Home / medicina / Conquistare la metabesità: cosa fa il governo per la longevità dei suoi cittadini? Alexander Fleming, Alex Zhavoronkov e Thomas Seoh

Conquistare la metabesità: cosa fa il governo per la longevità dei suoi cittadini? Alexander Fleming, Alex Zhavoronkov e Thomas Seoh

Anche se dai media può sembrare che il mondo sia costantemente in uno stato di collasso critico, non è così grave come sembra e il livello di benessere è in aumento anche nei paesi in via di sviluppo più lontani. Sapevi che l’aspettativa di vita media nel mondo, compresi i paesi comunemente percepiti come meno privilegiati , è di 73,2 anni ? In caso contrario, prima di continuare a leggere, controlla la tabella sull’aspettativa di vita di Wordometers e trova il tuo paese nell’elenco. Gli Stati Uniti sono attualmente al 46 ° posto con un’aspettativa di vita media di 79,11 tra Cuba (79,18) e Panama (79,1). Se oggi sei nato a Hong Kong, una città in Cina ( 77.47), che si colloca al primo posto della lista (85,29), dovresti aspettarti di vivere in media 6 anni, ovvero circa il 7,5% in più rispetto all’americano medio.

Ho Worldometers come segnalibro e lo controllo ogni mattina quando mi sveglio per vedere quante persone sono morte di invecchiamento mentre dormivo per avere più motivazione per affrontare la giornata, pensare a più modi per generare QALY ed evitare di essere distratto da cose meno importanti problemi. E mi lascia costantemente perplesso perché i paesi che spendono di più in sanità e ricerca non siano in cima alla lista in termini di speranza di vita media. E perché i paesi non competono sull’aspettativa di vita mentre competono praticamente su tutto il resto?

Dr. Alexander Fleming

E non potrei pensare a un gruppo di persone migliore per porre questa domanda di Thomas Seoh e il dott.Alexander Fleming, di Kinexum, che con il professor Lawrence Steinman di Stanford, hanno fondato la conferenza Metabesity che riunisce alcuni dei più importanti responsabili delle decisioni nel governo, università e industria.
Thomas Seoh

L’11 settembre 2020 hanno organizzato il primo panel del settore sulle considerazioni normative per i biomarcatori che invecchiano. Comprendeva alti funzionari della Food and Drug Administration (FDA) statunitense e del National Institute on Aging (NIA).

Dr. Alex Zhavoronkov: Affrontiamo la domanda più importante che ho posto in questo articolo. Recluti i regolatori senior agli eventi di Metabesity. Perché non vediamo i governi competere per la longevità dei loro cittadini e alcuni dei paesi più sviluppati che tecnicamente guidano il progresso nella scienza e nella tecnologia sono così indietro?

Dr. Alexander Fleming: In primo luogo, le autorità di regolamentazione, la medicina, l’industria e la popolazione in generale non hanno storicamente considerato l’invecchiamento come una malattia o una condizione da trattare o curare, ma piuttosto come una condizione umana inalterabile. Non c’è ancora un’adeguata consapevolezza delle abbondanti prove che la geroscienza ha accumulato che l’invecchiamento biologico può essere ritardato o addirittura invertito. I responsabili delle decisioni non apprezzano che questa scienza possa essere applicata per prevenire o ritardare le principali malattie croniche e quindi migliorare sostanzialmente la salute e la qualità della vita e ridurre i costi sanitari.

In secondo luogo, quando al pubblico in generale viene chiesto se desidera una vita materialmente più lunga, molti tendono a immaginare un novantenne dipendente su una sedia a rotelle o un letto di terapia intensiva, invece di un anziano vigoroso, sano e mentalmente attento equivalente a quei decenni più giovani. L’enfasi di geroscientists è quello di aumentare heathspan , il periodo di vita libera da malattia cronica e non solo per aumentare la durata della vita.

Terzo, molte persone sono incerte circa le implicazioni socioeconomiche e culturali di un periodo di salute prolungato, in termini di pensionamento, nuove carriere, finanza personale e spazio per le nuove generazioni.

La chiave è l’educazione dei responsabili politici, dei legislatori ed elettori sulla promessa di far progredire la scienza e la medicina per estendere una sana longevità, l’insostenibilità dell’attuale traiettoria dei costi sanitari e i benefici qualitativi e quantitativi del “dividendo della longevità”.

Ma per rispondere in modo specifico alla tua domanda, Alex, alcuni paesi stanno aprendo la strada: Regno Unito, Singapore, Svizzera e altri. Il Regno Unito ha adottato l’obiettivo nazionale di estendere la durata della salute di 5 anni entro il 2035, con un accesso più equo. Gli Stati Uniti sono dietro a tali leader anche nel riconoscere una sana longevità come una priorità nazionale, e dobbiamo innescare una “corsa agli armamenti” illuminata per raccogliere “il sano dividendo della longevità”. Ma prima, dobbiamo educare i nostri cittadini che la geroscienza ci ha mostrato che ora non è più una questione di “se”, ma di “quando” possiamo ritardare o addirittura invertire l’invecchiamento biologico. Abbiamo bisogno di una comprensione diffusa che gli anziani sani e vitali sono beni, non passività.

Dr. Alex Zhavoronkov: Quali passi dovrebbe intraprendere il governo per accelerare i progressi nella ricerca sull’invecchiamento e la traduzione della ricerca sull’invecchiamento nella pratica clinica?

Dr. Alexander Fleming: Una delle sfide principali per Big Pharma e per gli investitori che entrano in campo è la mancanza di percorsi normativi chiari e di prove necessarie per l’approvazione sia dei farmaci che dei prodotti nutrizionali con indicazioni sulla salute. Oggi, se un’azienda si rivolge alla FDA con un prodotto che riduce il processo di invecchiamento, l’agenzia probabilmente darebbe solo approvazioni per la riduzione del rischio di una malattia cronica o di un’altra, e ciò non rifletterebbe il pieno valore del prodotto. Peggio sarebbe lo scenario in cui il prodotto non è approvato anche se produce effetti positivi coerenti su più malattie croniche, ma nessuno degli effetti sulle singole malattie è sufficiente a supportare l’approvazione di qualsiasi singola indicazione di malattia. La più grande incertezza che devono affrontare gli sviluppatori di questi prodotti è l’evidenza che sarebbe necessaria per supportare un’indicazione sull’intervallo di salute. Abbiamo bisogno di sentire dalla FDA che può approvare i prodotti nello scenario di cui sopra. Ciò consentirebbe prove della durata di 3-5 anni invece del decennio necessario per mostrare effetti preventivi convincenti in popolazioni sane su singole malattie…. Gli investitori non si accontenteranno di prove che devono essere abbastanza lunghe e ampie da mostrare grandi effetti nel ritardare ogni malattia cronica legata all’età. I costi, i tempi e i rischi di tali prove sono oltre la capacità di un investitore di considerare. Esistono approcci creativi alla progettazione di sperimentazioni che possono fornire prove convincenti, ma è necessaria la disponibilità della FDA ad accettarli. La legislazione federale, analoga all’Orphan Drug Act e al 21st Century Cures Act, per incoraggiare la FDA a fornire una guida chiara e incentivare lo sviluppo di questi prodotti potrebbe cambiare le regole del gioco.

A proposito, tali interventi non dovrebbero essere limitati a farmaci o biologici, ma includere una serie di modalità, inclusi integratori di prodotti nutrizionali e dispositivi medici, comprese app mobili e sensori. Anche altre misure, come l’esercizio fisico e gli interventi sociali, sono importanti ma non comportano regolamenti. Ulteriori normative e politiche pubbliche potrebbero dichiarare la sana longevità un interesse nazionale e fissare un obiettivo nazionale di “lancio lunare” (come il goar del Regno Unito di estendere la durata della salute di 5 anni entro il 2035). Ulteriori studi quantificheranno ulteriormente quanto il dividendo della longevità, al netto dei maggiori costi per i benefici per gli anziani più longevi, risparmierebbe sui costi dell’assistenza sanitaria pubblica e creerebbe valore economico.

Gli stanziamenti federali possono anche integrare risorse oltre a quelle dedicate alla ricerca di singole malattie croniche. Oggi c’è una specie di problema del “colpire una talpa”: vengono compiuti sforzi eroici per salvare un paziente da malattie cardiache, solo perché muoia di cancro pochi anni dopo; se misure eroiche respingono il cancro, il paziente soccombe alla demenza. Anche se dovremmo certamente continuare a investire nella ricerca sul diabete, sulle malattie cardiovascolari e neurodegenerative e sul cancro, dovremmo investire una piccola parte dei miliardi di dollari destinati alla Guerra al Diabete, alla Guerra all’obesità, alla Guerra all’Alzheimer e alla Guerra. sul cancro, in modi per ritardare o addirittura invertire l’invecchiamento biologico e quindi prevenire o ritardare tutte o alcune di queste malattie croniche.

Dr. Alex Zhavoronkov: Cos’è la metabesità e qual è la storia dietro di essa?

Dr. Alexander Fleming: Ho coniato la parola “Metabesità”, intorno al 2013, per nominare la costellazione delle malattie croniche legate all’età, dal diabete alle malattie cardiovascolari e neurodegenerative al cancro al processo di invecchiamento stesso, tutte con radici metaboliche condivise, che quindi possono essere mirate insieme a soluzioni comuni. L’intento di nominare questo obiettivo era incoraggiare uno sforzo concertato per investire e ottenere soluzioni per prevenire molteplici malattie e non aspettare per gestirle. La metabesità a volte viene confusa con la sindrome metabolica e l’obesità, che sono i driver di Metabesity ma lungi dall’essere gli unici driver. La geroscienza emergente mi ha convinto che dopo i grandi successi della medicina contro le malattie e le condizioni acute la prossima frontiera potrebbe essere la prevenzione delle malattie e delle disabilità legate all’età croniche. Questa è una passione su cui voglio concentrare il resto della mia vita professionale. Intorno al 2016, il mio co-presidente, Larry Steinman, co-scopritore del farmaco per la SM Tysabri e di molte altre terapie ed ex capo di lunga data del programma di immunologia di Stanford, e ho organizzato una conferenza su questo tema motivante. La nostra conferenza inaugurale si è tenuta a Londra nell’ottobre 2017, dall’altra parte della strada rispetto allo stadio di Wembley a Londra. Alex, tu c’eri e hai lasciato un segno, insieme ad altri leader di varie discipline. Abbiamo tenuto la prossima conferenza presso la Carnegie Institution for Science a Washington, DC nell’ottobre 2019, ed eccoci qui, come conferenza virtuale nell’ottobre 2020 a causa della pandemia. Questo è stato un co-scopritore del farmaco per la SM Tysabri e di molte altre terapie ed ex capo di lunga data del programma di immunologia di Stanford, e ho organizzato una conferenza su questo tema motivante. La nostra conferenza inaugurale si è tenuta a Londra nell’ottobre 2017, dall’altra parte della strada rispetto allo stadio di Wembley a Londra. Alex, tu c’eri e hai lasciato un segno, insieme ad altri leader di varie discipline. Abbiamo tenuto la prossima conferenza presso la Carnegie Institution for Science a Washington, DC, nell’ottobre 2019, ed eccoci qui, come conferenza virtuale nell’ottobre 2020 a causa della pandemia. Questo è stato un co-scopritore del farmaco per la SM Tysabri e di molte altre terapie ed ex capo di lunga data del programma di immunologia di Stanford, e ho organizzato una conferenza su questo tema motivante. La nostra conferenza inaugurale si è tenuta a Londra nell’ottobre 2017, dall’altra parte della strada rispetto allo stadio di Wembley a Londra. Alex, tu c’eri e hai lasciato un segno, insieme ad altri leader di varie discipline. Abbiamo tenuto la prossima conferenza presso la Carnegie Institution for Science a Washington, DC, nell’ottobre 2019, ed eccoci qui ora, come conferenza virtuale nell’ottobre 2020 a causa della pandemia. Questo è stato un tu eri lì e hai lasciato un segno, insieme ad altri leader di varie discipline. Abbiamo tenuto la prossima conferenza presso la Carnegie Institution for Science a Washington, DC, nell’ottobre 2019, ed eccoci qui ora, come conferenza virtuale nell’ottobre 2020 a causa della pandemia. Questo è stato un tu eri lì e hai lasciato un segno, insieme ad altri leader di varie discipline. Abbiamo tenuto la prossima conferenza presso la Carnegie Institution for Science a Washington, DC, nell’ottobre 2019, ed eccoci qui, come conferenza virtuale nell’ottobre 2020 a causa della pandemia. Questo è stato unpro bono labour of love e le perdite sono state coperte dalla nostra società di consulenza strategica per lo sviluppo clinico e normativo, Kinexum. Quest’anno, abbiamo istituito il Kitalys Institute senza scopo di lucro per assumere l’organizzazione delle future conferenze Metabesity e supportare altre iniziative volte a sostenere una sana longevità.

Dr. Alex Zhavoronkov: Ho deciso di dedicare la mia vita alla ricerca sull’invecchiamento e alla biotecnologia della longevità quasi 20 anni fa e allora era un luogo molto arido. C’erano solo pochi scienziati da seguire, poche aziende e decisamente meno finanziamenti. Tuttavia, negli ultimi dieci anni, la situazione sembra essere cambiata radicalmente. Anche le case farmaceutiche stanno guardando da vicino l’invecchiamento. Quale pensi sia stato il principale catalizzatore di questa accelerazione? Secondo te, quali sono le principali scoperte fatte negli ultimi anni che aiuteranno a guidare l’ecosistema della longevità?

Thomas Seoh:Non sono uno storico della geroscienza, ma certamente importanti traguardi scientifici e tecnologici hanno creato un crescente senso di eccitazione – dalla scoperta che la durata della vita di diverse specie, dal lievito ai vermi ai roditori, potrebbe essere estesa da un intervento genetico e molecolare. Altre pietre miliari includono la dimostrazione che un vecchio topo che condivide un sistema circolatorio con un topo giovane ringiovanisce mentre il topo più giovane invecchia, la riprogrammazione di cellule mature in cellule giovani e pluripotenti utilizzando fattori Yamanaka e la scoperta di orologi biologici epigenetici e altri biomarcatori dell’invecchiamento . Accelerare i progressi nella biologia molecolare, cellulare e dei sistemi, potenziati dai big data e dall’intelligenza artificiale, il tuo campo di competenza, Alex, in cui hai dato contributi sostanziali, indicano che le scoperte sulla geroscienza continueranno a crescere in modo esplosivo nel prossimo futuro. La piccola città in cui sei arrivato 20 anni fa sta ora crescendo in modo esplosivo in una megalopoli.

Dr. Alex Zhavoronkov: Ho partecipato al recente panel che hai organizzato con la FDA e l’NIH sulle questioni normative relative agli orologi dell’invecchiamento biologico. Una delle domande riguardava le barriere all’uso degli orologi dell’invecchiamento profondo sviluppati utilizzando l’intelligenza artificiale negli studi clinici. E sono rimasto molto sorpreso quando il dottor Robert Temple della FDA ha detto che ci sono meno barriere di quanto pensiamo e che l’introduzione di tali orologi potrebbe non complicare eccessivamente il processo o metterlo a rischio. Puoi approfondire questo tema e il futuro degli orologi che invecchiano negli studi clinici?

Thomas Seoh: Quella discussione tra il preminente leader del pensiero Bob Temple della FDA e alcuni dei massimi esperti di orologi biologici e altri biomarcatori dell’invecchiamento era davvero chiarente, e un importante inizio di uno “scambio culturale” tra gli scienziati innovatori e le autorità di regolamentazione. In primo luogo, dovremmo spiegare che gli orologi biologici e altri biomarcatori dell’invecchiamento misurano valori biochimici e altri valori biometrici per stimare un’età biologica che può essere più indicativa della salute e della durata della vita che un individuo può avere lasciato rispetto alla sua età cronologica – sappiamo tutti persone che sembrano giovani e ben conservati per la loro età, o che sembrano più vecchi e fragili oltre i loro anni. È importante riconoscere una distinzione in ciò che ha detto il dottor Temple: gli andava bene, anzi era molto favorevole a, come strumenti come gli orologi biologici e altri biomarcatori dell’invecchiamento potrebbero essere utilizzati per informare la selezione di farmaci candidati, arricchire le popolazioni di studi clinici, generare ipotesi per testare se i benefici clinici potrebbero essere dimostrati, ecc. Ma un ruolo critico gli sviluppatori di interventi contro l’invecchiamento biologico bramano i biomarcatori devono essere “promossi” in marcatori surrogati o endpoint registrabili che possono essere la base per l’approvazione delle terapie per il mercato. Questo è importante perché in assenza di biomarcatori, sarebbe necessario dimostrare l’effettivo beneficio clinico; per una terapia che pretende di prolungare la durata della vita, una sperimentazione clinica dovrebbe dimostrare, ad esempio, che coloro che hanno partecipato all’intervento hanno vissuto più a lungo rispetto ai controlli, il che potrebbe richiedere anni per completare tale sperimentazione. E qui, il dottor Temple ha osservato che storicamente, ci sono voluti decenni di consenso scientifico e medico emergente per elevare biomarcatori come la pressione sanguigna, il colesterolo, l’emoglobina A1c o la carica virale a marker surrogati o endpoint registrabili ritenuti sufficientemente predittivi di infarto, ictus, diabete o AIDS da servire come base per l’approvazione. Quindi stava dicendo di usare orologi biologici e altri biomarcatori dell’invecchiamento, tuttavia possono essere considerati utili indicazioni per lo sviluppo del prodotto. Tuttavia, per ottenere l’approvazione normativa, sono necessari studi clinici sufficientemente lunghi e ampi per dimostrare il beneficio clinico di un intervento (come una migliore funzionalità o una maggiore sopravvivenza). Questi studi sui risultati possono essere utilizzati per convalidare i biomarcatori come predittivi di tale beneficio clinico in modo che possano diventare la base per l’approvazione di interventi futuri.

Dr. Alex Zhavoronkov: Secondo lei , perché il processo resTORbio sui rapalogs è fallito? Avrebbero potuto fare di meglio se avessero usato orologi che invecchiano?

Dr Alexander Fleming: Lo studio resTORbio ha fallito sull’endpoint primario della percentuale di soggetti con malattia respiratoria clinicamente sintomatica. Tuttavia, dimostrare i benefici sui sintomi è un limite molto alto, se non irragionevole, per uno studio iniziale di fase 3 per una terapia di prima classe e di indicazione. Lo studio ha effettivamente mostrato alcuni risultati incoraggianti e ci sono buone ragioni per perseguire lo sviluppo nelle popolazioni ad alto rischio. COVID-19 potrebbe fornire questa opportunità.

L’utilizzo di un orologio di invecchiamento profondo non avrebbe alterato il risultato normativo, ovvero che lo studio non è riuscito a soddisfare gli endpoint primari. Tuttavia, i dati dell’orologio di invecchiamento profondo potrebbero aiutare a generare ipotesi su sottogruppi reattivi o altri fattori da testare in ulteriori prove. Ancora una volta, l’obiettivo del campo, cercare l’approvazione se un intervento ha spostato l’ago nella misura richiesta sull’orologio, rimane distante, secondo Bob Temple, fino a quando l’orologio non è stato “ convalidato ” da prove che dimostrano il concordato e richiesto clinico benefici.

Dr. Alex Zhavoronkov: E la mia ultima domanda. Mi hai invitato per la prima volta a parlare al Metabesity London nel 2017. E nonostante l’evento fosse piuttosto piccolo, il livello degli oratori era sbalorditivo. Aveva Tomas Olssen, il presidente dell’Assemblea Nobel che seleziona i destinatari del Premio Nobel per la Medicina e la Fisiologia, signore. John Bell, uno dei medici-scienziati canadesi più famosi al mondo, alti dirigenti del National Health Services del Regno Unito, National Institute for Health and Care Excellence e altri funzionari governativi e grandi dirigenti farmaceutici. Come riesci a convincere questo livello di relatori a presentare alla conferenza? Presumo che non si possa semplicemente richiamarli? Qual è il tuo segreto?

Thomas Seoh: In realtà, è così semplice, chiediamo loro, ma la salsa segreta è la portata e la qualità delle connessioni dei co-presidenti Larry Steinman, un membro della National Academy of Sciences, e Zan, con il suo profondo controllo clinico e collegamenti. Inoltre, un paio di caratteristiche distintive delle nostre conferenze Metabesity sono che (i) come si dice che Steven Spielberg abbia iniziato a fare film che voleva vedere, organizziamo conferenze a cui vogliamo partecipare; e (ii) cerchiamo di evitare che sia una parata di conferenze dal podio – proviamo a mettere insieme una sala da pranzo composta da leader di varie discipline, piuttosto che mettere su un concerto di musica. Quindi, come un esempio tra i tanti di una sessione che non vedo davvero l’ora di Metabesity 2020, c’è una sessione nel percorso sullo stile di vita sull’esercizio dal titolo Perché l’esercizio geroprotettivo? Molecular and Evolutionary Perspectives con il geroscienziato Tom Rando (un collega di Stanford di Larry Steinman) e il biologo evoluzionista e antropologo culturale Dan Lieberman di Harvard (che ho sentito alla mia riunione del 25 ° college), moderato da Judy Foreman, giornalista scientifica di lunga data e autrice di Exercise is Medicina (reclutata da Adriane Berg, Direttore Esecutivo dell’Istituto Kitalys, dalla sua rete molto ampia). Penso che si sia sparsa la voce che abbiamo allestito un salone per la cena perspicace, importante ma divertentea Metabesity, e un certo numero di relatori vogliono venire a chattare con altri oratori e il nostro pubblico sofisticato. Sai, ci sono conferenze su come la durata della vita umana potrebbe essere estesa a secoli e quelle su come fare soldi investendo nello spazio della longevità; la nostra “corsia” distinta sta traducendo la scienza emergente in vantaggi materiali e accessibili per la salute pubblica. Questo inizia con la traduzione clinica, ma si estende a sfide scoraggianti nei settori commerciale, delle politiche pubbliche, della pratica sanitaria e del comportamento dei consumatori. Per trovare soluzioni pratiche è necessario riunire un insieme ampio e diversificato di persone intelligenti e impegnate attraverso quelli che sono tradizionalmente argomenti o silos funzionali, e questo lo rende fresco ed entusiasmante per i relatori e i partecipanti.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi