercato “molto più grande del CRM”, afferma Bendov.

“La nostra speranza è entro due anni e mezzo o tre anni di raggiungere il tasso di redditività e la performance finanziaria che ci consentiranno di fare l’IPO”, afferma.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi