Home / Economia / Databricks raccoglie 1,6 miliardi di dollari nel secondo round di finanziamento

Databricks raccoglie 1,6 miliardi di dollari nel secondo round di finanziamento

La società di dati basata sull’intelligenza artificiale Databricks ha raccolto il suo secondo round di finanziamento da un miliardo di dollari dell’anno, superando la sua valutazione di 10 miliardi di dollari.

La startup con sede a San Francisco ha annunciato martedì di aver raccolto $ 1,6 miliardi con una valutazione di $ 38 miliardi in un round di serie H guidato da Morgan Stanley. Baillie Gifford, ClearBridge Investments e l’ufficio investimenti dell’Università della California completano i nuovi finanziatori. “In un certo senso, diventiamo pubblici sei mesi alla volta”, afferma il cofondatore e CEO Ali Ghodsi , alludendo al recente corteggiamento di Databricks con i grandi gestori di fondi, che più spesso investono denaro in società pubbliche rispetto alle startup. A febbraio, ha raccolto $ 1 miliardo da investitori di capitale non di rischio, tra cui Franklin Templeton e Fidelity. Ghodsi, che ha detto a Forbes all’inizio di quest’anno che Databricks è pronta per l’IPO, afferma che il nuovo finanziamento non ha alcun impatto sulla sua tempistica per diventare pubblico, anche se ha rifiutato di condividere ulteriori dettagli sul programma.

Le discussioni sul nuovo finanziamento sono state riportate per la prima volta da Bloomberg all’inizio di questo mese. Forbes stima che Ghodsi ora valga $ 1,8 miliardi e due cofondatori, il presidente esecutivo Ion Stoica e il capo tecnologo Matei Zaharia, sono anche miliardari in base alle loro partecipazioni nella società.

Con il nuovo finanziamento  Databricks  rafforzerà il software di dati ‘lakehouse’ con l’aggiunta di nuove funzioni di sicurezza e di governance, Ghodsi dice. Databricks prevede di avere più di 3.000 dipendenti entro la fine dell’anno, il che significa una serie di 700 nuove assunzioni nei prossimi quattro mesi, per raddoppiare le vendite, il marketing e gli sforzi di ricerca e sviluppo, afferma.

La Lakehouse combina elementi di data warehouse (dati strutturati costosi utilizzati per l’analisi) con data lake (repository di dati grezzi economici). Databricks ha un vantaggio nello spazio, grazie al background dei suoi fondatori, sette ricercatori dell’UC Berkeley che hanno creato Spark , lo strumento di elaborazione dati predittiva al centro del software di intelligenza artificiale di Databricks che sfrutta i dati nel cloud per prevedere previsioni e scoprire approfondimenti sull’attività di un’azienda. Il gigante petrolifero Shell utilizza il software per prevedere quando è probabile che le sue piattaforme petrolifere si rompano, mentre l’azienda farmaceutica AstraZeneca lo utilizza come sistema di raccomandazione per aiutare gli scienziati a scegliere i migliori siti target per potenziali farmaci.


Ghodsi parla con una ritrovata fiducia che Databricks abbia affermato la casa sul lago come categoria, indicando l’uso diffuso del termine da parte di colossi del cloud come Amazon e startup in crescita come Fivetran e Dremio, l’ultima delle quali ora si commercializza sul suo sito web come una “casa sul lago”. piattaforma.” Il mercato è esploso negli ultimi sei-sette mesi, dice, con più aziende al di fuori della Silicon Valley come AT&T e McDonald’s che hanno adottato l’approccio. Le entrate ricorrenti annuali della società sono ora superiori a $ 600 milioni, afferma Ghodsi, rispetto ai $ 425 milioni al momento del precedente round di finanziamento solo sette mesi fa. Dice che Databricks sta crescendo a un tasso annuo del 75%, con la sua attività europea più che raddoppiata quest’anno.

Per ampliare la sua portata internazionale, Databricks ha anche annunciato di aver assunto Andy Kofoid, dirigente di Salesforce di lunga data, che di recente è stato presidente delle operazioni nordamericane del gigante del software. L’assunzione segue quella di Fermin Serna come chief security officer all’inizio di questo mese, segnalando un aumento del team esecutivo comunemente visto nelle startup che si preparano per un elenco pubblico. Kofoid diventerà presidente delle operazioni sul campo globali di Databricks. “Ha appena gestito un’attività di oltre $ 10 miliardi all’anno, quindi è abituato a quella scala enorme, che pensiamo di vedere in un futuro non troppo lontano”, afferma Ghodsi, che confronta la posizione della sua azienda con quella di Salesforce due decenni fa, quando ha effettivamente creato l’ormai onnipresente categoria software-as-a-service.

 
Per raggiungere un tale obiettivo di $ 10 miliardi di entrate sarà necessario che Databricks non solo mantenga la sua pole position tra i fornitori di case sul lago, ma anche prevalga su soluzioni di dati alternative, come i data warehouse cloud offerti da concorrenti come Snowflake. “C’è questa categoria di big data warehouse e penso che vedano la scritta sul muro che questa categoria di case sul lago probabilmente sostituirà i data warehouse e probabilmente non saranno tra un decennio”, afferma Ghodsi. Snowflake, nel frattempo, sta espandendo i propri strumenti di intelligenza artificiale nel tentativo di ampliare il proprio mercato indirizzabile.

Ghodsi afferma di non essere preoccupato per i fornitori di data center on-premise come Cisco e Dell , che potrebbero riguadagnare terreno man mano che le aziende diventano ansiose per l’aumento dei costi del cloud. Non si aspetta di vedere un allontanamento su larga scala dal cloud: “Sarebbe un passo indietro in termini di innovazione”. Invece, pensa che le aziende negozieranno i provider cloud tra cui Amazon Web Services, Microsoft Azure e Google Cloud l’uno contro l’altro. Aziende come Databricks e Snowflake, afferma, ne trarranno vantaggio perché il loro software funziona su qualsiasi piattaforma cloud, offrendo alle aziende la flessibilità di passare da un fornitore all’altro.

Databricks sta andando avanti a tutta velocità con le sue prime scommesse sull’intelligenza artificiale e un focus esclusivo sul cloud. Entrambe le decisioni hanno dato i suoi frutti poiché la pandemia ha dato impulso alla trasformazione digitale in tutte le imprese. “C’è un’accelerazione del futuro che è avvenuta”, dice Ghodsi. “Le cose saranno automatizzate, ci sarà molto da fare con l’apprendimento automatico”. L’entusiasmo dei clienti è forse eguagliato solo dagli investitori. Ghodsi afferma che Databricks avrebbe potuto aumentare la sua valutazione ben oltre i 38 miliardi di dollari, ma ha optato per “lasciare un po’ di soldi sul tavolo” per aumentare i potenziali rendimenti per i suoi nuovi investitori, che probabilmente saranno partner a lungo termine. “Francamente, non ci costa così tanto”, dice Ghodsi.

 

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi