Getty Images ha citato in giudizio l’azienda dietro Stable Diffusion, affermando che il generatore di intelligenza artificiale ha raschiato illegalmente il suo contenuto
La piattaforma di immagini stock afferma che l’azienda di intelligenza artificiale ha violato le leggi sul copyright.

 
Affermando che la sua vasta libreria di foto è stata rubata illegalmente, Getty Images ha annunciato di aver “avviato un procedimento legale” contro Stability AI, creatori del popolare strumento di generazione di immagini AI Stable Diffusion.

Stability AI “ha copiato ed elaborato illegalmente milioni di immagini protette da copyright” per addestrare il suo software di firma, ha sostenuto il gigante delle immagini stock in un comunicato stampa pubblicato oggi . 

L’annuncio spiegava che “Getty Images ritiene che l’intelligenza artificiale abbia il potenziale per stimolare gli sforzi creativi” e, come tale, offre licenze speciali per l’uso delle foto nell’addestramento dei sistemi di intelligenza artificiale. 

 
“Stability AI non ha chiesto alcuna licenza di questo tipo a Getty Images e invece, riteniamo, ha scelto di ignorare le opzioni di licenza praticabili e le protezioni legali di lunga data nel perseguimento dei propri interessi commerciali autonomi”, afferma il comunicato.

Un portavoce di Getty ha inoltre spiegato che la società ha inviato una lettera di intenti a Stability AI e ha presentato un ricorso presso l’Alta Corte di giustizia di Londra, ma ha rifiutato di commentare ulteriormente il caso. 

Un rappresentante di Stability AI ha affermato che l’azienda “è ancora in attesa della notificazione di eventuali documenti” e ha scoperto l’azione legale di Getty solo attraverso la stampa. “Ti preghiamo di sapere che prendiamo sul serio queste questioni”, si legge in una dichiarazione della società.

Lanciato lo scorso anno, Stable Diffusion è diventato rapidamente un successo online, differenziandosi da altri strumenti AI text-to-image come DALL-E 2 e Midjourney nel suo modello open source e nel suo prezzo gratuito. Ma non appena il software è diventato virale, gli utenti hanno iniziato a esaminarne il materiale originale.

Un recente studio di 12 milioni di immagini dal set di dati di Stable Diffusion ha trovato più di 15.000 foto da Getty. Le immagini sputate dal generatore di immagini AI spesso includevano anche una versione deformata della filigrana di Getty Images. (Altre fonti di immagini utilizzate per addestrare Stable Diffusion includono Etsy, Shutterstock e il rivenditore di stampe e poster Fine Art America.)

Esempio di testo in immagine da Stable Diffusion 2.0. Foto: Stability AI Github.
Il caso di Getty arriva tra le crescenti preoccupazioni sullo sviluppo delle tecnologie di intelligenza artificiale e le minacce al copyright che rappresentano per i creatori di immagini e i concessori di licenza, le cui implicazioni legali dovranno probabilmente essere sbrogliate in tribunale nei prossimi anni. 

 
Stable Diffusion e altri sistemi di intelligenza artificiale “imparano” setacciando milioni di immagini create dall’uomo che vengono spesso scartate dal web dalle aziende tecnologiche senza il consenso dei loro autori. I sostenitori dell’IA sostengono che questa pratica è protetta dalle leggi sul fair use; gli artisti hanno detto che viola i loro diritti d’autore.

Getty, proprietaria delle più grandi banche di immagini del mondo, è stata proattiva nella sua lotta contro le invasioni legali dell’intelligenza artificiale. Lo scorso settembre, con una mossa polarizzante, l’azienda ha bandito dalla sua piattaforma tutte le opere d’arte generate dall’intelligenza artificiale . 

In un’intervista con The Verge , il CEO di Getty Images Craig Peters ha paragonato l’attuale fase della tecnologia delle immagini AI ai giorni nascenti della musica digitale, quando i servizi decentralizzati offrivano MP3 gratuiti prima di essere bloccati da ondate di cause legali per copyright.

“Integro [questo a] Napster e Spotify”, ha detto Peters. “Spotify ha negoziato con i detentori dei diritti di proprietà intellettuale, etichette e artisti, per creare un servizio. Puoi discutere se sono equamente ricompensati in questo o meno, ma è una negoziazione basata sui diritti di individui ed entità.

“Pensiamo che allo stesso modo questi modelli generativi debbano affrontare i diritti di proprietà intellettuale di altri. Questo è il punto cruciale”, ha proseguito l’amministratore delegato. “E stiamo intraprendendo questa azione per ottenere chiarezza.” 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi