Home / Economia / Cosa significa l’ascesa di Andy Jassy a CEO per le iniziative AI di Amazon

Cosa significa l’ascesa di Andy Jassy a CEO per le iniziative AI di Amazon

Questa settimana, Jeff Bezos ha annunciato che lascerà la carica di CEO di Amazon e passerà a un ruolo di presidente esecutivo durante il terzo trimestre di quest’anno. Il CEO di Amazon Web Services (AWS) Andy Jassy prenderà il suo posto, a capo di una società attualmente valutata intorno a $ 1,6 trilioni.

Jassy, ​​che è entrato a far parte di Amazon nel 1997 e ha guidato AWS sin dal suo inizio nel 2003, ritiene che la decisione di Amazon di raddoppiare l’intelligenza artificiale lo abbia differenziato dalla concorrenza. A maggio 2020, Gartner ha classificato AWS come leader del settore in termini di visione e capacità di eseguire servizi per sviluppatori AI. Oltre ad AWS, i consigli sui prodotti su Amazon sono basati sull’intelligenza artificiale, nonché su Alexa, Prime Air, Amazon Go e sui percorsi di selezione utilizzati nei centri di distribuzione per trovare prodotti ed evadere gli ordini.

Quindi in che modo l’elevazione di Jassy a CEO potrebbe influire sulle iniziative AI di Amazon? Le interviste degli ultimi anni suggeriscono che Jassy è entusiasta dei servizi cloud su misura per le esigenze dei professionisti del machine learning, in particolare per le applicazioni aziendali di grandi dimensioni. Controverso, Jassy ha anche affermato che i clienti, non la stessa Amazon, sono responsabili del contenimento del loro utilizzo di tecnologie AI potenzialmente problematiche come il riconoscimento facciale.

In una conversazione con Silicon Angle a dicembre, Jassy ha affermato di aspettarsi che la maggior parte delle applicazioni venga infusa con AI nei prossimi 5-10 anni. Pur sostenendo l’idea di rivolgersi a professionisti esperti di machine learning che sappiano come addestrare, mettere a punto e distribuire modelli di intelligenza artificiale, afferma che AWS, più di rivali come Google Cloud Platform e Microsoft Azure, ha mirato a “democratizzare” la scienza dei dati tramite abbassando le barriere all’ingresso.

“Semplicemente non ci sono così tanti professionisti esperti di machine learning. E quindi non diventa mai esteso nella maggior parte delle aziende se non si semplifica l’utilizzo del machine learning per sviluppatori e data scientist di tutti i giorni “, ha detto Jassy a Silicon Angle. Ha sottolineato l’importanza dei servizi di intelligenza artificiale “di primo livello” che trascrivono audio, traducono testo e altro tramite API, senza richiedere ai clienti di sviluppare modelli personalizzati. Ma ha detto che la cosa più importante che Amazon ha fatto per rendere l’AI più accessibile è la creazione di servizi completamente gestiti.

“Le aziende hanno così tanti dati che desiderano utilizzare algoritmi predittivi per ottenere valore aggiunto”, ha affermato Jassy durante un discorso alla conferenza Goldman Sachs Technology and Internet a San Francisco lo scorso febbraio.

SageMaker è un esempio di questi servizi completamente gestiti. Lanciato nel 2016, è progettato per consentire agli sviluppatori di creare, testare e mantenere modelli di intelligenza artificiale da un unico dashboard. Amazon afferma che SageMaker, che ha acquisito nove nuove funzionalità a dicembre, dopo il lancio di SageMaker Studio , un ambiente di sviluppo integrato per l’apprendimento automatico, ha ora decine di migliaia di clienti.

È una scommessa sicura che gli investimenti in servizi affini e complementari a SageMaker accelereranno con Jassy al timone. Così, molto probabilmente, sarà anche la creazione di strumenti di backend che Amazon utilizza per risolvere sfide come l’analisi delle chiamate.

“Come ha detto Clay Christensen, autore di The Innovator’s Dilemma … le persone assumono prodotti e servizi per svolgere un lavoro. A loro non importa davvero cosa fai sotto le coperte, ma assumono un prodotto per fare un lavoro “, ha detto Jassy a Silicon Angle. “[Alcune persone] in realtà non vogliono assumere [esperti] di machine learning. Vogliono avere un modo più semplice per ottenere analisi automatiche delle chiamate su tutte le loro chiamate … E quello che stiamo scoprendo è che stiamo usando sempre più l’apprendimento automatico come fonte per portare a termine quei lavori, ma senza che le persone necessariamente sappiano che è quello che stiamo facendo dietro le quinte. “

Questo lavoro potrebbe essere di natura controversa. In un’intervista alla Code Conference 2019 di Recode , Jassy ha difeso il servizio di riconoscimento facciale dell’azienda, Rekognition, chiedendo al governo federale di introdurre linee guida nazionali. (Nel settembre 2019, Recode ha riferito che Amazon stava scrivendo le proprie leggi sul riconoscimento facciale da presentare ai legislatori.) “Solo perché la tecnologia potrebbe essere utilizzata in modo improprio non significa che dovremmo vietarla e condannarla”, ha detto, aggiungendo che Amazon avrebbe fornito la sua tecnologia di riconoscimento facciale ai governi, ad eccezione di quelli che violano la legge o violano le libertà civili.

L’anno scorso, Amazon ha dichiarato l’ interruzione della vendita del riconoscimento facciale ai dipartimenti di polizia per 12 mesi, ma non ha necessariamente esteso tale restrizione alle forze dell’ordine federali. Prima della moratoria, la società avrebbe tentato di vendere la sua tecnologia di riconoscimento facciale all’Immigration and Customs Enforcement (ICE) degli Stati Uniti e la polizia di Orlando, in Florida e in altre città lo ha processato.

Un certo numero di accademici ha definito la posizione di Jassy sulla tecnologia di riconoscimento facciale, che è in contrasto con quella di molti azionisti di Amazon , problematica nella migliore delle ipotesi. Anima Anandkumar, il principale scienziato per l’intelligenza artificiale di Amazon, ha dichiarato a PBS Frontline che il riconoscimento facciale non è ” testato in battaglia ” per funzionare nei tipi di condizioni difficili in cui le forze dell’ordine potrebbero usarlo (ad esempio, con scarsa illuminazione, granuloso, o immagini di bassa qualità). E risalente al 2018, i ricercatori di intelligenza artificiale Joy Buolamwini, Timnit Gebru e Deborah Raji hanno scoperto che i software di riconoscimento facciale di aziende come Amazon funzionano meglio per gli uomini bianchi e peggio per le donne con la pelle scura. Amazon ha respinto pubblicamente il loro lavoro coautore, il progetto Gender Shades .

Data questa storia, sembra improbabile che Jassy estenda la moratoria sulle vendite di riconoscimento facciale quando scade a luglio. È anche improbabile che riduca i rapporti con le forze dell’ordine che Ring, la divisione di casa intelligente di Amazon, ha promosso dalla sua acquisizione da parte di Amazon nel 2018. Secondo quanto riferito, Ring ha collaborato con oltre 2.000 corpi di polizia e vigili del fuoco negli Stati Uniti a partire dal 2015, quando Ring lasciò il Il dipartimento di polizia di Los Angeles verifica come le riprese dalla porta d’ingresso possano ridurre i crimini contro la proprietà.

Gruppi di difesa come Fight for the Future e Electronic Frontier Foundation hanno accusato Ring di utilizzare le sue telecamere e l’app Neighbors (che fornisce avvisi di sicurezza) per costruire una rete di sorveglianza privata tramite queste partnership. La Electronic Frontier Foundation, in particolare, ha scelto Ring per strategie di marketing che alimentano la paura e promuovono un “circolo vizioso” che stimola la vendita e per “[facilitare] la segnalazione del cosiddetto comportamento ‘sospetto’ che in realtà equivale a profilazione razziale”.

“Non abbiamo un gran numero di dipartimenti di polizia che utilizzano la nostra tecnologia di riconoscimento facciale e, come ho detto, non abbiamo mai ricevuto lamentele per uso improprio. Vediamo se in qualche modo abusano della tecnologia – non l’hanno fatto “, ha detto Jassy a PBS Frontline in un’intervista del 2020. “E presumere che lo faranno e quindi non dovresti consentire loro di avere accesso alla tecnologia più sofisticata là fuori non mi sembra il giusto equilibrio”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi