Home / AI in Azienda / Come l’intelligenza artificiale sta cambiando il panorama aziendale di fronte a COVID-19

Come l’intelligenza artificiale sta cambiando il panorama aziendale di fronte a COVID-19


Gli ultimi dodici mesi si sono rivelati una sorta di punto di svolta all’interno dello spazio aziendale. La pandemia COVID-19 in corso ha fatto sì che le organizzazioni di tutti i settori siano state soggette a una serie di richieste in rapida evoluzione. Naturalmente, questo ha significato che le aziende, grandi e piccole, hanno cercato soluzioni innovative per uscire dalla crisi.

Il termine “nuova normalità” è stato una parola d’ordine per tutto questo periodo e con buone ragioni: un giorno in carica ora sembra molto diverso da quello all’inizio del 2020. Per la maggior parte, le aziende sono state reattive e stanno facendo adeguamenti necessari per rendere a prova di COVID le loro operazioni Stanno potenziando le loro strategie di trasformazione digitale molto prima del piano, automatizzando più processi che mai e generalmente adottando nuove tecnologie.

Le esigenze aziendali sono cambiate radicalmente e anche l’atteggiamento nei confronti di tecnologie nuove ed emergenti come l’intelligenza artificiale (AI) sta cambiando. Molti si sono resi conto che la tecnologia è più necessaria che mai: una questione di salvaguardia del business, piuttosto che un lusso opzionale. Pertanto, mi aspetto che questo slancio in avanti continuerà a lungo dopo che la pandemia è passata, poiché le aziende apprendono che l’IA è più accessibile di quanto pensassero una volta. Quindi, con questo in mente, ecco alcune tendenze che le aziende dovrebbero prendere in considerazione nel 2021, mentre pianificano i loro piani per la maturità digitale …

L’investimento nell’IA è in crescita
Molti leader aziendali fino ad ora potrebbero aver avuto erroneamente l’impressione che le soluzioni e l’automazione basate sull’intelligenza artificiale rimangano appena fuori portata. Ciò è in parte dovuto al fatto che spesso c’è molto gergo ed esagerazione nella commercializzazione di questi prodotti, facendoli sembrare più grandi della vita stessa. Ma a volte, “AI” in realtà significa solo che un prodotto è un software intelligente.

Per fortuna, la marea sembra cambiare. Secondo una recente ricerca di Fountech Solutions, sempre più aziende stanno incanalando risorse in soluzioni innovative e potenziate dall’intelligenza artificiale. Dei 750 leader aziendali intervistati, una parte significativa (30%) ha affermato di aver sperimentato una soluzione di IA per la prima volta dopo la pandemia. Che sia nato dalla necessità o dalla realizzazione del valore che l’IA può portare, il 40% delle aziende afferma di voler rendere gli investimenti nell’IA una priorità nel 2021.

Le strade per gli investimenti saranno naturalmente diverse tra le imprese nei diversi settori. Tuttavia, mentre l’esperimento di lavoro a distanza di massa continua, possiamo aspettarci che le aziende dirottino la loro spesa tecnologica verso soluzioni che promuovono la collaborazione sul posto di lavoro, che possano essere utilizzate per supportare i clienti dei clienti da remoto e ridurre il carico sui dipendenti attraverso una maggiore elaborazione dei numeri. In effetti, due terzi (66%) delle aziende che già utilizzano l’IA concordano sul fatto che ha permesso loro di ottimizzare i processi interni ed esterni per diventare molto più efficienti.

Il mutevole mercato del lavoro
Di fronte alla pandemia, i lavori cambieranno, ma non necessariamente in peggio. Oltre a poter operare in sicurezza dalla comodità della propria casa, nel prossimo futuro i dipendenti potranno dedicare una parte maggiore della loro giornata lavorativa ad attività più appaganti e creative. L’adozione dell’IA ha già visto la stragrande maggioranza (64%) dei dipendenti più soddisfatta dei propri ruoli e le aziende stanno chiaramente cercando di capitalizzare questa tendenza per promuovere una maggiore efficienza e contentezza tra la loro forza lavoro.

In un mondo che una volta temeva un assalto di robot che si ritirassero dal lavoro e rendessero inefficaci le proprie capacità, il fatto che quasi la metà (41%) dei datori di lavoro pianifichi di assumere nuovi talenti per occuparsi specificamente di AI nel prossimo anno dovrebbe essere una causa per il comfort. Nei prossimi anni si assisterà a una crescente domanda di lavoratori in grado di supportare e operare a fianco di macchine sempre più intelligenti.

Oltre a essere invocati per compiti meno banali e ad alta intensità di lavoro, i lavoratori possono anche aspettarsi di vedere i loro ruoli cambiare, in quanto le aziende saranno alla ricerca delle cosiddette “competenze trasversali”. Sebbene queste abilità, che coprono tutto, dalla leadership e la fiducia all’intelligenza emotiva, possono spesso essere difficili da definire o quantificare, le aziende le apprezzeranno più che mai. Man mano che gli strumenti di analisi dei dati e i robot basati sull’intelligenza artificiale iniziano a svolgere il lavoro pesante con un margine di errore molto inferiore, i lavoratori saranno tenuti a comunicare e mettere a frutto le loro qualità fondamentalmente “ umane ” sul posto di lavoro, oltre a lavorare con e la gestione di nuove tecnologie. Infatti, entro i prossimi 12 mesi un’organizzazione su due (48%) prevede di inviare il proprio personale a corsi di formazione sull’IA, che dovrebbero offrire un assaggio di ciò che verrà.

In definitiva, su tutta la linea, le aziende stanno riconoscendo i vasti vantaggi che l’IA ha da offrire alla loro organizzazione, sia attraverso una redditività più sana, una maggiore soddisfazione del personale o un vantaggio competitivo più generale. Durante la pandemia e oltre, è incoraggiante vedere le organizzazioni cambiare in meglio grazie alle nuove tecnologie e i leader aziendali finalmente alle prese con l’automazione. Non vedo l’ora di vedere come si svilupperanno queste tendenze nei mesi e negli anni a venire.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi