Home / curiosità / Dynamic Yield la storia di una azienda non AI etichettata come Intelligenza artificiale

Dynamic Yield la storia di una azienda non AI etichettata come Intelligenza artificiale


Come un’intelligente IA ha arricchito gli investitori, ingannato i media e confuso l’inferno con il resto di noi

Quando McDonalds stava comprando da Isreale la “società di Intelligenza Artificiale” Dynamic Yield a $ 300 milioni, il direttore di Wired in capo Nicholas Thompson ha previsto che la vendita sarebbe stata ricordata come il “picco AI della campagna pubblicitaria” o “il giorno in cui i big data fanno risparmiare sul Big Mac “.

Come ex dipendente di Dynamic Yield, penso che il tempo gli darà ragione su entrambi i fronti. Se la tecnologia e il talento vengono implementati correttamente, Dynamic Yield può ripagarsi molte volte aiutando McDonald a comprendere meglio i propri clienti. Nulla di ciò sarà dovuto all’intelligenza artificiale. Eppure nei miei due anni all’avvio, i giornalisti, gli analisti e talvolta anche i clienti sembravano determinati a chiamarci un’azienda di intelligenza artificiale. Per un po ‘abbiamo resistito all’etichetta AI, comprendendo che la nostra piattaforma non avrebbe fatto sudare Watson in qualsiasi momento. Ma alla fine, ci siamo arresi e abbiamo appena deciso di andare d’accordo con l’esagerazione. Il mercato voleva che fossimo un’azienda di intelligenza artificiale, quindi ridacchiavamo e decidemmo di chiamarci.

Dynamic Yield è presente nella categoria altamente personalizzabile dei fornitori di “personalizzazione” di venture-backed, che utilizzano una combinazione di informazioni contestuali e azioni precedenti dell’utente per cercare di creare l’esperienza utente più pertinente. Per fare ciò, è necessaria una piattaforma a architettura aperta in grado di gestire enormi quantità di dati e aiutare le aziende a utilizzare questi dati per testare rapidamente ciò che risuona con un determinato utente. Per McDonalds, questo aiuterà a dare energia a tutto quanto è basilare come raccomandare un McFlurry in un soleggiato pomeriggio di agosto a offrire un’offerta personalizzata per invogliare un cliente fedele che ha passato tre settimane senza concedersi un Egg McMuffin.

Siamo stati la startup perfetta in quanto eravamo sempre leggermente migliori della concorrenza nel risolvere il problema davvero noioso e onnipresente della gestione dei dati per la personalizzazione. Non è banale; a livello aziendale, ciò equivale a decine di milioni di dollari. Apparentemente, è anche ciò che passa per l’intelligenza artificiale in questi giorni.

In questo modo, Dynamic Yield fa parte di una generazione di aziende la cui tecnologia principale, sebbene estremamente utile, è alimentata da intelligenza artificiale che è all’incirca equivalente a un analista di 24 anni di Goldman Sachs con un grande set di dati e poche righe di Adderall. Negli ultimi anni, le startup hanno rimproverato spudoratamente algoritmi di apprendimento automatico della macchina come l’alba della singolarità, aiutati da investitori e analisti che hanno interesse a costruire il clamore. Benvenuti nel complesso di cazzate-intelligenza artificiale.

La caratteristica principale di un complesso industriale BS è che ogni membro dell’ecosistema conosce la sciarada, ma è incentivato a continuare a spalare. Non è così tanto che raggiungiamo un punto in cui ci convinciamo che le nostre cazzate sono vere; è che la differenza tra verità e cazzate è diventata puramente semantica. La definizione di qualcosa, come l’intelligenza artificiale, diventa così confusa che qualsiasi applicazione del termine diventa difendibile.

Analizziamo i componenti chiave:

I marketers sanno che sono cazzate. A un certo punto, probabilmente è iniziato in modo abbastanza innocente: un abile venditore di prodotti, cercando di differenziare una tecnologia che anche tre dei suoi concorrenti stavano vendendo, probabilmente iniziò dichiarando che il suo strumento di cattura della posta elettronica era alimentato dalle lacrime del drago. Quando ciò fallì, disse che era alimentato dall’intelligenza artificiale. La settimana successiva, le soluzioni di gestione delle relazioni con i clienti sono diventate AI, poi piattaforme di vendita e infine … bodegas . Poi è diventato un problema dal lato della domanda. Le richieste di proposta hanno iniziato a chiedersi in che modo i venditori di tecnologia “sfruttano l’intelligenza artificiale” mentre gli investitori hanno iniziato a indagare su come l’integrazione dell’intelligenza artificiale su scala ridurrebbe il tasso di abbandono.

Se è utile per le aziende spargere un po ‘di sex appeal e marcare questo come “AI”, non c’è alcun incentivo a fermarsi
Questo ha da tempo superato i suoi estremi logici. Nei comunicati stampa, Feedvisor, uno strumento di analisi dei prezzi per i marchi che vendono su Amazon, si impone come “azienda di intelligenza artificiale, machine-learning e big data”. Questo è comicamente pieno di parole d’ordine, ma ai fini della SEO e la stampa di livello inferiore, immagino sia piuttosto efficace. Mentre ho esplicitamente preso la decisione al mio attuale avvio per smantellare l’intelligenza artificiale da tutto il marchio, mi immedesimo in coloro che si sentono costretti a giocare. Se il mercato ti sta implorando di essere una compagnia di intelligenza artificiale, è una battaglia in salita per cercare di dire che sei altro.

Gli investitori sanno che sono una cazzata. Quando i venture capitalist dicono che stanno cercando di aggiungere “AI companies” al loro portafoglio, quello che vogliono veramente è un fossato tecnologico costruito attorno all’accesso a dati di valore unico. Se è vantaggioso per le aziende spargere un po ‘di sex appeal e etichettarlo come “AI”, non c’è alcun incentivo a impedirgli di farlo.

Gli esperti sanno che sono cazzate. Prima di tutto, scusate in anticipo con Anand Sanwal, fondatore e CEO di CB Insights, che probabilmente obietterà di essere chiamato un esperto. Tuttavia, la lista ” AI 100″ della sua compagnia è una delle più grandi forme d’arte del covo industriale.

Per quanto riguarda il contesto, CB Insights ha creato il marchio principale nel settore B2B grazie alla sua genuinità. La società richiama esplicitamente la saggezza vuota espressa dai leader del pensiero, dagli investitori e dai consulenti, ma anche non è al di sopra occasionale assecondare il mercato per far avanzare i suoi obiettivi di business.

Quando lavoravo a Dynamic Yield, ho compilato l’applicazione che ci ha messo alla fine nella versione 2018 della AI 100. Come quasi ogni altra domanda di premio, era un esercizio di teatro dell’innovazione. All’inizio, ho pensato che fosse una risata risibile, ma quando ho iniziato a guardare i vincitori degli ultimi anni, una pericolosa “sfida accettata” di Neil Patrick Harris mi è balzata alla testa. Il resto è storia.

Circa un mese dopo essere apparsi su AI 100, un analista di Juniper Research ha contattato e chiesto di saperne di più su come stavamo usando “l’intelligenza artificiale per trasformare il marketing e ridurre la frode pubblicitaria”. Gli ho dato una dimostrazione approfondita del nostro piattaforma e casi di clienti in diretta, camminando attraverso ogni capacità senza menzionare AI La settimana successiva, siamo stati elencati nella sua relazione come una delle prime cinque aziende nel settore AI, accanto a Alphabet, IBM, Facebook e Salesforce.

I giornalisti conoscono le sue cazzate. Due anni fa, TechCrunch ha detto che l’ intelligenza artificiale è diventata un termine privo di significato , l’equivalente tecnologico di “tutto naturale”. Eppure ogni altro annuncio di finanziamento di TechCrunch introduce una startup che sta usando l’intelligenza artificiale per trasformare il paradigma dell’industria scelta.

La stampa è in una situazione difficile qui. I consumatori chiedono a gran voce quali sono i più recenti sviluppi dell’intelligenza artificiale, ma c’è una verità oggettiva minima intorno a ciò che è e non è AI

Per aiutare a contenere la diffusione della disinformazione, propongo che tutti i giornalisti seguano il test “Theranos AI”. Nel suo profilo newyorkese , Elizabeth Holmes ha descritto la tecnologia di analisi del sangue centrale di Theranos come un processo in cui: “Una chimica viene eseguita in modo che si verifichi una reazione chimica e genera un segnale dall’interazione chimica con il campione, che viene tradotto in un risultato, che viene quindi esaminato da personale di laboratorio certificato. “

Se un fondatore suona qualcosa di lontanamente come questo che descrive la sua intelligenza artificiale, chiedile di riprovare.

I tecnologi sanno che sono cazzate. Stufo della nebbia che i marketer hanno creato, hanno semplicemente abbandonato l’intelligenza artificiale e si sono trasferiti a un nuovo termine chiamato ” intelligenza artificiale generale “. Ogni tanto un accademico chiama le sciocchezze, ma fa ben poco per spostare lo spirito del tempo . Più spesso, i veri fanatici ignorano il rumore e costruiscono il futuro.

Con gli incentivi di tutti i giocatori più o meno perfettamente allineati, le condizioni sono perfette perché un volano di cazzate giri più veloce di quanto possa colpire il ventilatore.

Allora, perché dovrebbe importare qualcuno? Se la cazzata-complesso industriale guida la crescita, perché intervenire per motivi di chiarezza intellettuale?

Per quelli di noi che si aggrappano alla convinzione che non siamo irrimediabilmente in balia del cambiamento tecnologico, queste distinzioni sono fondamentalmente importanti. La speranza presidenziale Andrew Yang ha in gran parte costruito la sua campagna intorno alla costruzione di un’America che possa prosperare in un mondo post-AI , ma se AI è un termine generico usato in modo intercambiabile per indicare qualsiasi cosa, dall’automazione di base alla tecnologia pubblicitaria, qual è esattamente la minaccia? Il futuro può essere modellato da una politica governativa intelligente, se sappiamo a cosa stiamo legiferando.

La politica della tecnologia spesso esiste al di fuori dei soliti binari della politica americana. Nel 2016, un ampio ambito di accordi bipartisan era che il settore tecnologico era un tesoro nazionale che dovrebbe essere libero dalla regolamentazione governativa. Nel 2020, il solo sentimento bipartisan potrebbe essere che i monopoli tecnologici rappresentano una minaccia per la concorrenza, la crescita e la sicurezza nazionale e devono essere sciolti. Per quanto riguarda la tecnologia, i politici hanno opinioni forti, liberamente condivise.

Tuttavia, il vuoto ideologico che la politica tecnologica occupa è inutile se nessuno capisce cosa sia l’intelligenza artificiale. Se i nostri senatori non riuscivano a capire che Facebook guadagna soldi vendendo pubblicità, come possiamo mai sperare che comprendano le realtà tecniche e i limiti dell’IA? Con potenzialmente decine di milioni di posti di lavoro in equilibrio, “AI” diventerà quello che l’impresa di lobbying più pagata convince i nostri politici. La sesta stagione di Black Mirror si scrive praticamente da sola.

In college, ho avuto un professore di antropologia che ha aperto la sua classe, definendo “stronzate” con la migliore risposta singola Balderdash nella storia del genere umano. Per ogni argomento, c’è un divario tra l’offerta di ciò che realmente sappiamo e la domanda per ciò che sentiamo di dover sapere. Tutto ciò che riempie questo vuoto è una cazzata. Questa dinamica è al centro della più grande follia umana dalla pseudoscienza della medicina del XIX secolo alla mansuetudine.

Dall’introduzione dell’iPhone nel 2007, la tecnologia è alla ricerca disperata della prossima tecnologia che sbloccherà un mercato da mille miliardi di dollari. Nella Silicon Valley, un decennio è un’eternità e 12 anni dopo che Steve Jobs ha salutato una scatola da cinque pollici, non siamo più vicini alla nuova cosa.

Nel 2015, Facebook ha fatto una grande scommessa in gran parte dimenticata su VR / AR come piattaforma operativa del futuro, dichiarando che sarebbe più ” onnipresente che mobile “. La giuria è fuori per altri sei anni ma, finora, la realtà virtuale non trova nemmeno molta trazione nella pornografia, il suo mercato di frutta appeso più basso.

Mi aggrappo disperatamente all’idea che la voce diventerà il mezzo dominante, ma non ho mai usato il mio Alexa per qualcosa di diverso da una meteorologia glorificata. Blockchain e criptovalute hanno un potenziale enorme ma il loro unico caso d’uso chiaramente attualizzato è la speculazione. Di conseguenza, la tecnologia ha spinto tutti i suoi chip su AI e con buone ragioni.

Anche se il complesso industriale BS si confonde, accadono cose straordinarie nel campo dell’intelligenza artificiale (generale). James Holzhauer ha rotto Jeopardy ma non avrebbe avuto molte possibilità contro Watson. Gli algoritmi di deep learning hanno dimostrato di essere migliori degli umani nell’individuare il cancro del polmone , uno sviluppo che se applicato su larga scala potrebbe far risparmiare più di 30.000 pazienti all’anno.

Ma l’intelligenza artificiale non sta ancora aprendo mercati da trilioni di dollari o rimodellando la natura fondamentale del lavoro. Non è ancora raggiunto l’apice delle precedenti divinità della Silicon Valley come il microprocessore, il browser Internet o il telefono cellulare. Ma la valle sta puntando sull’IA per essere il suo prossimo dio e se non c’è dio, diventa necessario inventarlo.

Nel frattempo, c’è un altro modo.

Fondata nel 2014, x.ai è una società di tecnologia che dichiara che è guidata da intelligenza artificiale e l’empatia umana. La compagnia è esplosa sulla scena quando ha rilasciato Amy e Andrew Ingram, assistenti personali basati su AI che hanno promesso di pianificare magicamente le riunioni.

Quando stavo intervistando per un lavoro in azienda, ho scaricato Amy e ho scoperto che quasi nulla della tecnologia era magico. Come la mia fidanzata, Amy ha avuto poco apprezzamento per il mio spirito sardonico e ha faticato a capire dove, quando, o perché volevo un incontro programmato.

Come risultato di molti casi come il mio, x.ai ha faticato a trovare il mercato del prodotto in forma mentre risolveva i casi quasi infiniti associati alla comunicazione di riunione, culminando in un profilo Wired in cui il giornalista si è infastidito sulla sua schiena e avanti con l’agente. In un Ave Maria, la società ha cambiato il proprio focus per diventare una sorta di Calendly +, perfezionando la UX attorno alla pianificazione degli appuntamenti con le caratteristiche di intelligenza artificiale di marca onesta. Così facendo, x.ai si è liberato dal complesso industriale delle cazzate e è tornato alla formula magica di avvio per risolvere un problema noioso e onnipresente con una tecnologia elegante.

Ma fino a quel giorno, le basi per infondere empatia e una più profonda comprensione dei punti critici dell’utente saranno i differenziatori di base nei mercati affollati. C’è una bella ironia – nella cosiddetta era dell’intelligenza artificiale, le aziende possono vincere semplicemente essere umani.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi